Home attualità e cronaca Responsabilità danno erariale: nostra vittoria alla Corte dei Conti!

Responsabilità danno erariale: nostra vittoria alla Corte dei Conti!

danno erarialeLa Procura regionale aveva citato in giudizio alcuni consiglieri comunali di Canicattì, postulando che venisse affermata la loro responsabilità per il danno erariale di 361.042 euro subìto dallo stesso ente locale, che all’epoca dei fatti avevano promosso l’aumento del gettone di presenza. La Corte dei Conti ha messo la parola fine alla vicenda, confermando le nostre tesi ed escludendo il nesso causale tra i due eventi.

Nel 2003, una delibera del Consiglio comunale stabiliva un incremento dei gettoni di presenza per la partecipazione ai lavori del Consiglio e delle Commissioni, da un precedente importo di 36,15 euro per singola seduta, a 100 euro.

Nell’accusa, la Procura aveva evidenziato che l’art. 19 della legge regionale n. 30/2000 stabiliva  che il compenso degli amministratori locali non potesse essere inferiore a un minimo legale e che l’eventuale incremento avrebbe dovuto conformarsi alle disposizioni di un regolamento del Presidente della Regione, da adottarsi nel rispetto di taluni criteri prefigurati dal medesimo art. 19.

Dopo aver vinto in primo grado, i giudici rigettano l’appello della Procura, in quanto “inammissibile o infondato in relazione alla dedotta infondatezza e inammissibilità per insussistenza del danno erariale e del nesso di causalità”.

“L’appellante – si legge nella sentenza – non spiega per quale ragione all’adozione da parte (anche) degli appellati di una delibera che disponeva la misura del gettone di presenza per un solo anno (il 2003) sarebbe riconducibile il danno verificatosi in relazione alla liquidazione dell’emolumento per gli anni successivi (non disposta da tale atto deliberativo)”.

Per la Corte dei Conti, dunque, non c’è alcun nesso causale con il danno procurato all’ente locale.

Per contattare il nostro staff legale, da anni impegnato nella difesa di lavorato e amministratori di enti pubblici, invia una mail a info@leonefell.com

newsletter


Per non perderti le notizie più importanti, clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter

Francesco Leone
L’avv. Francesco Leone si è laureato presso la Facoltà di Giurispudenza di Palermo con una tesi in diritto costituzionale dal titolo “Le Forme di Governo e i Sistemi Elettorali”. Grazie alla guida del dominus Francesco Stallone, ha maturato esperienze come consulente per numerosi Enti Pubblici e Società Private con specifico riferimento alla predisposizione di bandi di gara, schemi di provvedimenti amministrativi e di contratti, interpretazione e applicazione della normativa regionale, nazionale e comunitaria. Superati immediatamente gli esami d’abilitazione, si iscrive all’Albo dell’Ordine degli Avvocati di Palermo. Da quel momento in poi, predispone e patrocina ricorsi singoli, e collettivi, presso la giurisdizione Amministrativa e Civile con particolare riferimento alle tematiche inerenti i Concorsi Pubblici, Esami di Stato, Esami d’Abilitazione, Urbanistica ed Edilizia, Contratti Pubblici/Appalti. Dal 2011 inizia a specializzarsi in Ricorsi Collettivi e Class Action aventi ad oggetto concorsi pubblici, procedure selettive e test d’ammissione e abilitazione. Nel 2013 crea un team di giovani professionisti che, coniugando ricerca scientifica e nuove tecnologie, si occupa con successo di tutti i grandi casi giurisprudenziali degli ultimi anni. Test d’ammissione a Medicina e Professioni Sanitarie, Esami d’abilitazione professionale, Concorsi nelle Forze dell’Ordine, Concorso dell’Agenzia delle Entrate, Selezioni CIAPI, Concorso “Roma Capitale”, Concorso MEF 2015, Piano Giovani e Garanzia Giovani (Youth Guarantee), Concorso Vigile del Fuoco, Accesso alle Scuole di Specializzazione Medica, Trasferimento in Italia da ateneo estero, Stabilizzazione precari e tutte le problematiche inerenti la Scuola rappresentano solo una parte delle attività professionali sino ad oggi svolte.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here


1 + 5 =