Home diritto civile Locazione: può il conduttore recedere dal contratto se il canone è pignorato?

Locazione: può il conduttore recedere dal contratto se il canone è pignorato?

Locazione: può il conduttore recedere dal contratto se il canone è pignorato?

registrazione-contratto-affittoSe ad essere pignorato è il canone di locazione, il conduttore terzo pignorato può ugualmente recedere dal contratto?

Locazione, l’ordinanza della Suprema Corte

Chiamata a pronunciarsi sulla questione sopra rassegnata,la Corte di Cassazione, con l’ordinanza 17 ottobre 2016 , n. 20952, ha chiarito che la norma di cui all’art. 2917 cod. civ. è volta esclusivamente a disciplinare il regime di opponibilità al creditore pignorante dei fatti estintivi della obbligazione e fissa la regola della inopponibilità al pignoramento degli eventi successivi estintivi del credito, al fine di evitare atti dispositivi successivi da parte del debitore volti a disperdere un elemento costitutivo della sua garanzia patrimoniale già asservito, mediante il pignoramento, alla soddisfazione degli interessi del creditore pignorante.
Essa non può avere invece una efficacia limitativa della libertà negoziale non del soggetto debitore ma del terzo pignorato nei rapporti di durata, e quindi non può impedire l’efficacia del recesso del conduttore da un rapporto continuato quale il rapporto di locazione che venga esercitato secondo le regole tipiche di quel rapporto, anche quando i frutti civili periodicamente derivanti da quel rapporto (i canoni di locazione) siano stati oggetto di pignoramento.
Si deve pertanto ritenere che, laddove sul bene immobile oggetto di pignoramento preesista un contratto di locazione (che instaura un tipico rapporto di durata), la regola di cui all’art. 2917 cod. civ. non possa incidere sulla libertà del condutture di sciogliersi dal contratto secondo le regole di quel particolare rapporto di locazione.

Le conclusioni dell’ordinanza

In definitiva, per concludere il terzo pignorato non può essere costretto a proseguire contro la sua volontà il rapporto di locazione, qualora abbia la facoltà di sciogliersene secondo le regole che disciplinano il suo rapporto, sol perchè i canoni siano stati oggetto di pignoramento.

Adriana Costanzo per Norma.dbi.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here