Home fisco e tributi Le modifiche alla Pace fiscale dopo l’esame del Senato

Le modifiche alla Pace fiscale dopo l’esame del Senato

pace fiscaleIl passaggio in Senato del decreto sulla pace fiscale conferma le 9 vie della sanatoria. Se da una parte è stata mantenuta la struttura a più vie, dall’altra non sono mancate modifiche alla struttura della sanatoria.

La più importante, sicuramente, riguarda la cancellazione del testo iniziale dell’articolo 9 che prevedeva la possibilità di presentare una dichiarazione integrativa speciale su importi fino a 100 mila euro l’anno con una tassa sostitutiva del 20%.

La previsione suddetta è stata sostituita con la sanatoria degli errori formali che potranno essere corretti con il versamento di un importo pari a 200 euro per ogni singolo anno d’imposta.

Nulla da fare per il più volte annunciato saldo e stralcio con cui si era prevista la possibilità di consentire ai contribuenti in difficoltà economica (ISEE inferiore a 30 mila euro) di saldare il proprio debito versando, in relazione al reddito, il 6, il 10 o il 25% del dovuto.

Confermato invece il saldo e stralcio delle cartelle fino a mille euro che saranno oggetto di rottamazione automatica da parte dell’agente della riscossione.

Tra le novità introdotte a seguito dell’esame del Senato va segnalato un intervento riguardante le rate con cui i contribuenti potranno versare gli importi dovuti a seguito della presentazione dell’istanza di rottamazione. Se il periodo entro il quale effettuare i versamenti resta quello quinquennale originariamente previsto, cambia il numero delle rate che da 10 passano a 18: i primi due versamenti dovranno essere effettuati al 31 luglio e al 30 novembre del 2019, le altre, invece, avranno una scadenza trimestrale con la conseguenza che a partire dal 2020 le rate non saranno più due ma 4 all’anno.

Questa circostanza differenzia profondamente la rottamazione ter dalle due passate edizioni in cui i contribuenti, pur avendo presentato la domanda, sono successivamente decaduti dalla definizione per la difficoltà di far fronte al versamento del dovuto a causa del ridotto numero di rate entro cui dovevano effettuarsi i pagamenti.

Infine, va segnalato che a differenza delle passate edizioni della rottamazione, quella attuale non prevede neanche l’estensione della rottamazione ter alle ingiunzioni di pagamento con cui i comuni riscuotono i tributi locali, come Imu, Tasi e Tari, o le multe.

Chiunque fosse interessato ad effettuare un controllo della propria posizione debitoria può contattare il nostro studio legale inviando una e-mail all’indirizzo info@leonefell.com.

Per non perderti tutti gli aggiornamenti iscriviti al nostro gruppo facebook Rottamazione chiedi all’esperto

newsletter

Vuoi ricevere le notizie direttamente nella tua mail? Clicca qui e iscriviti alla newsletter

 

Francesco Leone
L’avv. Francesco Leone si è laureato presso la Facoltà di Giurispudenza di Palermo con una tesi in diritto costituzionale dal titolo “Le Forme di Governo e i Sistemi Elettorali”. Grazie alla guida del dominus Francesco Stallone, ha maturato esperienze come consulente per numerosi Enti Pubblici e Società Private con specifico riferimento alla predisposizione di bandi di gara, schemi di provvedimenti amministrativi e di contratti, interpretazione e applicazione della normativa regionale, nazionale e comunitaria. Superati immediatamente gli esami d’abilitazione, si iscrive all’Albo dell’Ordine degli Avvocati di Palermo. Da quel momento in poi, predispone e patrocina ricorsi singoli, e collettivi, presso la giurisdizione Amministrativa e Civile con particolare riferimento alle tematiche inerenti i Concorsi Pubblici, Esami di Stato, Esami d’Abilitazione, Urbanistica ed Edilizia, Contratti Pubblici/Appalti. Dal 2011 inizia a specializzarsi in Ricorsi Collettivi e Class Action aventi ad oggetto concorsi pubblici, procedure selettive e test d’ammissione e abilitazione. Nel 2013 crea un team di giovani professionisti che, coniugando ricerca scientifica e nuove tecnologie, si occupa con successo di tutti i grandi casi giurisprudenziali degli ultimi anni. Test d’ammissione a Medicina e Professioni Sanitarie, Esami d’abilitazione professionale, Concorsi nelle Forze dell’Ordine, Concorso dell’Agenzia delle Entrate, Selezioni CIAPI, Concorso “Roma Capitale”, Concorso MEF 2015, Piano Giovani e Garanzia Giovani (Youth Guarantee), Concorso Vigile del Fuoco, Accesso alle Scuole di Specializzazione Medica, Trasferimento in Italia da ateneo estero, Stabilizzazione precari e tutte le problematiche inerenti la Scuola rappresentano solo una parte delle attività professionali sino ad oggi svolte.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here


5 + 2 =