Home diritto del lavoro Pignoramento dello stipendio, cosa cambia con le nuove regole

Pignoramento dello stipendio, cosa cambia con le nuove regole

738
0

Oggi, le regole del pignoramento dello stipendio sono cambiate, ma solo per quanto riguarda i pignoramenti in banca. Invariate invece quelle che avvengono presso il datore di lavoro, con il pignoramento fino a massimo un quinto dello stipendio.

Pignoramento dello stipendio presso il datore di lavoro:

  • un solo creditore: pignoramento fino a massimo un quinto;
  • in caso di più di un creditore per cause diverse (alimenti, tributi, debiti di varia natura): pignoramento fino a metà al massimo.

Se il creditore è l’Agenzia Entrate:

  1. a) per stipendi fino a 2.500 euro: pignoramento dello stipendio fino a massimo 1/10;
  2. b) per stipendi tra 2.501 a 5.000 euro: pignoramento fino a massimo 1/7;
  3. c) per stipendi superiori a 5.000 euro: pignoramento fino a massimo 1/5.

Pignoramento dello stipendio presso banca o posta:

Quando il pignoramento avviene presso l’istituto di credito (banca o posta) e quindi ha come oggetto il conto corrente del debitore:

  • per le somme già depositate in banca alla data del pignoramento, il creditore non può più pignorare l’intero saldo, ma solo l’importo che eccede il triplo dell’assegno sociale, attualmente pari a 1.344,21 ossia 448,07 x3). Il risultato è la somma pignorabile (ad esempio, per uno stipendio di 1.500 euro vanno sottratti 1.344,32. La differenza, pari a 155,79 euro, è la quota pignorabile);
  • per le somme che verranno accreditate successivamente dall’azienda, a titolo di stipendio, dopo la notifica del pignoramento: valgono le stesse regole per il pignoramento presso il datore di lavoro (1/5 o 1/2 a seconda del numero di creditori).

Le stesse regole valgono per il pignoramento in banca della pensione.

Per quanto riguarda il TFR (trattamento di fine rapporto), diversamente dallo stipendio è pignorabile per intero, ma solo alla cessazione del rapporto di lavoro.

Per maggiori informazioni invia una mail a info@leonefell.com o compilare il form “Raccontaci il tuo caso”.

newsletter

Vuoi ricevere le notizie direttamente nella tua mail?

Francesco Leone
L’avv. Francesco Leone si è laureato presso la Facoltà di Giurispudenza di Palermo con una tesi in diritto costituzionale dal titolo “Le Forme di Governo e i Sistemi Elettorali”. Grazie alla guida del dominus Francesco Stallone, ha maturato esperienze come consulente per numerosi Enti Pubblici e Società Private con specifico riferimento alla predisposizione di bandi di gara, schemi di provvedimenti amministrativi e di contratti, interpretazione e applicazione della normativa regionale, nazionale e comunitaria. Superati immediatamente gli esami d’abilitazione, si iscrive all’Albo dell’Ordine degli Avvocati di Palermo. Da quel momento in poi, predispone e patrocina ricorsi singoli, e collettivi, presso la giurisdizione Amministrativa e Civile con particolare riferimento alle tematiche inerenti i Concorsi Pubblici, Esami di Stato, Esami d’Abilitazione, Urbanistica ed Edilizia, Contratti Pubblici/Appalti. Dal 2011 inizia a specializzarsi in Ricorsi Collettivi e Class Action aventi ad oggetto concorsi pubblici, procedure selettive e test d’ammissione e abilitazione. Nel 2013 crea un team di giovani professionisti che, coniugando ricerca scientifica e nuove tecnologie, si occupa con successo di tutti i grandi casi giurisprudenziali degli ultimi anni. Test d’ammissione a Medicina e Professioni Sanitarie, Esami d’abilitazione professionale, Concorsi nelle Forze dell’Ordine, Concorso dell’Agenzia delle Entrate, Selezioni CIAPI, Concorso “Roma Capitale”, Concorso MEF 2015, Piano Giovani e Garanzia Giovani (Youth Guarantee), Concorso Vigile del Fuoco, Accesso alle Scuole di Specializzazione Medica, Trasferimento in Italia da ateneo estero, Stabilizzazione precari e tutte le problematiche inerenti la Scuola rappresentano solo una parte delle attività professionali sino ad oggi svolte.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here


1 + 6 =