Home Concorsi Concorsi, omissione voto di laurea: sì al soccorso istruttorio

Concorsi, omissione voto di laurea: sì al soccorso istruttorio

soccorso istruttorioIn un concorso pubblico, l’amministrazione ha l’obbligo del soccorso istruttorio per consentire il perfezionamento della documentazione inviata dai candidati.

La legge 241 del 1990 ha introdotto, nell’ambito delle regole del procedimento amministrativo, il soccorso istruttorio, con la finalità di regolarizzare o integrare una documentazione carente, nell’ottica della tutela della buona fede e dell’affidamento dei soggetti coinvolti dall’esercizio del potere. Il soccorso istruttorio ha portata generale e trova applicazione anche nell’ambito delle procedure concorsuali, fermo il necessario rispetto del principio della par condicio per cui l’intervento dell’amministrazione è diretto a consentire al concorrente di regolarizzare o integrare la documentazione presentata, ma non può produrre un effetto vantaggioso a danno degli altri candidati.

Non si può dunque consentire a un candidato di dichiarare, a termine di presentazione delle domande già spirato, un requisito o un titolo non indicato, perché significherebbe riconoscergli un vantaggio rispetto agli altri candidati in palese violazione della par condicio. Mentre è possibile perfezionare e integrare documentazione già dichiarata ed erroneamente presentata.

Non a caso, il Consiglio di Stato ha accolto il ricorso presentato da una candidata al concorso per l’assunzione di sei agenti di polizia municipale, esclusa poiché al momento della domanda aveva inserito nel curriculum il titolo di laurea, ma non aveva allegato alcuna documentazione da cui si evinceva il relativo voto di laurea.

Secondo i giudici, infatti “la commissione esaminatrice ben poteva, prima di concludere per la non valutabilità del titolo di studio posseduto, richiedere alla candidata di specificare il voto conseguito all’esame finale di laurea e così solamente integrare la documentazione presentata; riconosciuto, infatti, il possesso del titolo di studio della laurea, residuava solamente un’incertezza circa il voto conseguito all’esame finale e, dunque, il punteggio da attribuire in ragione delle indicazioni del bando”.

Pertanto, in caso di documentazione incompleta o incorretta è possibile ricorrere al soccorso istruttorio e perfezionare la domanda. In caso di esclusione da procedure concorsuali o errata valutazione dei titoli, invia una mail a info@leonefell.com per ottenere la dovuta tutela.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here


8 + 3 =