Home Concorsi - Esclusione dalle prove psicofisiche e accertamenti sanitari

Concorsi – Esclusione dalle prove psicofisiche e accertamenti sanitari

RICORSO

Concorsi – Esclusione dalle prove fisiche e dagli accertamenti sanitari

Le prove di efficienza fisica (o psicofisica) e gli accertamenti sanitari servono a verificare il possesso di determinati requisiti psico-fisici da parte dei candidati. I concorrenti vengono sottoposti a test fisici e numerosi esami clinici (visite mediche generali, visite mediche specialistiche ed esami di laboratorio) che servono alla commissione esaminatrice per stabilire l’idoneità o l’inidoneità del concorrente a rivestire il ruolo per cui si sta candidando.

Non sempre, però, le valutazioni della commissione sugli accertamenti psicofisici  e su quelli sanitari sono compiuti in modo legittimo e, in determinati casi, è possibile proporre ricorso al TAR al fine di ottenere l’ammissione alla prova successiva.

Si stanno svolgendo in questi giorni le prove psico-fisiche e gli accertamenti sanitari dei concorsi per 654 allievi agenti di Polizia di Stato, Vfp1, Vfp4, ecc. Proprio per questi ed altri concorsi il nostro Studio ha già attivato azioni legali per difendervi da tutte le illegittimità già rilevate e che rileveremo.

TIPOLOGIA DI RICORRENTE

Possono aderire al ricorso tutti coloro che sono stati esclusi dal concorso a seguito del giudizio negativo della commissione per l’accertamento dei requisiti:

  • fisici
  • psicofisici
  • sanitari

Il ricorso dovrà essere proposto entro 60 giorni dalla notifica del provvedimento di esclusione. In caso di esclusione per il mancato possesso dei requisiti attitudinali clicca qui per ottenere maggiori informazioni

GIURISPRUDENZA

La giurisprudenza amministrativa ha più volte trattato l’argomento definendo i contorni e le finalità delle prove di efficienza fisica, degli accertamenti psicofisici e sanitari. Ad esempio, il Giudice amministrativo ha offerto delle linee guida che le commissioni dovrebbero rispettare nel giudizio di idoneità:

  • Finalità della prova fisica: “la caratteristica delle prove fisio-attitudinali è quella di verificare il possesso in capo a un concorrente di una buona complessione fisica, nonché di qualità e attitudini fisiche ritenute necessarie ai fini dell’espletamento delle funzioni e dei compiti della qualifica per cui si concorre”
  • Sulla soglia predefinita dall’amministrazione per l’ottenimento dell’idoneità: “trattandosi di esercizi di preparazione atletica, come la corsa, le flessioni e il salto, non vi è una soglia oggettiva e precisamente individuabile al di sotto della quale l’esercizio è da ritenersi insufficiente…il giudizio di idoneità deve valutare nel loro insieme le prestazioni del concorrente e motivare, sia pur sommariamente, l’esclusione o la ammissione di esso e, in presenza di situazioni che possono dare adito a valutazioni ambivalenti e contrastanti, il giudizio deve motivare in modo adeguato e non generico le ragioni della valutazione negativa”
  • Sui fattori momentanei – come lo stato di salute – che entrano in gioco durante la prova:  “nel caso di specie, il giudizio negativo sulla idoneità fisica della ricorrente è viziato da carenza di motivazione, atteso che esso non tiene in nessun conto il dato evidente che una prova come il salto in alto, per la sua specificità, richiede non solo il possesso di un accettabile stato di salute e di integrità fisica, ma anche di una speciale agilità, nonché destrezza, la quale può essere ridotta o compromessa da uno stato di malore temporaneo, come quello dal quale era affetta la ricorrente al momento della prova.”
  • Sulla percentuale di massa grassa accertata dalla Commissione: non di rado, le strumentazioni mediche utilizzate durante l’espletamento dei concorsi risultano obsoleti e, pertanto, è possibile contestare il risultato del relativo esame (clicca per leggere le nostre vittorie relative agli accertamenti sanitari)

OBIETTIVO DA RAGGIUNGERE

  • ammissione alla successiva fase concorsuale

AUTORITÀ ADITA

Nei concorsi nazionali (polizia, carabinieri ecc.) la competenza è del T.A. R. del Lazio – Roma

TERMINE DI ADESIONE

  • entro 60 gg dalla data di emissione del verbale di notifica di inidoneità

TIPOLOGIA DI RICORSO E MODULISTICA

Esclusivamente individuale. Un ricorso collettivo sarebbe dichiarato inammissibile per la disomogeneità dei provvedimenti impugnati e delle posizioni dei ricorrenti.

