Specializzazioni mediche, oggi la prova nazionale

Specializzazioni mediche, oggi la prova nazionale

6505
0
CONDIVIDI

Specializzazioni mediche, oggi la prova nazionale

Medicina 2018Si è svolta oggi, martedì 17 luglio, la prova nazionale per l’ammissione alle Scuole di specializzazioni mediche. Entro domani, i partecipanti ai test, dovranno comunicare, accedendo alla propria pagina personale, gli eventuali requisiti specifici dei contratti aggiuntivi, come stabilito dal decreto direttoriale.

Decreto con le indicazioni sui requisiti specifici dei contratti aggiuntivi

Specializzazioni mediche, i posti disponibili

Qualche giorno fa, sul sito del Miur, è stato pubblicato il decreto, firmato dal ministro Marco Bussetti, con la distribuzione dei posti presso le Scuole di specializzazioni mediche finanziati con risorse statali, regionali e provenienti da altri enti pubblici e/o privati e di quelli riservati alle categorie previste dal decreto legislativo 368/1999.

Il numero dei contratti di formazione medica specialistica per il 2017/2018 è aumentato rispetto allo scorso anno: 6.934. Di questi, 6.200 sono finanziati con fondi statali (l’anno scorso erano 6.105), 640 con fondi regionali (a fronte dei 499 dello scorso anno) e 94 con risorse di altri enti pubblici e/o privati (erano 71).

Per quanto riguarda, invece, i posti riservati c’è stato un lieve calo: 194 (a fronte dei 210 dello scorso anno) sono previsti per i medici dipendenti del Ssn, 29 i posti riservati al ministero della Difesa (21 nel 2016/2017) e 7 quelli a disposizione della Polizia di Stato (aumentati rispetto ai 4 dello scorso anno).

Decreto con la distribuzione dei posti

Specializzazioni mediche, fabbisogno reale

Il numero dei posti messo a bando, così come evidenziato da Regioni e Province autonome, è nettamente inferiore a quanto richiesto per coprire il fabbisogno di specialisti nei prossimi anni.

Per l’anno accademico 2017/2018 il fabbisogno espresso è infatti pari a 8.569 unità mentre le risorse disponibili permettono il finanziamento di 6.200 contratti di formazione specialistica, con una differenza di 2.369 unità.

A questo si aggiunge che, come successo in passato, al termine delle assegnazioni molti posti rimangono vacanti a causa delle numerose rinunce. In tanti infatti, non riuscendo a entrare in una scuola di specializzazione di gradimento, preferiscono rinunciare al posto che però non viene di fatto riassegnato.

Il nostro studio ha già riportato vittorie al Consiglio di Stato, sostenendo l’illegittimità della mancata riassegnazione dei posti vacanti. 

Leggi: “Specializzazioni mediche: vittoria al Consiglio di stato per l’assegnazione dei posti vacanti”

Per tale ragione, chiunque voglia inoltrare istanze d’accesso per l’individuazione di posti rimasti liberi al termine delle assegnazioni può contattare il nostro studio, inviando una mail a info@avvocatoleone.com

Specializzazioni mediche, anomalie ai test

Poiché lo scorso anno, i test sono stati caratterizzati anche da diverse anomalie, vi invitiamo a segnalarci al nostro indirizzo mail tutto ciò che riteniate possa aver leso il vostro diritto allo studio (dalla presenza di smartphone e smartwatch in aula durante lo svolgimento della prova alla distribuzione dei posti, o ancora la presenza di domande errate o fuorvianti che possano falsare i punteggi e influire sulla graduatoria nazionale).

Per non perderti le notizie più importanti, clicca qui e iscriviti alla nostra newsletternewsletterRiceverai, direttamente nella tua casella di posta elettronica, notizie sulle nostre campagne legali, informazioni utili su tasse e rimborsibanche e mutuidiritti dei consumatoriscuolasanità, oltre a informazioni dettagliate su bandi e concorsi pubblici, e molto altro ancora.

 

CONDIVIDI
L’avv. Francesco Leone si è laureato presso la Facoltà di Giurispudenza di Palermo con una tesi in diritto costituzionale dal titolo “Le Forme di Governo e i Sistemi Elettorali”. Grazie alla guida del dominus Francesco Stallone, ha maturato esperienze come consulente per numerosi Enti Pubblici e Società Private con specifico riferimento alla predisposizione di bandi di gara, schemi di provvedimenti amministrativi e di contratti, interpretazione e applicazione della normativa regionale, nazionale e comunitaria. Superati immediatamente gli esami d’abilitazione, si iscrive all’Albo dell’Ordine degli Avvocati di Palermo. Da quel momento in poi, predispone e patrocina ricorsi singoli, e collettivi, presso la giurisdizione Amministrativa e Civile con particolare riferimento alle tematiche inerenti i Concorsi Pubblici, Esami di Stato, Esami d’Abilitazione, Urbanistica ed Edilizia, Contratti Pubblici/Appalti. Dal 2011 inizia a specializzarsi in Ricorsi Collettivi e Class Action aventi ad oggetto concorsi pubblici, procedure selettive e test d’ammissione e abilitazione. Nel 2013 crea un team di giovani professionisti che, coniugando ricerca scientifica e nuove tecnologie, si occupa con successo di tutti i grandi casi giurisprudenziali degli ultimi anni. Test d’ammissione a Medicina e Professioni Sanitarie, Esami d’abilitazione professionale, Concorsi nelle Forze dell’Ordine, Concorso dell’Agenzia delle Entrate, Selezioni CIAPI, Concorso “Roma Capitale”, Concorso MEF 2015, Piano Giovani e Garanzia Giovani (Youth Guarantee), Concorso Vigile del Fuoco, Accesso alle Scuole di Specializzazione Medica, Trasferimento in Italia da ateneo estero, Stabilizzazione precari e tutte le problematiche inerenti la Scuola rappresentano solo una parte delle attività professionali sino ad oggi svolte.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO


8 + 2 =