Bandi trasferimento: come cambiare sede o corso di laurea!

Per potersi trasferire o immatricolarsi ad anno successivo al primo dei corsi di laurea a numero chiuso è necessario partecipare alle procedure denominate “Bandi trasferimento”. Si tratta di una procedura concorsuale per soli titoli (solo pochi Atenei prevedono test o colloqui), indetta annualmente da tutte le Università italiane nei mesi estivi.

La partecipazione ai bandi non è delle più semplici. Quella che dovrebbe essere una procedura agevole e meritocratica in realtà è un percorso a ostacoli. Gli intralci sono di diversa natura: informativi, procedurali, quantitativi, temporali e burocratici.

Bandi trasferimento, un percorso a ostacoli

Innanzitutto è arduo trovare il bando pubblicato sul sito web istituzionale dell’Ateneo. Ogni Università pubblica il proprio bando e ogni bando ha una denominazione differente in grado di ingannare i migliori motori di ricerca.

Molto incerta è anche la data di pubblicazione dei bandi: si parte da fine maggio e si arriva ad agosto, ma alcuni Atenei arrivano a pubblicarli anche nei mesi successivi: l’ultimo bando del 2022 è stato pubblicato a metà dicembre!

Voler partecipare a più bandi significa quindi controllare quotidianamente i siti Web di tutti gli Atenei che hanno un CdL a numero chiuso e stare di vedetta per mesi.

Il ché non è così semplice: lo scorso anno sono stati pubblicati ben 135 bandi (n. 49 bandi per Medicina e Chirurgia; n. 35 bandi per Odontoiatria e Protesi dentaria; n. 36 bandi per Fisioterapia; n. 15 bandi per Medicina Veterinaria).

Una volta trovato il bando occorre parteciparvi, che può rivelarsi altrettanto complesso. I termini entro cui inviare la domanda sono perentori e – ovviamente – assai brevi (massimo 15 giorni dalla pubblicazione).

Bandi trasferimento, difficili e a volte illegittimi

Il bando, inoltre, è spesso di difficile interpretazione e talvolta anche illegittimo.

Gli articoli che individuano i requisiti di partecipazione possono essere addirittura “escludenti” e in questo caso vanno impugnati tempestivamente per consentire agli interessati di partecipare e pertanto essere valutati e inseriti in graduatoria.

Occorre dunque saper “leggere” ogni singola clausola del bando, individuandone le criticità e/o i punti oscuri, in modo da non incorrere in errori al momento della compilazione della domanda di partecipazione, rispettando i tempi dettati e allegando tutti i documenti richiesti.

Bandi trasferimento, graduatorie e scorrimenti

Una volta spedita la domanda di partecipazione si apre la seconda fase della partecipazione alla procedura concorsuale. Gli Atenei ricevute le domande analizzeranno quelle pervenute in tempo e correttamente compilate. Un’apposita Commissione valuterà il curriculum studiorum di ogni singolo partecipante e in base ai criteri dettati dal Bando e stilerà la relativa graduatoria.

La pubblicazione della graduatoria avviene in momenti quasi mai coincidenti con quelli indicati orientativamente nel Bando. Nel 2022 alcune graduatorie attese a settembre sono state pubblicate a novembre/dicembre.

Accorgersi immediatamente della pubblicazione della graduatoria è essenziale.

Generalmente ai vincitori vengono dati tre/cinque giorni per potersi immatricolare. Se il vincitore non rispetta il termine viene dichiarato “decaduto” e non potrà più immatricolarsi. Una volta pubblicata la graduatoria, qualora non si risulti vincitore, ma “idoneo” si devono attendere i cosiddetti “scorrimenti”.

Gli scorrimenti possono essere anche tre/quattro e gli ultimi possono essere pubblicati a distanza di mesi (nel 2022 l’ultimo scorrimento è stato pubblicato a marzo!).

Peraltro, molto spesso accade che la valutazione del candidato e il relativo posizionamento in graduatoria sia sbagliato, per studi pregressi non valutati integralmente o per materie perfettamente convalidabili non valutate.

Altrettanto spesso i verbali di valutazione non vengono pubblicati e quando lo studente si vede escluso non è messo in condizione di conoscerne il motivo. Lo studente ha un posizionamento in graduatoria nettamente peggiore del collega che ha sostenuto meno esami senza sapere perché.

Se questo accade si hanno solo 10 giorni per presentare osservazioni e 60 giorni per impugnare la graduatoria innanzi il TAR competente, redigere e notificare immediatamente l’apposita istanza di accesso agli atti con la quale chiedere all’Ateneo i documenti necessari per verificare legittimità e correttezza.

Dunque avvedersi immediatamente della pubblicazione della graduatoria è essenziale!

Bandi trasferimento, cosa possiamo fare per te!

Grazie all’attività di consulenza fornita dallo Studio Legale Leone – Fell tutti i bandi che giornalmente verranno pubblicati saranno tempestivamente comunicati nell’area personale (creata per ogni singolo cliente).

L’attività di consulenza non comprende solo il monitoraggio dei bandi e la comunicazione tempestiva degli stessi, ma anche l’individuazione dei punti salienti della disciplina concorsuale in modo da non presentare domande di partecipazione incomplete, sbagliate e incorrere in cause di esclusione.

Vengono altresì monitorate e comunicate tutte le graduatorie e i relativi scorrimenti di graduatoria, in modo da potersi immatricolare tempestivamente se vincitore o tutelare i propri diritti se illegittimamente escluso.

Il servizio di consulenza bandi comprende:

  • il monitoraggio dei bandi trasferimenti pubblicati da tutti gli Atenei nazionali;
  • la comunicazione tempestiva della pubblicazione di un bando attraverso la tua area riservata;
  • l’elencazione dei punti salienti della procedura concorsuale da dover rispettare per poter presentare la domanda di partecipazione con indicazione di tutti gli aspetti essenziali da osservare, nonché l’eventuale individuazione di clausole illegittime e dei relativi strumenti di tutela;
  • il monitoraggio delle graduatorie e degli scorrimenti pubblicati da tutti gli Atenei nazionali.

Vuoi saperne di più? Clicca su INIZIA e compila il form per essere ricontattato dal nostro staff legale!



28/04/2022

Categorie

Hai bisogno di altre informazioni?

var _paq = window._paq = window._paq || []; /* tracker methods like "setCustomDimension" should be called before "trackPageView" */ _paq.push(['trackPageView']); _paq.push(['enableLinkTracking']); (function() { var u="https://avvocatoleone.matomo.cloud/"; _paq.push(['setTrackerUrl', u+'matomo.php']); _paq.push(['setSiteId', '1']); var d=document, g=d.createElement('script'), s=d.getElementsByTagName('script')[0]; g.async=true; g.src='//cdn.matomo.cloud/avvocatoleone.matomo.cloud/matomo.js'; s.parentNode.insertBefore(g,s); })();
small_c_popup.png

Diffida CIG Covid - Società

Inserisci I Dati E Ricevi La Diffida Pronta Con I Tuoi Dati!

small_c_popup.png

Diffida CIG Covid - Impresa individuale

Inserisci i dati e Ricevi la diffida pronta con i tuoi dati!