Il costo di adesione è pari a euro 1.500,00 comprensivi di iva e cpa per onorario, oltre 325,00 per contributo unificato

Per maggiori informazioni manda una mail a info@avvocatoleone.com

Per ricevere qualsiasi tipo di informazione invia una mail all’indirizzo info@avvocatoleone.com o compila il nostro form “Raccontaci il tuo caso”.

Per informazioni immediate chiama 0917794561

Concorso Regione Campania, diretta Facebook oggi alle 17 con gli avvocati...

🎬 Diretta Facebook - Concorso Regione Campania 👩‍💻👨‍💻 Vi aspettiamo oggi pomeriggio alle 17, in diretta sulla nostra pagina Facebook Avv. Francesco Leone, per parlare del Concorso...

Concorso Regione Campania nel caos, ritardi e irregolarità: al via il...

Sono stati pubblicati, e con ritardo, tutti elenchi degli ammessi alla prova scritta del concorso alla Regione Campania per l’assunzione a tempo indeterminato di...

Concorso per 510 funzionari Agenzia delle entrate, segnalate domande errate

agenzia delle entrate
Pubblicati gli esiti delle prove oggettive attitudinali del concorso per 510 funzionari dell’Agenzia delle entrate che era stato bandito il 9 aprile 2018. Clicca qui...

Maxi-concorso per 1514 posti al ministero del Lavoro: domande entro 11...

Maxi-concorso per 1514 posti
Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 68 del 28 agosto 2019 il concorso pubblico per la copertura di 1514 posti di personale non dirigenziale, a tempo indeterminato, presso il Ministero...
Francesco Leone
L’avv. Francesco Leone si è laureato presso la Facoltà di Giurispudenza di Palermo con una tesi in diritto costituzionale dal titolo “Le Forme di Governo e i Sistemi Elettorali”. Grazie alla guida del dominus Francesco Stallone, ha maturato esperienze come consulente per numerosi Enti Pubblici e Società Private con specifico riferimento alla predisposizione di bandi di gara, schemi di provvedimenti amministrativi e di contratti, interpretazione e applicazione della normativa regionale, nazionale e comunitaria. Superati immediatamente gli esami d’abilitazione, si iscrive all’Albo dell’Ordine degli Avvocati di Palermo. Da quel momento in poi, predispone e patrocina ricorsi singoli, e collettivi, presso la giurisdizione Amministrativa e Civile con particolare riferimento alle tematiche inerenti i Concorsi Pubblici, Esami di Stato, Esami d’Abilitazione, Urbanistica ed Edilizia, Contratti Pubblici/Appalti. Dal 2011 inizia a specializzarsi in Ricorsi Collettivi e Class Action aventi ad oggetto concorsi pubblici, procedure selettive e test d’ammissione e abilitazione. Nel 2013 crea un team di giovani professionisti che, coniugando ricerca scientifica e nuove tecnologie, si occupa con successo di tutti i grandi casi giurisprudenziali degli ultimi anni. Test d’ammissione a Medicina e Professioni Sanitarie, Esami d’abilitazione professionale, Concorsi nelle Forze dell’Ordine, Concorso dell’Agenzia delle Entrate, Selezioni CIAPI, Concorso “Roma Capitale”, Concorso MEF 2015, Piano Giovani e Garanzia Giovani (Youth Guarantee), Concorso Vigile del Fuoco, Accesso alle Scuole di Specializzazione Medica, Trasferimento in Italia da ateneo estero, Stabilizzazione precari e tutte le problematiche inerenti la Scuola rappresentano solo una parte delle attività professionali sino ad oggi svolte.