Home Coronavirus Coronavirus, nuove regole per i concorsi pubblici?

Coronavirus, nuove regole per i concorsi pubblici?

Caro Lettore, in questo periodo particolarmente difficile, il nostro Studio legale ha deciso di fare la propria parte offrendo un servizio gratuito ai cittadini: un gruppo facebook in cui raccontiamo a modo nostro tutte le news che ruotano intorno al coronavirus. Lo faremo con trasmissioni Live, approfondimenti, guide e altri contenuti gratuiti e fruibili da tutti. Se pensi che il nostro servizio ti sia utile, iscriviti al gruppo 🔴 Coronavirus 🦠 i diritti dei cittadini

Com’è noto il decreto Cura Italia ha sospeso tutti i concorsi pubblici (salvo quelli in cui la valutazione dei candidati è effettuata esclusivamente su basi curriculari ovvero in modalità telematica) per 60 giorni dalla sua entrata in vigore. Al termine di tale periodo, i primi di maggio, in concomitanza della Fase 2, le procedure selettive saranno con tutta probabilità adattate alle nuove esigenze e dovranno tener conto del distanziamento interpersonale dei candidati durante le prove e delle modalità di svolgimento anche a distanza, dove possibile.

Il ministro della Pubblica amministrazione, Fabiana Daidone, sta già programmando la ripresa sia per i concorsi già banditi che per quelli da bandire. “Le prove concorsuali – scrive su Facebook – sono al momento sospese per l’emergenza Coronavirus, ma questo non significa che le procedure di preparazione dei bandi e delle stesse prove non debbano andare avanti. Anzi, bisogna farsi trovare subito pronti per la ripartenza, più rapidi, agili e snelli di prima”,

Un emendamento in discussione per la conversione del decreto “Cura Italia”, in discussione al Senato, permetterà dunque di semplificare e accelerare l’ingresso di nuove forze nel pubblico impiego. La misura sarà utilizzata in via sperimentale fino al 31 dicembre di quest’anno, “ma potrebbe rappresentare un buon viatico per ciò che faremo dopo”.

“In sostanza, le singole amministrazioni avranno la facoltà di introdurre requisiti specifici sui titoli per scremare le presenze ai test di accesso – precisa il ministro Daidone – rendendoli più rapidi, e potranno affinare la ricerca e la selezione rispetto a competenze e attitudini ben precise”.

Rimane ora da capire se i provvedimenti preannunciati dal ministro avranno effetto solo sui nuovi bandi di concorso in uscita nei prossimi mesi o se ci saranno ripercussioni anche su quelli in corso di svolgimento, compresi quelli già pubblicati ma non ancora iniziati, a causa della sospensione stabilita durante l’emergenza.

Dubbi o perplessità? Raccontaci la tua esperienza, avrai un team di professionisti a tua disposizione per risolvere il tuo caso. Compila il form qui sotto

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here


6 + 2 =