Home #IOMERITO – Campagna per Idonei e Vincitori di concorsi pubblici

#IOMERITO – Campagna per Idonei e Vincitori di concorsi pubblici

“Ogni merito resta nascosto se la fama non lo divulga in lungo e largo”

(Publilio Siro)

La nostra Campagna spiegata in pochi semplici passi 

Cos’è #IOMERITO?

La nuova campagna dello studio legale Leone #IOMERITO ha lo scopo di tutelare i soggetti che hanno sostenuto un concorso pubblico e che, pur risultando vincitori o idonei, non sono stati ancora assunti.
Il nostro obiettivo è quello di trasformare le attuali graduatorie vigenti (che in virtù del decreto D’Alia scadranno tutte il 31.12.2016) in graduatorie “ad esaurimento”, ossia in graduatorie prive di una “scadenza” predeterminata e dalle quali, finché vi saranno idonei, l’Amministrazione dovrà attingere per soddisfare il fabbisogno d’organico.
La nostra battaglia è quanto mai attuale e urgente! Se, da un lato infatti, la data del 31 dicembre 2016 rappresenta una vera e propria “deadline” per le speranze d’assunzione dei circa 140000 candidati idonei, dall’altro non può non registrarsi il fatto che, già da tempo, le Amministrazioni  bandiscono  nuovi concorsi pur in presenza di regolari graduatorie preesistenti.
Per assicurare una tutela rapida ed efficace, il nostro Studio mette a disposizione di tutti gli interessati due azioni legali: 1) una diffida al Governo (clicca qui per partecipare alla diffida); 2) un ricorso che mira ad annullare tutti i bandi di concorso che ad oggi, pur in presenza di graduatorie efficaci, violando la legge indicono nuove procedure di selezione (leggi ad esempio il caso della Regione Lazio).
La nostra Campagna Nazionale sarà supportata dal Movimento Unico Nazionale Vincitori Idonei e Concorsisti con la preziosa collaborazione dell’Avv. Vincenzo La Cava.
Per vincere la nostra battaglia sarà necessario fare rete, far circolare le informazioni, rendere la nostra campagna “virale”. Per questi motivi è nato un gruppo su Facebook che avrà lo scopo di condividere notizie e scambiare esperienze. 

Schermata 2015-11-25 a 12.10.22

Focus sulla Campagna

Soggetti coinvolti: persone fisiche che hanno sostenuto un concorso pubblico e che occupano un posto in una graduatoria ancora efficace tale da poter rientrare nella categoria di “idoneo” o “vincitore” (come meglio spiegato di seguito, la validità delle graduatorie delle amministrazioni pubbliche è stata prorogata sino al 31-12-2016)
Obiettivi: dimostrare che l’utilizzo delle graduatorie, diversamente dall’indizione di un nuovo concorso, risulta un utile strumento per:
– tutelare le figure professionali già formate e immediatamente disponibili alla P.A., che hanno già dimostrato di essere in possesso dei requisiti richiesti dalla medesima per lo svolgimento della funzione oggetto del fabbisogno;
– garantire i principi di economicità, efficacia ed efficienza della P.A. che costituiscono corollario del canone di buon andamento dell’azione amministrativa (consacrato dall’art. 97 Cost.), che impone alla p.a. il conseguimento degli obiettivi legislativamente prefissati con il minor dispendio di mezzi. 
La dimostrazione dell’utilità delle graduatorie consentirà di supportare la campagna per la proroga delle graduatorie oltre il 31-12-2016.
Strumenti Legali utilizzati: ricorsi al Giudice Amministrativo avverso atti o provvedimenti delle amministrazioni pubbliche che esperiscono un concorso, in luogo dello scorrimento delle graduatorie valide ed efficaci; in assenza della previsione di nuovi concorsi, proporremo delle diffide indirizzate al Governo, al Ministero della Funzione Pubblica ed alle Amministrazioni di volta in volta coinvolte con le quali chiederemo l’adozione di un provvedimento legislativo con il quale convertire le graduatorie in scadenza in graduatorie ad esaurimento; in assenza di riscontro, procederemo a promuovere una azione collettiva dinanzi alla Commissione europea per sottolineare la natura antieconomica della scelta del Governo italiano di far decadere le graduatorie alla fine del prossimo anno solare.

Da dove nasce il diritto all’Assunzione?

