Concorsi pubblici 2.0, pubblicate le nuove linee guida per prove e valutazioni

Concorsi pubblici 2.0, pubblicate le nuove linee guida per prove e valutazioni

1886
0
CONDIVIDI

concorsi pubbliciPubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 12 giugno un documento destinato a modificare in maniera sostanziale lo svolgimento dei concorsi pubblici. Ecco dunque le nuove Linee guida che il ministero per la Semplificazione e la pubblica amministrazione ha redatto, ispirandosi alle migliori pratiche nazionali e internazionali in materia di reclutamento del personale.

Concorsi pubblici 2.0: procedura di reclutamento

Premesso che non esiste una procedura o un modello di concorso standard valido per il reclutamento di qualunque professionalità, il testo specifica che il bando andrà a definire, in relazione alla professionalità da reclutare, quale tipologia di concorso pubblico risulti più adatta tra il concorso pubblico per esami, quello per titoli, il concorso pubblico per titoli ed esami, il corso-concorso e, infine, la selezione con svolgimento di prove volte all’accertamento dei requisiti richiesti.

Per il reclutamento di funzionari statali e degli EPNE, ad esempio, è previsto, in misura non superiore al 50% dei posti, lo strumento del corso-concorso selettivo bandito dalla Scuola nazionale dell’amministrazione.

La migliore pratica da seguire, quantomeno per i dirigenti e le figure professionali comuni, rimane quella del concorso unico, modalità che è addirittura imposta dalla normativa (art. 4, comma 3-quinquies, D.L. 101/2013) alle amministrazioni dello Stato, alle agenzie e agli enti pubblici economici, per reclutare dirigenti e figure professionali comuni.

Tale concorso – precisano le Linee guida – è organizzato dalla Funzione pubblica e viene svolto in ambito regionale, se le posizioni da mettere a concorso si trovano solo in determinate sedi territoriali, per cui “in presenza di una chiara programmazione territoriale riferita ad amministrazioni o uffici aventi sede nel relativo territorio che determina una rilevante disponibilità di posti da bandire, si può procedere con i concorsi unici regionali“.

Concorsi pubblici 2.0: Livello delle conoscenze ed ambito di competenza

Per identificare i dirigenti e le figure professionali comuni è necessario procedere alla distinzione del livello delle conoscenze e dell’ambito di competenza. Per il primo, si farà riferimento al titolo di studio; per l’altro si andranno a considerare “le figure che svolgono attività e compiti amministrativi analoghi e trasversali nelle pubbliche amministrazioni”. Attraverso la ricognizione dei fabbisogni, i dirigenti e le figure correlate potranno anche essere identificati tenendo conto della tipologia del titolo di studio, ricorrendo ad “aggregazioni in famiglie professionali”. Operazione che potrà essere fatta, tenendo conto di:
– posizioni lavorative omogenee in relazione ai compiti professionali;
– strumenti di lavoro da utilizzare;
– descrizione delle finalità che contraddistinguono la posizione;
– ordinamento professionale del comparto e conseguente inquadramento;
– posizione nell’organigramma e responsabilità attribuite e, infine,
– tipologia delle relazioni.

Il nostro staff è particolarmente attento a tutte le dinamiche che riguarderanno i concorsi pubblici e, per qualsiasi chiarimento o delucidazione, potrai rivolgerti a noi inviando una mail all’indirizzo info@avvocatoleone.com.

Per non perderti le notizie più importanti, clicca qui e iscriviti alla nostra newsletterRiceverai, direttamente nella tua casella newsletterdi posta elettronica, notizie sulle nostre campagne legali, informazioni utili su tasse e rimborsibanche e mutuidiritti dei consumatoriscuolasanità, oltre a informazioni dettagliate su bandi e concorsi pubblici, e molto altro ancora.

CONDIVIDI
L’avv. Francesco Leone si è laureato presso la Facoltà di Giurispudenza di Palermo con una tesi in diritto costituzionale dal titolo “Le Forme di Governo e i Sistemi Elettorali”. Grazie alla guida del dominus Francesco Stallone, ha maturato esperienze come consulente per numerosi Enti Pubblici e Società Private con specifico riferimento alla predisposizione di bandi di gara, schemi di provvedimenti amministrativi e di contratti, interpretazione e applicazione della normativa regionale, nazionale e comunitaria. Superati immediatamente gli esami d’abilitazione, si iscrive all’Albo dell’Ordine degli Avvocati di Palermo. Da quel momento in poi, predispone e patrocina ricorsi singoli, e collettivi, presso la giurisdizione Amministrativa e Civile con particolare riferimento alle tematiche inerenti i Concorsi Pubblici, Esami di Stato, Esami d’Abilitazione, Urbanistica ed Edilizia, Contratti Pubblici/Appalti. Dal 2011 inizia a specializzarsi in Ricorsi Collettivi e Class Action aventi ad oggetto concorsi pubblici, procedure selettive e test d’ammissione e abilitazione. Nel 2013 crea un team di giovani professionisti che, coniugando ricerca scientifica e nuove tecnologie, si occupa con successo di tutti i grandi casi giurisprudenziali degli ultimi anni. Test d’ammissione a Medicina e Professioni Sanitarie, Esami d’abilitazione professionale, Concorsi nelle Forze dell’Ordine, Concorso dell’Agenzia delle Entrate, Selezioni CIAPI, Concorso “Roma Capitale”, Concorso MEF 2015, Piano Giovani e Garanzia Giovani (Youth Guarantee), Concorso Vigile del Fuoco, Accesso alle Scuole di Specializzazione Medica, Trasferimento in Italia da ateneo estero, Stabilizzazione precari e tutte le problematiche inerenti la Scuola rappresentano solo una parte delle attività professionali sino ad oggi svolte.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO


4 + 9 =