Home Approfondimenti Giuridici Regolamento preventivo di giurisdizione: la Cassazione precisa i casi in cui non...

Regolamento preventivo di giurisdizione: la Cassazione precisa i casi in cui non può essere esperito

(Da Norma.dbi.it)

cassazione-agenzialegaleInammissibile il regolamento preventivo di giurisdizione che si fondi sull’asserito eccesso di potere giurisdizionale del giudice per aver questi adottato un provvedimento d’urgenza ex art. 700 c.p.c. in materia nella quale la tutela cautelare è esclusa per legge.

Le Sezioni Unite della Suprema Corte di Cassazione hanno dichiarato inammissibile il ricorso con il quale il Movimento per la Difesa dei Diritti dei Cittadini ha contestato il potere del Tribunale di Napoli di intervenire sulla sospensione dagli incarichi del sindaco di Napoli e del governatore della Regione Campania decisa dal prefetto e dal Presidente del Consiglio dei Ministri in applicazione della Legge Severino.
Precisamente, ad avviso del Supremo Collegio di legittimità, il ricorso propone questioni che la Cassazione non può essere chiamata a risolvere.
Nel proposto ricorso per regolamento preventivo di giurisdizione si lamentava l’eccesso di potere giurisdizionale del tribunale di Napoli che, sospendendo con provvedimento d’urgenza ex art. 700 c.p.c., adottato nel corso del giudizio di merito, la carica conseguente all’adozione della Legge Severino, si sarebbe arrogato un potere giurisdizionale che non aveva per la duplice ragione che tale misura cautelare doveva ritenersi esclusa (o preclusa) per legge e che, per altro verso, comunque a fondamento di tale misura cautelare il giudice non poteva porre la disapplicazione della legge oggetto di un dubbio non manifestamente infondato di legittimità costituzionale.
10988486_1533178570280722_3050298689602970366_nA tale proposito, la Cassazione (clicca qui per la sentenza) dopo un’ampia disamina del concetto di eccesso di potere giurisdizionale, ha affermato che è inammissibile il ricorso per regolamento preventivo di giurisdizione che in un giudizio proposto in primo grado innanzi al giudice ordinario – il quale, in corso di causa, abbia adottato, a domanda del ricorrente di provvedimento d’urgenza ex art. 700 c.p.c., un provvedimento diretto ad accordare al ricorrente una tutela provvisoria ed interinale nelle more del giudizio incidentale di costituzionalità che contestualmente, con ordinanza di rimessione, abbia sollevato – lamenti l’eccesso di potere giurisdizionale di quel giudice assumendo che la tutela cautelare era preclusa per legge e che il contestuale sollevamento della questione di legittimità costituzionale non autorizzava quel giudice a non applicare la norma della cui legittimità costituzionale dubitava, atteso che nella questione così proposta non è identificabile una questione di giurisdizione ex artt. 37 e 41 c.p.c. che la Corte di cassazione, a sezioni unite, possa essere chiamata a risolvere.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here


4 + 4 =