Home attualità e cronaca Inchiesta Test Medicina – Focus sui quiz di logica

Inchiesta Test Medicina – Focus sui quiz di logica

3031
0

Come abbiamo già visto, i candidati hanno a disposizione 100 minuti per rispondere a 60 domande.

inchiesta test medicinaIn questi ultimi anni, i quesiti del test sono così ripartiti:
2 quesiti di cultura generale,
8 quesiti di fisica e matematica,
12 quesiti di chimica,
18 quesiti di biologia,
20 quesiti di ragionamento logico.

Le risposte valgono:
1,5 punti per ogni risposta esatta
– 0,4 punti per ogni risposta sbagliata
0 punti per ogni risposta non data

In caso di parità di punteggio tra più concorrenti prevale, in ordine decrescente, il punteggio ottenuto dal candidato nei quesiti relativi agli argomenti di ragionamento logico, cultura generale, biologia, chimica, fisica e matematica.  In caso di ulteriore parità, prevale il candidato anagraficamente più giovane.

Per raggiungere la sufficienza al test d’ammissione bastano 20 punti. Il massimo si raggiunge arrivando a 90 punti, praticamente rispondendo correttamente a tutte i quiz.

Ora, analizzando la composizione del test ci rendiamo conto che 20 quesiti di logica rappresentano la parte più consistente del quiz. Peccato però che il ragionamento logico non è materia prevista in nessun programma di scuola secondaria. Il che significa che uno studente viene valutato per qualcosa che di fatto non ha mai studiato.

Il legislatore, in origine, ha previsto che il test fosse composto per metà da domande di cultura generale sulla base dei programmi della scuola superiore mentre, per l’altra metà, da materie “tipiche”, ovvero specifiche dell’indirizzo di studi a cui si vuole accedere e che, nel caso di Medicina, sono materie scientifiche come Bilogia, Matematica, ecc… proprio perché il fine ultimo dei test è quello di verificare la predisposizione dei candidati alle materie inerenti il corso di laurea.  Il legislatore, insomma, non ha infatti mai previsto i quesiti di Logica che, d’altronde, non fanno nemmeno parte del programma scolastico. Nonostante questo, da un paio d’anni a questa parte, i quesiti di logica non solo ci sono, ma sono anche in numero preponderante, rispetto alle altre materie ben più caratterizzanti. Sono infatti 20 e pesano moltissimo sull’intero test. Le domande di cultura generale, previste e preventivate, invece, sono solamente 2 su 60. Sarebbe stato logico – è proprio il caso di dirlo – che le proporzioni fossero invertite, ovvero 20 di cultura generale e 2 di logica.

Il test così somministrato risulta dunque illegittimo in quanto la sua struttura viola la normativa di settore. Ed infatti, a disciplinare integralmente i contenuti della prova d’accesso è la legge n. 264/1999 che dispone che l’ammissione al corso di laurea deve avvenire “previo superamento di apposite prove di cultura generale, sulla base dei programmi della scuola secondaria superiore, e di accertamento della predisposizione per le discipline oggetto dei corsi medesimi […]il Ministro dell’università e della ricerca scientifica e tecnologica determina con proprio decreto modalità e contenuti delle prove di ammissione, senza oneri aggiuntivi per il bilancio dello Stato”.

Per saperne di più, guarda la nuova puntata dell’inchiesta e scarica il capitolo completo!

Vuoi ricevere gratuitamente il pdf del nuovo capitolo dell’inchiesta “La formulazione dei quiz” direttamente nella tua casella di posta?

Scrivi la tua mail e riceverai la versione estesa del capitolo. Gratuitamente, ogni lunedì, riceverai i nuovi capitoli dell’inchiesta direttamente nella tua casella di posta.



Invio questo modulo perché intendo segnalare i miei dati allo studio legale Leone-Fell & Associati al fine di ricevere contenuti relativi all'Inchiesta sui Test d'accesso a Medicina.
Ai sensi del Decreto Legislativo n. 196/03 e s.m. e il Regolamento UE 2016/679, autorizzo espressamente l’utilizzo dei miei dati personali allo Studio Legale Leone-Fell & Associati al fine superiormente specificato e per ricevere comunicazioni/newsletter a titolo informativo.



Per vedere le puntate precedenti clicca qui

Per non perderti gli ulteriori approfondimenti iscriviti al nostro gruppo facebook Test Medicina

Per non perderti le notizie più importanti, clicca qui e iscriviti alla nostra newsletternewsletterRiceverai, direttamente nella tua casella di posta elettronica, notizie sulle nostre campagne legali, informazioni utili su tasse e rimborsibanche e mutuidiritti dei consumatoriscuolasanità, oltre a informazioni dettagliate su bandi e concorsi pubblici, e molto altro ancora.

Francesco Leone
L’avv. Francesco Leone si è laureato presso la Facoltà di Giurispudenza di Palermo con una tesi in diritto costituzionale dal titolo “Le Forme di Governo e i Sistemi Elettorali”. Grazie alla guida del dominus Francesco Stallone, ha maturato esperienze come consulente per numerosi Enti Pubblici e Società Private con specifico riferimento alla predisposizione di bandi di gara, schemi di provvedimenti amministrativi e di contratti, interpretazione e applicazione della normativa regionale, nazionale e comunitaria. Superati immediatamente gli esami d’abilitazione, si iscrive all’Albo dell’Ordine degli Avvocati di Palermo. Da quel momento in poi, predispone e patrocina ricorsi singoli, e collettivi, presso la giurisdizione Amministrativa e Civile con particolare riferimento alle tematiche inerenti i Concorsi Pubblici, Esami di Stato, Esami d’Abilitazione, Urbanistica ed Edilizia, Contratti Pubblici/Appalti. Dal 2011 inizia a specializzarsi in Ricorsi Collettivi e Class Action aventi ad oggetto concorsi pubblici, procedure selettive e test d’ammissione e abilitazione. Nel 2013 crea un team di giovani professionisti che, coniugando ricerca scientifica e nuove tecnologie, si occupa con successo di tutti i grandi casi giurisprudenziali degli ultimi anni. Test d’ammissione a Medicina e Professioni Sanitarie, Esami d’abilitazione professionale, Concorsi nelle Forze dell’Ordine, Concorso dell’Agenzia delle Entrate, Selezioni CIAPI, Concorso “Roma Capitale”, Concorso MEF 2015, Piano Giovani e Garanzia Giovani (Youth Guarantee), Concorso Vigile del Fuoco, Accesso alle Scuole di Specializzazione Medica, Trasferimento in Italia da ateneo estero, Stabilizzazione precari e tutte le problematiche inerenti la Scuola rappresentano solo una parte delle attività professionali sino ad oggi svolte.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here


3 + 5 =