Home diritto del lavoro Pignoramento dello stipendio, cosa cambia con le nuove regole

Pignoramento dello stipendio, cosa cambia con le nuove regole

Oggi, le regole del pignoramento dello stipendio sono cambiate, ma solo per quanto riguarda i pignoramenti in banca. Invariate invece quelle che avvengono presso il datore di lavoro, con il pignoramento fino a massimo un quinto dello stipendio.

Pignoramento dello stipendio presso il datore di lavoro:

  • un solo creditore: pignoramento fino a massimo un quinto;
  • in caso di più di un creditore per cause diverse (alimenti, tributi, debiti di varia natura): pignoramento fino a metà al massimo.

Se il creditore è l’Agenzia Entrate:

  1. a) per stipendi fino a 2.500 euro: pignoramento dello stipendio fino a massimo 1/10;
  2. b) per stipendi tra 2.501 a 5.000 euro: pignoramento fino a massimo 1/7;
  3. c) per stipendi superiori a 5.000 euro: pignoramento fino a massimo 1/5.

Pignoramento dello stipendio presso banca o posta:

Quando il pignoramento avviene presso l’istituto di credito (banca o posta) e quindi ha come oggetto il conto corrente del debitore:

  • per le somme già depositate in banca alla data del pignoramento, il creditore non può più pignorare l’intero saldo, ma solo l’importo che eccede il triplo dell’assegno sociale, attualmente pari a 1.344,21 ossia 448,07 x3). Il risultato è la somma pignorabile (ad esempio, per uno stipendio di 1.500 euro vanno sottratti 1.344,32. La differenza, pari a 155,79 euro, è la quota pignorabile);
  • per le somme che verranno accreditate successivamente dall’azienda, a titolo di stipendio, dopo la notifica del pignoramento: valgono le stesse regole per il pignoramento presso il datore di lavoro (1/5 o 1/2 a seconda del numero di creditori).

Le stesse regole valgono per il pignoramento in banca della pensione.

Per quanto riguarda il TFR (trattamento di fine rapporto), diversamente dallo stipendio è pignorabile per intero, ma solo alla cessazione del rapporto di lavoro.

Per maggiori informazioni invia una mail a info@leonefell.com o compilare il form “Raccontaci il tuo caso”.

newsletter

Vuoi ricevere le notizie direttamente nella tua mail?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here


3 + 3 =