venerdì, maggio 25, 2018

RICORSO

Ricorso per il riconoscimento del diritto all’assegnazione temporanea ex art. 42-bis D. Lgs. 151/2001

L’art. 42-bis del D. Lgs. 151/2001 disciplina l’istituto dell’assegnazione temporanea dei lavoratori dipendenti alle amministrazioni pubbliche, riconoscendo al genitore dipendente pubblico ANCHE DOCENTE di un minore di età inferiore agli anni 3 di essere assegnato temporaneamente per un periodo non superiore a tre anni presso la sede scolastica più vicina al luogo in cui presta servizio l’altro genitore, anche non coniugato.

Si tratta di una disposizione posta a tutela dell’unità familiare e volta a tutelare il benessere psicofisico dei minori di tenera età, troppo spesso ormai sottoposti a stress familiari non indifferenti connessi alla lontananza di uno dei due genitori per motivi di lavoro.

Per lungo tempo l’Amministrazione scolastica ha ritenuto di non dovere applicare la disposizione de qua al comparto scuola, ritenendo l’istituto sostituibile con quello dell’assegnazione provvisoria.

Al contrario, i due istituti sono diversi ed indipendenti, avendo l’assegnazione provvisoria durata meramente annuale e potendo, invece, l’assegnazione temporanea ex art. 42-bis del D. Lgs. 151/2001 protrarsi fino ad un triennio.

L’Amministrazione ha 30 giorni di tempo per esitare l’istanza del docente che si trova nella situazione de qua, successivamente ai quali, il provvedimento si intende rifiutato. Da tale momento, si può presentare ricorso.

TIPOLOGIA DI RICORRENTE

Personale Docente genitore di minori di età inferiore ai tre anni, il cui altro genitore esercita la propria attività lavorativa presso la sede richiesta, la cui istanza di assegnazione temporanea è stata rigettata o non esitata.

  • N.B. È SUFFICIENTE ESSERE GENITORI ANCHE NON CONIUGATI DI UN MINORE DI ETÀ INFERIORE AI TRE ANNI.

NORMATIVA E GIURISPRUDENZA

  • NORMATIVA

L’art. 42-bis del D. Lgs. 151/2001 prevede che “il genitore con figli minori fino a tre anni di età dipendente di amministrazioni pubbliche di cui all’articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni, può essere assegnato, a richiesta, anche in modo frazionato e per un periodo complessivamente non superiore a tre anni, ad una sede di servizio ubicata nella stessa provincia o regione nella quale l’altro genitore esercita la propria attività lavorativa, subordinatamente alla sussistenza di un posto vacante e disponibile di corrispondente posizione retributiva e previo assenso delle amministrazioni di provenienza e destinazione. L’eventuale dissenso deve essere motivato e limitato a casi o esigenze eccezionali. L’assenso o il dissenso devono essere comunicati all’interessato entro trenta giorni dalla domanda”.

Pertanto, la legge non dispone alcuna eccezione in riferimento ai dipendenti dell’Amministrazione scolastica.

  • GIURISPRUDENZA

La Giurisprudenza ordinaria ha, in diverse occasioni ed anche di recente, accolto i ricorsi promossi dal nostro Studio Legale, ritenendo fondata la censura con cui i nostri legali avevano lamentato la violazione dell’art. 42-bis del D. Lgs. 151/2001, nella parte in cui realizza una disparità di trattamento tra i docenti e gli altri dipendenti pubblici, con grave lesione per la tutela dell’unità familiare e i diritti dell’infanzia.

AUTORITÀ ADITA

Lo studio legale Leone-Fell assiste i propri ricorrenti sin dal momento della presentazione dell’istanza, a seguito della quale, in assenza di provvedimento di accoglimento entro 30 giorni, si può fare ricorso al Tribunale Ordinario in funzione di Giudice del Lavoro

TERMINE DI ADESIONE

Il termine ultimo di adesione al ricorso è il 20 dicembre

TIPOLOGIA DI RICORSO E MODULISTICA

  • RICORSO (GIUDICE DEL LAVORO)
    – Individuale: 1.500,00 € (oltre contributo)

Per ricevere qualsiasi tipo di informazione invia una mail all’indirizzo info@avvocatoleone.com o compila il nostro form “Raccontaci il tuo caso”.

Per informazioni immediate chiama 0917794561

Viste le nostre recenti vittorie al Tar che hanno consentito ai docenti di accedere alla mobilità interprovinciale, il nostro studio legale ha deciso di...

fit 2018
A seguito delle numerose richieste e viste le recenti vittorie al Tar che hanno consentito a docenti ITP, dottori di ricerca e docenti con...

inserimento i e ii fascia
Il DDG n.784/2018 disciplina l’integrazione delle graduatorie di istituto del personale docente, e in particolare, riguarda: l’inserimento negli elenchi aggiuntivi alla II fascia delle...

Il personale precario e di ruolo del comparto Scuola, che dopo il 6 maggio del 2000 ha optato per il passaggio dal regime TFS a...

mobilità
Accolto il ricorso di una docente catanese, nostra ricorrente, a cui non era stata accettata la domanda di trasferimento. Assegnata a Varese, in Lombardia,...

servizio pre-ruolo
Molti docenti hanno segnalato al nostro studio legale che nella notifica di convalida della domanda per accedere alla Mobilità interprovinciale 2018/2019, il Miur avrebbe...

servizio pre-ruolo
Viste le nostre recenti vittorie al Tar che hanno consentito ai docenti di accedere alla mobilità interprovinciale, il nostro studio legale ha deciso di...

ricorso straordinario
A seguito delle numerose richieste e viste le recenti vittorie al Tar che hanno consentito a docenti ITP, dottori di ricerca e docenti con...

servizio pre-ruolo
L'Ordinanza n. 207 del 2018, con cui il MIUR ha disciplinato la mobilità del personale docente ed ATA per l’anno scolastico 2018/2019 (clicca qui per l’atto...

legge 104
Il docente referente unico del parente ed affine disabile sino al terzo grado (ex legge 104/1992 art 3 comma 3) ha diritto alla precedenza nella Mobilità...