Home Abilitazioni ASN, errata valutazione dei titoli. Nostra vittoria al Tar: disposto nuovo esame!

ASN, errata valutazione dei titoli. Nostra vittoria al Tar: disposto nuovo esame!

insufficienza prova scrittaAveva presentato alcuni titoli e pubblicazioni per l’Abilitazione Scientifica Nazionale che erano però stati riportati in maniera errata, Una volta ottenuto un giudizio di inidoneità, la candidata si è rivolta al nostro Studio per proporre ricorso e ricevere la dovuta tutela. Il Tar Lazio ha accolto le nostre tesi e disposto un nuovo esame della candidata con una nuova commissione.

L’art. 3 del Decreto ministeriale n. 76/2012 prevede che “nelle procedure di abilitazione per l’accesso alle funzioni di professore di prima e di seconda fascia, la commissione formula un motivato giudizio di merito sulla qualificazione scientifica del candidato basato sulla valutazione analitica dei titoli e delle pubblicazioni presentate. La valutazione si basa sui criteri e i parametri definiti per ciascuna fascia agli articoli 4 e 5”, i quali, per la valutazione delle pubblicazioni scientifiche, stabiliscono che la Commissione si attiene, tra gli altri parametri, all’impatto della produzione scientifica complessiva all’interno del settore concorsuale.  

Poiché l’elenco dei titoli presentati risultava essere errato, tale errore potrebbe aver inciso sul giudizio della Commissione. “Tali circostanze – si legge infatti nella sentenza del Tar –  si traducono in errori di fatto idonei a incidere sulla fase della valutazione compiuta dalla commissione e, quindi, in sintomi dell’eccesso di potere.  La motivazione del giudizio non appare pertanto idonea a descrivere le ragioni che hanno spinto la commissione a qualificare come non idonea la ricorrente in considerazione degli errori di fatto descritti idonei in astratto a inficiare il giudizio della commissione”.

Per tali motivi i giudici accolgono il ricorso e obbligano l’Amministrazione a “procedere ad un nuovo esame del candidato, avvalendosi di una Commissione in differente composizione, entro il termine di 90 giorni dalla notifica”.

Pertanto chiunque abbia ottenuto un giudizio negativo, senza adeguate motivazioni o a seguito di errori, può contattare il nostro studio, inviando una mail a info@leonefell.com, per ottenere la dovuta tutela.

newsletter

Vuoi ricevere le notizie direttamente nella tua mail? Clicca qui e iscriviti alla newsletter

Francesco Leone
L’avv. Francesco Leone si è laureato presso la Facoltà di Giurispudenza di Palermo con una tesi in diritto costituzionale dal titolo “Le Forme di Governo e i Sistemi Elettorali”. Grazie alla guida del dominus Francesco Stallone, ha maturato esperienze come consulente per numerosi Enti Pubblici e Società Private con specifico riferimento alla predisposizione di bandi di gara, schemi di provvedimenti amministrativi e di contratti, interpretazione e applicazione della normativa regionale, nazionale e comunitaria. Superati immediatamente gli esami d’abilitazione, si iscrive all’Albo dell’Ordine degli Avvocati di Palermo. Da quel momento in poi, predispone e patrocina ricorsi singoli, e collettivi, presso la giurisdizione Amministrativa e Civile con particolare riferimento alle tematiche inerenti i Concorsi Pubblici, Esami di Stato, Esami d’Abilitazione, Urbanistica ed Edilizia, Contratti Pubblici/Appalti. Dal 2011 inizia a specializzarsi in Ricorsi Collettivi e Class Action aventi ad oggetto concorsi pubblici, procedure selettive e test d’ammissione e abilitazione. Nel 2013 crea un team di giovani professionisti che, coniugando ricerca scientifica e nuove tecnologie, si occupa con successo di tutti i grandi casi giurisprudenziali degli ultimi anni. Test d’ammissione a Medicina e Professioni Sanitarie, Esami d’abilitazione professionale, Concorsi nelle Forze dell’Ordine, Concorso dell’Agenzia delle Entrate, Selezioni CIAPI, Concorso “Roma Capitale”, Concorso MEF 2015, Piano Giovani e Garanzia Giovani (Youth Guarantee), Concorso Vigile del Fuoco, Accesso alle Scuole di Specializzazione Medica, Trasferimento in Italia da ateneo estero, Stabilizzazione precari e tutte le problematiche inerenti la Scuola rappresentano solo una parte delle attività professionali sino ad oggi svolte.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here


6 + 5 =