Dirigenti scolastici, domanda errata nel test. Le vostre segnalazioni

Dirigenti scolastici, domanda errata nel test. Le vostre segnalazioni

8999
0
CONDIVIDI

Abbiamo ricevuto centinaia di segnalazioni da parte di candidati al concorso per Dirigenti Scolastici, svoltosi lo scorso 23 luglio, che hanno lamentato la presenza di domande errate o fuorvianti, ovvero di domande, la cui risposta, considerata dal Ministero come corretta, è da ritenersi, nella sostanza, errata.

Si tratta dell’ennesima manifestazione di una procedura fallace e per nulla meritocratica.

Tra le numerose richieste che abbiamo ricevuto, la più palese risulta essere quella relativa al comma 83 della L. 107/2015.

  • Il dirigente scolastico può individuare, nell’ambito dell’organico dell’autonomia, fino al 1o per cento di docenti che lo coadiuvano in attività di supporto organizzativo e didattico dell’istituzione scolastica secondo la legge 107 del 2015, comma 83. Per quali finalità?
    A) Per avere un ruolo funzionale al buon andamento delle attività della scuola
    B) Per avere sostegno sotto il profilo organizzativo e didattico
    C) Per concorrere alla realizzazione del piano triennale dell’offerta formativa con attività di insegnamento, di potenziamento, di sostegno, di organizzazione, di progettazione e di coordinamento
    D) Per sostituire i docenti assenti nelle attività programmate
Ebbene tra le diverse opzioni, il MIUR ha considerato come corretta la risposta C. Tuttavia, non appena si controlla il testo del comma 83 della L. 107/2015, ci si rende immediatamente conto che la risposta corretta è la B.
 
Per tale ragione, il nostro studio legale ha deciso di attivare l’azione necessaria alla tutela dei docenti che, per effetto dell’errore appena riportato o di altri errori che i docenti interessati vorranno segnalarci, hanno risposto inserendo la risposta sostanzialmente corretta e sono stati privati, conseguentemente, del relativo punteggio.
 
Per questo motivo, chi ha risposto in maniera errata e ha conseguito un punteggio limite vicino a 60/100 può aderire al ricorso individuale, in quanto la somma del punteggio relativo ad una o più domande errate potrebbe consentire al candidato di raggiungere un punteggio utile ai fini dell’ammissione alla prova scritta.
 
Possono aderire altresì i docenti che proprio a causa della mancata attribuzione del punteggio relativo ad una domanda sostanzialmente errata sono stati esclusi dall’ammissione alla medesima prova.
 
Invitiamo, inoltre, tutti i docenti interessati a segnalarci eventuali altre domande errate, inviando una mail a info@avvocatoleone.com. In tal caso, le valuteremo e discuteremo con ciascuno della possibilità di presentare ricorso o meno.

Per maggiori informazioni e per aderire al ricorso clicca qui

newsletter

Per non perderti le notizie più importanti, clicca qui e iscriviti alla nostra newsletterRiceverai, direttamente nella tua casella di posta elettronica, notizie sulle nostre campagne legali, informazioni utili su tasse e rimborsibanche e mutuidiritti dei consumatoriscuolasanità, oltre a informazioni dettagliate su bandi e concorsi pubblici, e molto altro ancora.

CONDIVIDI
L’avv. Francesco Leone si è laureato presso la Facoltà di Giurispudenza di Palermo con una tesi in diritto costituzionale dal titolo “Le Forme di Governo e i Sistemi Elettorali”. Grazie alla guida del dominus Francesco Stallone, ha maturato esperienze come consulente per numerosi Enti Pubblici e Società Private con specifico riferimento alla predisposizione di bandi di gara, schemi di provvedimenti amministrativi e di contratti, interpretazione e applicazione della normativa regionale, nazionale e comunitaria. Superati immediatamente gli esami d’abilitazione, si iscrive all’Albo dell’Ordine degli Avvocati di Palermo. Da quel momento in poi, predispone e patrocina ricorsi singoli, e collettivi, presso la giurisdizione Amministrativa e Civile con particolare riferimento alle tematiche inerenti i Concorsi Pubblici, Esami di Stato, Esami d’Abilitazione, Urbanistica ed Edilizia, Contratti Pubblici/Appalti. Dal 2011 inizia a specializzarsi in Ricorsi Collettivi e Class Action aventi ad oggetto concorsi pubblici, procedure selettive e test d’ammissione e abilitazione. Nel 2013 crea un team di giovani professionisti che, coniugando ricerca scientifica e nuove tecnologie, si occupa con successo di tutti i grandi casi giurisprudenziali degli ultimi anni. Test d’ammissione a Medicina e Professioni Sanitarie, Esami d’abilitazione professionale, Concorsi nelle Forze dell’Ordine, Concorso dell’Agenzia delle Entrate, Selezioni CIAPI, Concorso “Roma Capitale”, Concorso MEF 2015, Piano Giovani e Garanzia Giovani (Youth Guarantee), Concorso Vigile del Fuoco, Accesso alle Scuole di Specializzazione Medica, Trasferimento in Italia da ateneo estero, Stabilizzazione precari e tutte le problematiche inerenti la Scuola rappresentano solo una parte delle attività professionali sino ad oggi svolte.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO


3 + 9 =