sabato, giugno 23, 2018

CONTESTO

Lo scorso 13 settembre si sono conclusi i test d’accesso per il corso di laurea in Professioni sanitarie che comprende, al suo interno, diversi corsi di studio.

Al contempo, negli stessi giorni in molti atenei si sono svolti i test d’accesso alle facoltà a numero programmato come scienze della formazione primaria/psicologia/mediazione linguistica/biologia etc..

Oltre a tantissime segnalazioni su irregolarità nello svolgimento delle prove cfr casi Catania e Roma (se vogliamo citiamoli), lo studio legale ha potuto appurare che anche quest’anno molti Atenei hanno:

  • imposto un punteggio minimo per essere idonei, lasciando molti posti vacanti e non ridistribuendoli in favore degli inidonei (p. es. scienze della formazione primaria non si è ammessi in graduatoria se non si ottiene minimo 55 punti nel test);
  • formulato delle graduatorie in ordine di preferenza piuttosto che in ordine di punteggio favorendo coloro che avevano messo per prime scelte meno gettonate e svantaggiando coloro che, nonostante l’ottimo punteggio conseguito, avevano messo fra le prime scelte corsi più richiesti;
  • formulato graduatorie per Ateneo nonostante l’esame per i corsi di laurea in questione a numero programmato si svolga lo stesso giorno su tutto il territorio nazionale e nonostante le materie impartite siano identiche o pressoché identiche, dunque, svantaggiando coloro che hanno provato ad accedere in Facoltà con meno possibilità di ingresso o con più richiesta.

Inoltre in molti test erano presenti quesiti errati che lo studio sta sottoponendo all’analisi di soggetti con comprovata esperienza per valutarne la regolarità o meno.

TIPOLOGIA DI RICORRENTE

Tutti coloro che a settembre hanno sostenuto il test d’ingresso ad una facoltà a numero chiuso (diversa da Medicina/Odontoiatria) quale per esempio fisioterapia o scienze della formazione primaria o psicologia;

OBIETTIVO DA RAGGIUNGERE

Immatricolazione se il candidato:

  • ha riportato un punteggio inferiore alla soglia di idoneità ma nell’ateneo presso il quale ha svolto il test residuano posti vacanti non assegnati;
  • ha ottenuto un punteggio elevato ma è stato scavalcato nelle scelte perché altri candidati hanno messo scelte meno gettonate per prime;
  • vorrebbe immatricolarsi anche in altri atenei dove sono rimasti posti vacanti ma non gli viene permesso perché gli Atenei dicono che il test è differente da Ateneo ad Ateneo ed i posti non vengono redistribuiti su tutto il territorio nazionale;
  • ha sbagliato qualche quesito che lui ritiene non correttamente formulato; in questo caso chiederemo la rettifica del punteggio per farlo ammettere all’interno della rosa dei vincitori. Quindi prima di fare questo ricorso bisogna verificare se il candidato con il punteggio in più richiesto otterrebbe un punteggio utile alla immatricolazione.

I NOSTRI PRECEDENTI

Lo studio legale ha ottenuto diverse pronunce favorevoli in tema di immatricolazione ad anni successivi ai primi per studenti laureandi o laureati in altri corsi di laurea.

La giurisprudenza è molto favorevole ed accoglie i ricorsi incentrati su:

  • mancato raggiungimento di un punteggio di idoneità se sono rimasti posti vacanti non redistribuiti;
  • erronea formulazione della graduatoria se, in caso di più scelte, viene stilata in ordine di priorità delle stesse piuttosto che in ordine del punteggio ottenuto;
  • richiesta di immatricolazione presso un altro ateneo dove residua un posto vacante.

AUTORITÀ ADITA

Tar del capoluogo più prossimo all’Ateneo verso il quale si chiede la immatricolazione.

TERMINE PER ADEIRE AL RICORSO

Le adesioni dovranno pervenire in studio entro il 31 ottobre

TIPOLOGIA DI RICORSO E MODULISTICA

  • Individuale: € 1.500,00 OLTRE C.U.

Per ricevere qualsiasi tipo di informazione invia una mail all’indirizzo info@avvocatoleone.com o compila il nostro form “Raccontaci il tuo caso”.

Per informazioni immediate chiama 0917794561

test medicina 2017
Buone notizie dal Consiglio di Stato per tutti coloro che hanno fatto ricorso contro il Test Medicina 2017: con numerosi provvedimenti cautelari, infatti, il...

È possibile immatricolarsi in Medicina e Odontoiatria senza aver superato il test d’ingresso, se si proviene da altri corsi di laurea dell’area sanitaria. Dopo l'incontro...

È possibile immatricolarsi in Medicina e Odontoiatria senza aver superato il test d’ingresso, se si proviene da altri corsi di laurea dell’area sanitaria. Dopo la...

Immatricolazioni a Medicina e Odontoiatria ad anni successivi al primo senza superare il test d'ingresso: lunedì 5 marzo alle ore 18.30 diretta streaming con...

ricognizione dei posti vacanti
Importante decisione del Tar del Lazio sui Test di Medicina: i giudici hanno accolto le nostre richieste e hanno ordinato al Miur di spiegare come è...

prorogati i termini
Al momento sono 86 i posti vacanti, non riassegnati, dopo la chiusura della graduatoria nazionale di merito, senza contare i posti che resteranno liberi per...

senza test
Lo scorso 28 novembre si sono svolte le prove di ammissione alle SSM, le Scuole di Specializzazioni Mediche. Anche quest’anno sono state riscontrate diverse...

extracomunitari
Nei corsi di laurea a numero programmato, i posti destinati agli extracomunitari, qualora non assegnati, possono essere destinati agli studenti comunitari. Sono ormai diverse le...

ricognizione dei posti vacanti
Parte il ricorso straordinario per richiedere l’accesso ai corsi di laurea in Medicina e Odontoiatria, rivolto a tutti coloro che non sono riusciti ad aderire al...

ssm
Si è svolta nei giorni scorsi la prova nazionale per l’accesso alle Ssm, le Scuole di specializzazione in Medicina. E anche per questa edizione...