precariato_homePer comprendere le ragioni giuridiche sottese alla campagna sociale #IOMERITO, risulta utile una breve ricostruzione del panorama normativo su cui poggia il diritto degli idonei e dei vincitori di concorso. Il legislatore stabilisce (art. 35, comma 5 ter del d.lgs n.165/2001) che “le graduatorie dei concorsi per il reclutamento del personale presso le amministrazioni pubbliche rimangono vigenti per un termine di tre anni dalla data di pubblicazione…”.
Oltre a stabilire la durata triennale delle graduatorie il legislatore, nel corso degli anni, è ritornato sul tema della validità temporale delle graduatorie con gli obiettivi di contenere la spesa per le strutture amministrative e di razionalizzazione l’uso delle risorse umane ed economiche.
In particolare, considerando l’imminente scadenza di centinaia di graduatorie, ha emanato il c.d. decreto D’Alia (d.l 101/2013 convertito in legge n.125/2013) prorogando l’efficacia delle graduatorie sino al 31-12-2016.
Con lo stesso decreto si sono fatte convogliare tutte le graduatorie stilate anche dalle singole amministrazioni all’interno di un unico elenco gestito dal Ministero della Funzione Pubblica, dando a quest’ultimo il compito di indire o meno un concorso.
Dalla ricostruzione del quadro normativo di riferimento può desumersi che le graduatorie prorogate fino al 31 dicembre 2016 sono quelle relative a concorsi pubblici per assunzioni a tempo indeterminato, relative alle amministrazioni pubbliche soggette a limitazioni delle assunzioni.concorso_pubblico
Può di certo affermarsi che allo stato attuale la decisione di far scorrere le graduatorie preesistenti e valide dovrebbe rappresentare la regola generale che deve condurre l’azione della P.A., mentre l’indizione del nuovo concorso costituisce l’eccezione e richiede un’apposita e approfondita motivazione, che dia conto del sacrificio imposto ai concorrenti idonei e delle preminenti esigenze di interesse pubblico (cfr. C.d.S sent. 23 feb. 2015 n. 909 che richiama i principi cristallizzati nella decisione dell’Adunanza Plenaria n. 14/2011).
Più che una facoltà, pertanto, lo scorrimento della graduatoria appare una misura dovuta da parte del Governo che è chiamato a confrontarsi, sul piano interno, con le decisioni degli organi di giustizia amministrativa che censurano i comportamenti delle Amministrazioni che non si attengono a tali principi e, sul piano esterno, con le decisioni della Commissione Europea chiamata a verificare il rispetto dei vincoli di bilancio.
Ciononostante, dall’entrata in vigore della disposizione di cui al Decreto legge D’Alia, l’Amministrazione, sia a causa di successivi provvedimenti legislativi (posto che si è data priorità all’assorbimento del personale precario, ovvero alla ricollocazione del personale delle ex Province regionali) sia a causa dei nuovi concorsi banditi nonostante la vigenza di altre graduatorie, ha reso impossibile il ricorso alle personalità presenti all’interno delle graduatorie vigenti!

Cosa fare ora? 

1) Aderire subito alla nostra Campagna

Assodato che c’è un rischio concreto per tutti gli idonei o vincitori di concorso di non essere mai assunti prima della scadenza delle graduatorie, il nostro Studio mette a disposizione degli strumenti giuridici che mirano a bloccare immediatamente la pubblicazione di nuovi concorsi in vigenza di graduatorie chiedendo, contestualmente, la trasformazione delle attuali graduatorie in graduatorie “ad esaurimento”.
Il termine per poter accedere a questi strumenti legali è limitato, pertanto è essenziale accedere alla nostra sezione modulistica  e scaricare immediatamente i moduli di adesione
Diffida per la proroga delle Graduatorie
 Graduatorie Sanità Regione Lazio

2) Diventa protagonista della Campagna, lotta per i tuoi Diritti

Nessuno può aiutarci più di noi stessi. La nostra Campagna per avere successo, e riuscire a preservare i diritti dei vincitori e degli idonei, deve essere sostenuta fattivamente da tutti, diventare virale, invadere i social network e creare una rete sempre connessa di persone. Per questi motivi chiediamo che tutti sposino attivamente la nostra iniziativa, condividano gli articoli e facciano circolare le notizie.

Focus

Focus sulla Campagna

Soggetti coinvolti: persone fisiche che hanno sostenuto un concorso pubblico e che occupano un posto in una graduatoria ancora efficace tale da poter rientrare nella categoria di “idoneo” o “vincitore” (come meglio spiegato di seguito, la validità delle graduatorie delle amministrazioni pubbliche è stata prorogata sino al 31-12-2016)Obiettivi: dimostrare che l’utilizzo delle graduatorie, diversamente dall’indizione di un nuovo concorso, risulta un utile strumento per:
- tutelare le figure professionali già formate e immediatamente disponibili alla P.A., che hanno già dimostrato di essere in possesso dei requisiti richiesti dalla medesima per lo svolgimento della funzione oggetto del fabbisogno;
- garantire i principi di economicità, efficacia ed efficienza della P.A. che costituiscono corollario del canone di buon andamento dell’azione amministrativa (consacrato dall’art. 97 Cost.), che impone alla p.a. il conseguimento degli obiettivi legislativamente prefissati con il minor dispendio di mezzi. 

La dimostrazione dell’utilità delle graduatorie consentirà di supportare la campagna per la proroga delle graduatorie oltre il 31-12-2016.Strumenti Legali utilizzati: ricorsi al Giudice Amministrativo avverso atti o provvedimenti delle amministrazioni pubbliche che esperiscono un concorso, in luogo dello scorrimento delle graduatorie valide ed efficaci; in assenza della previsione di nuovi concorsi, proporremo delle diffide indirizzate al Governo, al Ministero della Funzione Pubblica ed alle Amministrazioni di volta in volta coinvolte con

News

RACCONTACI IL TUO CASO

Il tuo Nome (richiesto)

Il tuo Cognome (richiesto)

Luogo di Nascita (richiesto)

Data di Nascita (richiesto)

Residente in (richiesto)

Provincia (richiesto)

Indirizzo e Numero Civico (richiesto)

Codice Fiscale (richiesto)

Recapito Telefonico (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto del Tuo Caso (richiesto)

Raccontaci il Tuo Caso (richiesto)

Allega File

Allega File

Allega File

Allega File

Invio questo modulo perché intendo segnalare i miei dati allo studio legale Leone-Fell & Associati in vista della mia tutela legale.
Ai sensi del Decreto Legislativo n. 196/03 e s.m., autorizzo espressamente l’utilizzo dei miei dati personali allo Studio Legale Leone-Fell & Associati al fine superiormente specificato e per ricevere comunicazioni inerenti il ricorso da me presentato ed ogni altra iniziativa che lo studio legale riterrà di comunicarmi.
Accetto

Dimostraci che non sei un Robot (richiesto)
captcha