Home Coronavirus Fondo per il reddito di ultima istanza, come accedere

Fondo per il reddito di ultima istanza, come accedere

Caro Lettore, in questo periodo particolarmente difficile, il nostro Studio legale ha deciso di fare la propria parte offrendo un servizio gratuito ai cittadini: un gruppo facebook in cui raccontiamo a modo nostro tutte le news che ruotano intorno al coronavirus. Lo faremo con trasmissioni Live, approfondimenti, guide e altri contenuti gratuiti e fruibili da tutti. Se pensi che il nostro servizio ti sia utile, iscriviti al gruppo 🔴 Coronavirus 🦠 i diritti dei cittadini

reddito di ultma istanzaBoccata di ossigeno per gli iscritti alle casse di previdenza private. Dal primo aprile è partito il cosiddetto click day…

Infatti, dalle ore 12 “Mezzogiorno di fuoco”, i  liberi professionisti e lavoratori autonomi iscritti a casse di previdenza private (quindi no gestione separata INPS) hanno potuto inviare le domande per ottenere il bonus di 600 euro previsto dall’art. 44 del Dl 18/2020 del Ministero del Lavoro e del Ministero dell’Economia dello scorso 28 marzo.

Quest’ultimo ha istituito il cosiddetto “Fondo per il reddito di ultima istanza”, volto a garantire misure di sostegno al reddito per i lavoratori liberi professionisti ed autonomi che in conseguenza dell’emergenza epidemiologica da COVID 19 hanno cessato, ridotto o sospeso la loro attività o il loro rapporto di lavoro.

Migliaia, dunque, i professionisti ed autonomi che sino al prossimo 30 aprile daranno “fuoco alle polveri” cercando di presentare l’istanza attraverso i portali di accesso on-line rispettivamente delle proprie casse previdenziali di appartenenza.

E’ bene specificare che tale misura è riservata :

  • ai lavoratori, la cui attività è stata limitata dai provvedimenti restrittivi per coronavirus COVID-19 che, nell’anno di imposta 2018, abbiamo percepito un reddito complessivo, non superiore a 35.000 euro. Il limite è al lordo dei canoni di locazione assoggettati a tassazione con cedolare secca;
  • ai lavoratori con reddito complessivo, nell’anno di imposta 2018,compreso tra 35.000 euro e 50.000 euro. Anche il questo caso il reddito è assunto al lordo di eventuali canoni di locazione assoggettati a cedolare secca. In questo caso gli stessi dovranno aver cessato o ridotto l’attività fra il 23 febbraio 2020 e il 31 marzo 2020, oppure ridotto il fatturato nel primo trimestre del 2020 almeno del 33% rispetto allo stesso periodo del 2019.

Il reddito va individuato come differenza tra ricavi ed i compensi secondo il principio di cassa. Per quanto riguarda la “riduzione o sospensione dell’attività lavorativa”, in particolare, bisogna fare riferimento ad una riduzione rispetto al primo trimestre 2019, come minimo, del 33% del reddito del primo trimestre 2020. Invece, si parla di “cessazione dell’attività” con riferimento a coloro i quali hanno dovuto chiudere la partita IVA, nel periodo compreso tra il 23 febbraio 2020 e il 31 marzo 2020.

Infine, occorre fare riferimento alla copertura finanziaria del suindicato fondo, in particolare, l’art. 5 del suindicato decreto Interministeriale individua le risorse, che ammontano a 200 milioni, che sono state stanziate per erogate le indennità di 600 euro per le categorie che non rientrano tra i beneficiari del bonus per le partite IVA.

Ma la domanda, a questo punto, sorge spontanea… Basteranno questi 200 milioni?

Infatti, da più parti, parrebbe che le domande saranno liquidate in ordine cronologico di presentazione, previa verifica dei requisiti previsti e fino all’esaurimento dei 200 milioni complessivamente stanziati…

Sarà questo che ha portato alla corsa al click day che ha di fatto intasato i portali delle casse previdenziali?

Riteniamo che qualora il fondo non sia sufficiente a coprire le numerose istanze presentate sia possibile, anche alla luce del DM del 27/03/2020 art 126 c.7 che autorizza il Ministero dell’Economia e delle Finanze “… ad apportare con propri decreti, sentito il Ministro competente, le occorrenti variazioni di bilancio…”, consentire l’aumento dello stanziamento per consentire a tutti di godere del beneficio… diversamente ci troveremmo dinnanzi ad una palese disparità di trattamento.

Ci auspichiamo, in merito, un chiarimento dagli organi competenti e confidiamo che: “Andrà tutto Bene”…

Dubbi o perplessità? Raccontaci la tua esperienza, avrai un team di professionisti a tua disposizione per risolvere il tuo caso. Compila il form qui sotto

 

Francesco Leone
L’avv. Francesco Leone si è laureato presso la Facoltà di Giurispudenza di Palermo con una tesi in diritto costituzionale dal titolo “Le Forme di Governo e i Sistemi Elettorali”. Grazie alla guida del dominus Francesco Stallone, ha maturato esperienze come consulente per numerosi Enti Pubblici e Società Private con specifico riferimento alla predisposizione di bandi di gara, schemi di provvedimenti amministrativi e di contratti, interpretazione e applicazione della normativa regionale, nazionale e comunitaria. Superati immediatamente gli esami d’abilitazione, si iscrive all’Albo dell’Ordine degli Avvocati di Palermo. Da quel momento in poi, predispone e patrocina ricorsi singoli, e collettivi, presso la giurisdizione Amministrativa e Civile con particolare riferimento alle tematiche inerenti i Concorsi Pubblici, Esami di Stato, Esami d’Abilitazione, Urbanistica ed Edilizia, Contratti Pubblici/Appalti. Dal 2011 inizia a specializzarsi in Ricorsi Collettivi e Class Action aventi ad oggetto concorsi pubblici, procedure selettive e test d’ammissione e abilitazione. Nel 2013 crea un team di giovani professionisti che, coniugando ricerca scientifica e nuove tecnologie, si occupa con successo di tutti i grandi casi giurisprudenziali degli ultimi anni. Test d’ammissione a Medicina e Professioni Sanitarie, Esami d’abilitazione professionale, Concorsi nelle Forze dell’Ordine, Concorso dell’Agenzia delle Entrate, Selezioni CIAPI, Concorso “Roma Capitale”, Concorso MEF 2015, Piano Giovani e Garanzia Giovani (Youth Guarantee), Concorso Vigile del Fuoco, Accesso alle Scuole di Specializzazione Medica, Trasferimento in Italia da ateneo estero, Stabilizzazione precari e tutte le problematiche inerenti la Scuola rappresentano solo una parte delle attività professionali sino ad oggi svolte.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here


6 + 4 =