Home Vittorie dello Studio L.F.&A. Errata valutazione di indice di massa corporea e massa grassa: nostra vittoria...

Errata valutazione di indice di massa corporea e massa grassa: nostra vittoria al Tar

462
2

Era stata esclusa con provvedimento di non idoneità psico-fisica dalla procedura selettiva per il reclutamento di 2000 allievi carabinieri in ferma quadriennale, per eccesso di massa grassa. Ma poiché la concorrente era certa di rientrare nei parametri previsti dal concorso ha contattato il nostro studio legale per proporre ricorso e chiedere di essere rivalutata. I giudici del Tar hanno accolto le nostre tesi e disposto la ripetizione dell’esame per accertare il corretto indice di massa corporea e massa grassa della ricorrente.

La commissione aveva escluso la concorrente poiché il risultato della valutazione eccedeva il limite previsto per ottenere l’idoneità. Ma il dato finale era però falsato da un’errata misurazione dell’altezza. La candidata aveva così provveduto a effettuare una nuova visita privata, ottenendo un certificato medico dal quale risultava una diversa composizione corporea rispetto a quella ottenuta durante il concorso.

I giudici amministrativi, valutata la documentazione presentata e constatata l’urgenza, hanno disposto entro 15 giorni la ripetizione dell’esame impedenziometrico, incaricando il dipartimento di Pubblica Sicurezza – Direzione Centrale di Sanità del Ministero dell’Interno, e hanno ammesso la ricorrente con riserva a partecipare al prosieguo delle prove selettive.

Pertanto, chiunque abbia ottenuto un’inidoneità a seguito degli accertamenti psico-fisici in una procedura concorsuale e ritiene di aver subito un’errata valutazione può contattare il nostro studio inviando una mail a info@leonefell.com.

newsletter

Per non perdere le notizie più importanti, clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai, direttamente nella tua casella di posta elettronica, notizie sulle nostre campagne legali in corso, informazioni utili su tasse e rimborsibanche e mutuidiritti dei consumatoriscuolasanità, oltre a informazioni dettagliate su bandi e concorsi pubblici, e molto altro ancora. 

Francesco Leone
L’avv. Francesco Leone si è laureato presso la Facoltà di Giurispudenza di Palermo con una tesi in diritto costituzionale dal titolo “Le Forme di Governo e i Sistemi Elettorali”. Grazie alla guida del dominus Francesco Stallone, ha maturato esperienze come consulente per numerosi Enti Pubblici e Società Private con specifico riferimento alla predisposizione di bandi di gara, schemi di provvedimenti amministrativi e di contratti, interpretazione e applicazione della normativa regionale, nazionale e comunitaria. Superati immediatamente gli esami d’abilitazione, si iscrive all’Albo dell’Ordine degli Avvocati di Palermo. Da quel momento in poi, predispone e patrocina ricorsi singoli, e collettivi, presso la giurisdizione Amministrativa e Civile con particolare riferimento alle tematiche inerenti i Concorsi Pubblici, Esami di Stato, Esami d’Abilitazione, Urbanistica ed Edilizia, Contratti Pubblici/Appalti. Dal 2011 inizia a specializzarsi in Ricorsi Collettivi e Class Action aventi ad oggetto concorsi pubblici, procedure selettive e test d’ammissione e abilitazione. Nel 2013 crea un team di giovani professionisti che, coniugando ricerca scientifica e nuove tecnologie, si occupa con successo di tutti i grandi casi giurisprudenziali degli ultimi anni. Test d’ammissione a Medicina e Professioni Sanitarie, Esami d’abilitazione professionale, Concorsi nelle Forze dell’Ordine, Concorso dell’Agenzia delle Entrate, Selezioni CIAPI, Concorso “Roma Capitale”, Concorso MEF 2015, Piano Giovani e Garanzia Giovani (Youth Guarantee), Concorso Vigile del Fuoco, Accesso alle Scuole di Specializzazione Medica, Trasferimento in Italia da ateneo estero, Stabilizzazione precari e tutte le problematiche inerenti la Scuola rappresentano solo una parte delle attività professionali sino ad oggi svolte.

2 COMMENTI

  1. Per quanto riguarda la discrepanza dei limiti per le prove di efficienza fisica totalmente inferiori rispetto alle altre forze di polizia, esistono gli estremi per un ricorso?
    Ritengo che i tempi richiesti per l’effettuazione delle prove siano troppo ristretti e proibitivi rispetto a tutte le altre forze di polizia .
    Esiste un modo per contestare e ottenere un cambiamento o modifica?
    Grazie anticipatamente

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here


4 + 5 =