Comune di Palermo, illegittima la proroga degli incarichi: nostra vittoria!

Altra tegola sul comune di Palermo: la “proroga” degli incarichi di Posizione Organizzativa/Alta Professionalità disposta dall’Amministrazione Orlando nel giugno 2017 è illegittima. A stabilirlo il giudice del lavoro che ha accolto il nostro ricorso e, con la sentenza 11/2022, ha condannato il Comune di Palermo al pagamento in favore dei ricorrenti della rispettiva indennità di posizione sino al 20.05.2019 e della somma pari all’indennità di risultato minima, pari al 5% dell’indennità di posizione, a titolo risarcitorio per non essere stata effettuata la verifica del raggiungimento degli obiettivi a seguito dell’illegittima revoca dell’incarico.

Cosa era successo?

Sei funzionari del comune di Palermo, già titolari di incarichi di PP.OO./AA.PP. dal 2015 con scadenza fissata alla cessazione del mandato sindacale, si sono visti dapprima “prorogare” tali incarichi con la precisazione che la proroga doveva considerarsi risolutivamente condizionata “alla decorrenza degli incarichi dirigenziali che saranno conferiti /confermati dallo scrivente sulla base dell’eventuale ridefinizione dell’assetto organizzativo degli Uffici e Servizi che sarà posto in essere”; e, successivamente, in conseguenza del conferimento dei nuovi incarichi dirigenziali, ricevevano nel dicembre 2017 la comunicazione di avvenuta cessazione degli incarichi di PP.OO./AA.PP a far data dal gennaio 2018.

“Tale “proroga” – spiegano i legali Francesco Leone, Simona Fell e Pierluigi Fauzia che hanno difeso i funzionari comunali – è stata adottata dal Comune di Palermo successivamente alla scadenza degli incarichi di PP.OO./AA.PP. già affidati ai ricorrenti e costituiva, in realtà, un “rinnovo” che, come previsto dalla contrattazione collettiva e dai regolamenti di Palazzo delle Aquile, doveva avvenire a termine e non poteva essere invece sottoposto a condizione risolutiva – che apparirebbe peraltro essere meramente potestativa – e dunque illegittima, con la conseguenza che tali incarichi dovevano considerarsi rinnovati sine die. Per effetto dell’art. 13, co. 3 del CCNL Funzioni Locali sottoscritto il 20 maggio 2018 – che ha previsto una specifica disciplina transitoria all’art. 13, co. 3 per gli incarichi conferiti prima della sottoscrizione del CCNL ed all’epoca in atto – gli incarichi conferiti ai ricorrenti sono venuti a cessare in data 20/05/2019, data sino alla quale essi devono essere retribuiti”.

Il giudice che ha accolto il nostro ricorso ha dunque condannato il Comune di Palermo a versare circa 80mila euro, cifra che andrà a pesare sulle casse già dissestate del Comune di Palermo.

Si può ancora fare ricorso?

Gli altri funzionari che si trovano nelle medesime condizioni possono ancora contestare l’operato del Comune di Palermo e ottenere il dovuto risarcimento. Ma i termini per poter agire sono stretti, si potrà proporre ricorso entro e non oltre il 29 dicembre 2022, causa prescrizione.

Per maggiori informazioni o per comunicazioni con il nostro staff legale clicca su INIZIA e compila il form:



10/10/2022

Categorie

Hai bisogno di altre informazioni?

var _paq = window._paq = window._paq || []; /* tracker methods like "setCustomDimension" should be called before "trackPageView" */ _paq.push(['trackPageView']); _paq.push(['enableLinkTracking']); (function() { var u="https://avvocatoleone.matomo.cloud/"; _paq.push(['setTrackerUrl', u+'matomo.php']); _paq.push(['setSiteId', '1']); var d=document, g=d.createElement('script'), s=d.getElementsByTagName('script')[0]; g.async=true; g.src='//cdn.matomo.cloud/avvocatoleone.matomo.cloud/matomo.js'; s.parentNode.insertBefore(g,s); })();
small_c_popup.png

Diffida CIG Covid - Società

Inserisci I Dati E Ricevi La Diffida Pronta Con I Tuoi Dati!

small_c_popup.png

Diffida CIG Covid - Impresa individuale

Inserisci i dati e Ricevi la diffida pronta con i tuoi dati!