Decreto Madia e Co.Co.Co., quali gli scenari per i collaboratori coordinati continuativi?

Decreto Madia e Co.Co.Co., quali gli scenari per i collaboratori coordinati continuativi?

6879
0
CONDIVIDI

Negli scorsi giorni vi abbiamo parlato della riforma Madia e della disciplina generale introdotta dal Decreto (clicca qui per leggere l’articolo).

co.co.co.Nell’ambito degli approfondimenti in materia di stabilizzazione dei precari, affrontiamo oggi il tema dei Co.Co.Co., ossia dei precari sottoscrittori, con le pubbliche amministrazioni, di contratti di collaborazione coordinata e continuativa. Con riferimento a questa categoria di contratti, il Decreto Madia, così come già era stato previsto in passato con il Jobs Act, ha introdotto il divieto, per le pubbliche amministrazioni, di sottoscrizione di nuovi contratti di Co.Co.Co.

Sebbene ciò lascerebbe presumere il contrario, però, i precari che abbiano sottoscritto tale tipologia di contratti non saranno esclusi dalle procedure di stabilizzazione.

Gli stessi, infatti, potranno ambire alla stabilizzazione, al pari degli altri precari, nel caso in cui abbiano maturato, al 31 dicembre 2017 e negli ultimi 8 anni, almeno 36 mesi di servizio presso una P.A., anche in modo non continuativo, e abbiano prestato servizio, per almeno un giorno, dopo il 28 agosto 2015.

Se in possesso dei predetti requisiti, quindi, anche il lavoratore Co.Co.Co. avrà la possibilità di partecipare ai concorsi con riserva di posti per i precari, nel caso in cui gli stessi vengano indetti.

Inoltre, qualora a seguito di svariati contratti di collaborazione coordinata e continuativa, il lavoratore precario abbia sottoscritto un contratto di lavoro subordinato con l’amministrazione, in forza del quale sia stato prestato servizio per almeno un giorno dopo il 28 agosto 2015, il lavoratore potrà accedere alle procedure di stabilizzazione diretta, se in possesso dell’ulteriore requisito consistente nell’essere stato assunto da una graduatoria concorsuale (anche per uno solo dei vari contratti flessibili dallo stesso sottoscritti).

I requisiti richiesti per la stabilizzazione dei Co.Co.Co., pertanto, sono i medesimi individuati per ogni lavoratore subordinato alle dipendenze della pubblica amministrazione.

Le altre forme di tutela per i Co.Co.Co.

Oltre alla possibilità di accedere alle stabilizzazioni, il lavoratore Co.Co.Co., potrà ricevere ulteriore tutela nel caso in cui la collaborazione non risulti genuina. In questo caso, infatti, il lavoratore potrà agire in giudizio per ottenere una pronuncia che permetta di ricondurre il rapporto di lavoro al lavoro subordinato, la quale, nei fatti, coincide con una conversione del rapporto di lavoro.

Il lavoratore, in questo caso, potrà godere di una serie di tutele, dovendo trovare applicazione qualsiasi istituto normalmente applicabile ai dipendenti subordinati.

Gli elementi che portano a considerare non genuina la collaborazione sono principalmente due:

  • L’etero organizzazione della prestazione lavorativa: ossia il caso in cui il lavoratore sia tenuto a prestare servizio nei luoghi e negli orari decisi dal datore di lavoro e sotto la costante direzione di quest’ultimo che organizza tutti gli aspetti della prestazione;
  • Quando la prestazione sia unicamente personale e continuativa: ossia quando manchi la collaborazione di altri soggetti.

Non potranno essere considerate genuine nemmeno le collaborazioni che non prevedano la realizzazione di un alcun tipo di progetto.

Per ricevere maggiori informazioni sul punto invia una mail all’indirizzo info@avvocatoleone.com

Vuoi sapere se hai requisiti per partecipare alla stabilizzazione? 

Scoprilo immediatamente rispondendo a poche semplici domande. Clicca qui per iniziare il questionario.
Al termine del quiz riceverai la risposta direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Per restare aggiornato e non perderti nessuna informazione, iscriviti al nostro gruppo Facebook dedicato Stabilizzazione Precari.

Per non perderti le notizie più importanti, clicca qui e iscriviti alla nostra newsletterRiceverai, direttamente nella tua casella newsletterdi posta elettronica, notizie sulle nostre campagne legali, informazioni utili su tasse e rimborsibanche e mutuidiritti dei consumatoriscuolasanità, oltre a informazioni dettagliate su bandi e concorsi pubblici, e molto altro ancora.

CONDIVIDI
L’avv. Francesco Leone si è laureato presso la Facoltà di Giurispudenza di Palermo con una tesi in diritto costituzionale dal titolo “Le Forme di Governo e i Sistemi Elettorali”. Grazie alla guida del dominus Francesco Stallone, ha maturato esperienze come consulente per numerosi Enti Pubblici e Società Private con specifico riferimento alla predisposizione di bandi di gara, schemi di provvedimenti amministrativi e di contratti, interpretazione e applicazione della normativa regionale, nazionale e comunitaria. Superati immediatamente gli esami d’abilitazione, si iscrive all’Albo dell’Ordine degli Avvocati di Palermo. Da quel momento in poi, predispone e patrocina ricorsi singoli, e collettivi, presso la giurisdizione Amministrativa e Civile con particolare riferimento alle tematiche inerenti i Concorsi Pubblici, Esami di Stato, Esami d’Abilitazione, Urbanistica ed Edilizia, Contratti Pubblici/Appalti. Dal 2011 inizia a specializzarsi in Ricorsi Collettivi e Class Action aventi ad oggetto concorsi pubblici, procedure selettive e test d’ammissione e abilitazione. Nel 2013 crea un team di giovani professionisti che, coniugando ricerca scientifica e nuove tecnologie, si occupa con successo di tutti i grandi casi giurisprudenziali degli ultimi anni. Test d’ammissione a Medicina e Professioni Sanitarie, Esami d’abilitazione professionale, Concorsi nelle Forze dell’Ordine, Concorso dell’Agenzia delle Entrate, Selezioni CIAPI, Concorso “Roma Capitale”, Concorso MEF 2015, Piano Giovani e Garanzia Giovani (Youth Guarantee), Concorso Vigile del Fuoco, Accesso alle Scuole di Specializzazione Medica, Trasferimento in Italia da ateneo estero, Stabilizzazione precari e tutte le problematiche inerenti la Scuola rappresentano solo una parte delle attività professionali sino ad oggi svolte.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO


4 + 1 =