Home Approfondimenti Giuridici Corte Costituzionale 2018 e licenziamento illegittimo nel contratto a tutele crescenti

Corte Costituzionale 2018 e licenziamento illegittimo nel contratto a tutele crescenti

893
0

licenziamento illegittimoLa Corte Costituzionale con un proprio comunicato interno si è preliminarmente pronunciata, in attesa del provvedimento vero e proprio, sulla questione di legittimità costituzionale del jobs act sollevata dal Tribunale del Lavoro di Roma, dichiarando l’illegittimità costituzionale dell’art. 3, comma 1, del D.lgs. 23/2015 nella parte in cui prevedeva che il computo dell’indennità per i casi di licenziamento senza giusta causa debba avvenire sulla base della retribuzione globale, ovvero basata solo sull’anzianità di servizio maturata dal lavoratore. In pratica al lavoratore spettavano due mensilità per ogni anno di anzianità, senza che il giudice potesse in maniera discrezionale decidere diversamente.

Secondo la Corte Costituzionale “la previsione di un’indennità crescente in ragione della sola anzianità di servizio del lavoratore è contraria ai principi di ragionevolezza e di uguaglianza e contrasta con il diritto e la tutela del lavoro sanciti dagli articoli 4 e 35 della Costituzione”.

La Corte, però, non è intervenuta sui limiti massimi e minimi previsti dalla norma per la quantificazione dell’indennità risarcitoria, rivisti di recente anche dalla Legge di conversione del decreto Dignità, ma solamente conferendo al giudicante maggiore discrezionalità nella quantificazione dell’indennità non dovendosi più limitare, per la quantificazione, alla sola anzianità di servizio del ricorrente.

Attualmente, i limiti minimo e massimo dell’indennizzo sono stabiliti tra le 6 e 36 mensilità, una forbice entro cui il Giudice ha libertà di movimento per individuare il  quantum dell’indennizzo in caso di licenziamento illegittimo.

Venendo meno il meccanismo di quantificazione legato all’anzianità di servizio, dovrebbe ampliarsi il potere discrezionale del magistrato in ordine alla determinazione dell’indennità risarcitoria. Dopo l’abrogazione il giudicante potrà tener conto anche di ulteriori circostanze dedotte dalle parti in giudizio capaci di incidere in aumento o diminuzione sull’importo da assegnare.

In altre parole, senza l’obbligo di computo legato alla sola anzianità, si lascia maggiore spazio alla discrezionalità del giudice il quale, entro i limiti sopracitati, potrà determinare il risarcimento spettante al lavoratore licenziato senza giusta causa. 

Il nostro studio legale offre consulenza in ambito giuslavoristico anche con riferimento alle impugnative di licenziamento in regime di job’s act (c.d. contratto a tutele crescenti). Se avete ricevuto un provvedimento di contestazione disciplinare o di licenziamento contattateci a  info@leonefell.com per ricevere delucidazioni e chiarimenti.

newsletterPer non perderti le notizie più importanti, clicca qui e iscriviti alla nostra newsletterRiceverai, direttamente nella tua casella di posta elettronica, notizie sulle nostre campagne legali, informazioni utili su tasse e rimborsibanche e mutuidiritti dei consumatoriscuolasanità, oltre a informazioni dettagliate su bandi e concorsi pubblici, e molto altro ancora.

Francesco Leone
L’avv. Francesco Leone si è laureato presso la Facoltà di Giurispudenza di Palermo con una tesi in diritto costituzionale dal titolo “Le Forme di Governo e i Sistemi Elettorali”. Grazie alla guida del dominus Francesco Stallone, ha maturato esperienze come consulente per numerosi Enti Pubblici e Società Private con specifico riferimento alla predisposizione di bandi di gara, schemi di provvedimenti amministrativi e di contratti, interpretazione e applicazione della normativa regionale, nazionale e comunitaria. Superati immediatamente gli esami d’abilitazione, si iscrive all’Albo dell’Ordine degli Avvocati di Palermo. Da quel momento in poi, predispone e patrocina ricorsi singoli, e collettivi, presso la giurisdizione Amministrativa e Civile con particolare riferimento alle tematiche inerenti i Concorsi Pubblici, Esami di Stato, Esami d’Abilitazione, Urbanistica ed Edilizia, Contratti Pubblici/Appalti. Dal 2011 inizia a specializzarsi in Ricorsi Collettivi e Class Action aventi ad oggetto concorsi pubblici, procedure selettive e test d’ammissione e abilitazione. Nel 2013 crea un team di giovani professionisti che, coniugando ricerca scientifica e nuove tecnologie, si occupa con successo di tutti i grandi casi giurisprudenziali degli ultimi anni. Test d’ammissione a Medicina e Professioni Sanitarie, Esami d’abilitazione professionale, Concorsi nelle Forze dell’Ordine, Concorso dell’Agenzia delle Entrate, Selezioni CIAPI, Concorso “Roma Capitale”, Concorso MEF 2015, Piano Giovani e Garanzia Giovani (Youth Guarantee), Concorso Vigile del Fuoco, Accesso alle Scuole di Specializzazione Medica, Trasferimento in Italia da ateneo estero, Stabilizzazione precari e tutte le problematiche inerenti la Scuola rappresentano solo una parte delle attività professionali sino ad oggi svolte.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here


6 + 8 =