Home Concorsi Difetto di collegialità, il Tar riammette azienda alla gara d’appalto

Difetto di collegialità, il Tar riammette azienda alla gara d’appalto

Difetto di collegialitàEra stata esclusa da una gara d’appalto per mancato raggiungimento della soglia minima di punti previsti dal bando. Ma la commissione giudicatrice, non tenendo conto dei singoli giudizi, ha commesso un’irregolarità (difetto di collegialità). L’azienda ha così proposto ricorso e i giudici amministrativi hanno accolto e riammesso la società alla gara.

La commissione avrebbe infatti disatteso – in conformità con la clausola contenuta nell’art. 18.2 del disciplinare – il principio secondo cui in sede di valutazione dell’offerta tecnica “ciascun commissario è tenuto ad effettuare una valutazione autonoma e ad attribuire un personale coefficiente di valutazione, per poi effettuare la media con i coefficienti degli altri commissari”.

Nelle gare da aggiudicare con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa – scrivono i giudici – è regola imprescindibile, al fine di garantire la trasparenza e l’imparzialità del giudizio, che i commissari esprimano singolarmente la propria valutazione assegnando a ciascun criterio/subcriterio un coefficiente di punteggio, e solo dopo si faccia la media.

In questo caso, invece, è accaduto esattamente il contrario: si legge che “la Commissione Giudicatrice attribuirà unitariamente nel suo complesso, un giudizio sintetico a cui corrisponde un coefficiente compreso fra 0 e 1. In caso di mancata unanimità di giudizio sarà verbalizzato il giudizio individuale attribuito dai singoli commissari e sarà effettuata la media dei coefficienti”.  Ma ciò costituisce violazione del principio della collegialità. 

La necessità che ciascun commissario esprima autonomamente la propria valutazione discrezionale è chiaramente finalizzata ad assicurare la trasparenza e la ponderatezza dell’iter valutativo della commissione di gara, obiettivo certamente inciso dalla scelta di concordare da subito un solo giudizio unitario, senza alcuna possibilità di evincere il contenuto del preventivo giudizio del singolo commissario.

Se hai partecipato a una gara d’appalto e ritieni che la tua esclusione sia illegittima, contatta il nostro Studio legale inviando una mail a info@leonefell.com

newsletter

Vuoi ricevere le notizie direttamente nella tua mail? Clicca qui e iscriviti alla newsletter

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here


6 + 6 =