Home Abilitazione guide turistiche

Abilitazione guide turistiche

RICORSO

Ricorso guide turistiche

Ricorso avverso l’inidoneità espressa dalla commissione esaminatrice in sede di prova concorsuale di lingua straniera relativa al conseguimento dell’abilitazione regionale per l’esercizio della professione di guida turistica

TIPOLOGIA DI RICORRENTE

Possono aderire al ricorso tutti coloro che hanno ottenuto una inidoneità alla prova di lingua straniera entro 60 giorni dalla predetta inidoneità.

NORMATIVA

• La direttiva 2013/55/ue del parlamento europeo e del consiglio del 20 novembre 2013 recante modifica della direttiva 2005/36/ce relativa al riconoscimento delle qualifiche professionali e del regolamento (ue) n. 1024/2012 relativo alla cooperazione amministrativa attraverso il sistema di informazione del mercato interno («regolamento imi»), all’art 1 dispone:  un sistema di riconoscimento reciproco che inizialmente era basato su 15 direttive. Essa prevede un riconoscimento automatico per un numero limitato di professioni sulla base di requisiti minimi di formazione armonizzati (professioni settoriali), un sistema generale di riconosci­mento dei titoli legati alla formazione e un riconosci­mento automatico dell’esperienza professionale. La direttiva 2005/36/CE ha inoltre istituito un nuovo sistema di libera prestazione di servizi.
• Legge 6 agosto 2013 n. 97 art 3: l’abilitazione alla professione di guida turistica è valida su tutto il territorio nazionale. Ai fini dell’esercizio stabile in Italia dell’attività di guida turistica, il riconoscimento ai sensi del d.lgs 9 novembre 2007, n. 206, della qualifica professionale conseguita da un cittadino dell’Unione europea in un altro Stato membro ha efficacia su tutto il territorio nazionale.
• D.lgs n. 59/2010 Attuazione della direttiva 2006/123/CE, art 10 (libertà di accesso ed esercizio delle attività di servizi) nei limiti del presente decreto, l’accesso e l’esercizio delle attività di servizi costituiscono espressione della libertà di iniziativa economica e non possono essere sottoposti a limitazioni non giustificate o discriminatorie.

Principio cardine della presente direttiva è relativo all’obbligo imposto dall’Unione europea agli stati membri di rimuovere qualsiasi ostacolo che, direttamente o indirettamente impedisca o intralci il completo esplicarsi dei principi attinenti la libera circolazione delle persone, di stabilimento e la libera prestazione dei servizi in ambito comunitario.

 

GIURISPRUDENZA

 Recentissimamente, il Tar Lazio, ha accolto un ricorso avverso il  decreto 11.12.2015 recante: “individuazione dei requisiti necessari per l’abilitazione allo svolgimento della professione di guida turistica e procedimento di rilascio dell’abilitazione” nella parte in cui vieta alle guide turistiche abilitate sin dal 12.3.2016 la libertà di prestazione dei servizi, affermando che “La giurisprudenza della Corte Costituzionale ha, infatti, espressamente affermato, con riferimento alla disciplina delle guide turistiche e alle norme regionali che prevedevano l’indicazione di una limitazione degli ambiti territoriali per i quali sussiste l’abilitazione, nonché degli ambiti territoriali entro i quali la professione può essere esercitata, che “dette limitazioni comportano una lesione al principio della libera prestazione dei servizi, di cui all’art. 40 del Trattato CE e, dunque, la violazione del rispetto del vincolo comunitario di cui all’art. 117, primo comma, Cost., oltre che della libera concorrenza, la cui tutela rientra nella esclusiva competenza statale, ai sensi dell’art. 117, secondo comma, lettera e), Cost.“ (sentenza n. 271 del 2009).  (Tar Lazio sez. II quater sent. n. 2831/2017)
• La medesima sezione del Tar Lazio sulla base della normativaeuropea(legge europea 2013 n. 97 del 6-8-2013) così come recepita nel nostro ordinamento con d.lgs 206/2007,  afferma che L’art. 3 della legge n. 97 del 6-8-2013, legge europea 2013, norma dettata sulla base dell’apertura da parte della Commissione europea del caso EU Pilot 4277/2012, prevede espressamente la validità “su tutto il territorio nazionale” dell’abilitazione alla professione di guida turistica.Inoltre, “ai fini dell’esercizio stabile in Italia dell’attività di guida turistica, il riconoscimento ai sensi del decreto legislativo 9 novembre 2007, n. 206, della qualifica professionale conseguita da un cittadino dell’Unione europea in un altro Stato membro ha efficacia su tutto il territorio nazionale”. In base al secondo comma dell’art. 3, “fermo restando quanto previsto dal decreto legislativo 9 novembre 2007, n. 206, i cittadini dell’Unione europea abilitati allo svolgimento dell’attività di guida turistica nell’ambito dell’ordinamento giuridico di un altro Stato membro operano in regime di libera prestazione dei servizi senza necessità di alcuna autorizzazione  abilitazione, sia essa generale o specifica”.

OBIETTIVO DA RAGGIUNGERE

Rifacimento della prova orale con una diversa commissione del candidato illegittimamente escluso per non aver superato la prova di lingua straniera

AUTORITÀ ADITA

T.A. R. della regione che ha emanato il bando 

MOMENTO DAL QUALE DECORRE LA LESIONE

dalla data di non idoneità alla prova orale

TIPOLOGIA DI RICORSO E MODULISTICA

Costo azione:

• collettivo 500 euro (possibile solo fra persone giudicate non idonee nello stesso verbale)
 individuale  euro 1.500,00, comprensivi di IVA e cpa

Per ricevere qualsiasi tipo di informazione invia una mail all’indirizzo info@avvocatoleone.com o compila il nostro form “Raccontaci il tuo caso”.

Per informazioni immediate chiama 0917794561

Vuoi fissare un appuntamento con noi? Scopri la nostra sede più vicina a te!

Concorso Banca d’Italia, riattivato ricorso per categorie A, B, C, D

banca d'Italia
Nei mesi scorsi abbiamo denunciato l'illegittimità della previsione del bando di concorso indetto dalla Banca d'Italia per l’assunzione di 105 assistenti amministrativi e tecnici,...

Irregolarità al concorso per 89 Funzionari amministrativi in Toscana: il ricorso

89 funzionari amministrativi
Irregolarità al concorso per 89 funzionari amministrativi - categoria D, indetto lo scorso 6 marzo 2020 dalla Regione Toscana. Le prove preselettive si sono...

Vincitori MMG e incompatibilità con attività libero professionale

mmg
Alcuni corsisti ammessi in sovrannumero senza borsa di studio in Medicina generale – MMG non possono proseguire l’attività libero professionale, a differenza di colleghi...

Esame avvocato nel caos, al via il ricorso straordinario

esame avvocato
Gli esiti delle prove scritte dell’esame per avvocato hanno confermato l’inadeguatezza dell’abilitazione forense. La percentuale di aspiranti avvocati che avranno accesso alla fase finale...