Home Novità sul riconoscimento della pregressa carriera accademica: il CdS condanna le università!

Novità sul riconoscimento della pregressa carriera accademica: il CdS condanna le università!

anni successivi al primo

Buone notizie: il Consiglio di Stato ci dà ragione e riforma le pronunce dei TAR che rigettano le istanze degli studenti che hanno superato il test di ingresso e hanno chiesto l’iscrizione ad anno successivo al primo perché già iscritti all’estero o presso altro corso di laurea.

Chi ha già una carriera universitaria avviata (in Italia o all’estero), se quest’anno ha superato il test d’accesso per Medicina e Odontoiatria, in virtù degli esami già sostenuti ha diritto ad essere immatricolato non al primo anno, ma direttamente al secondo o terzo anno, in base al numero di materie effettivamente convalidate!

Il caso 

Una studentessa ha frequentato con profitto i primi due anni della facoltà di Medicina presso un ateneo straniero e l’università di Roma ha riconosciuto gli esami superati.

La studentessa quindi, provvede a sostenere il test d’accesso, superandolo. Ma quando ha chiesto d’esser ammessa in via diretta all’anno accademico corrispondente al proprio curriculum, l’università ha rigettato la richiesta in quanto non disponeva di posti sufficienti.  Il TAR Lazio, confermando l’orientamento dell’Università romana, ha rigettato la richiesta d’immatricolazione al terzo anno della studentessa che opportunamente ha sollevato ricorso per tutelare i suoi diritti.

Il Consiglio di Stato ha accolto l’istanza della studentessa, riformando l’orientamento del Tar Lazio e ordinando all’università romana di riesaminare la posizione della ricorrente.

Questo crea un precedente per tutti gli studenti che, in virtù degli esami sostenuti precedentemente presso lo stesso o diverso Ateneo/Facoltà, chiedono di potersi immatricolare agli anni successivi al primo, in base al numero di materie effettivamente convalidate!

Ma perché non è la normalità? Perché l’Università ha rigettato la mia domanda?

I decreti ministeriali subordinano l’iscrizione ad anni successivi al primo degli studenti che anno superato il test ai posti effettivamente disponibili presso l’Ateneo per l’anno di corso in cui richiedono l’iscrizione.

Questa sentenza però apre le porte ad un’altra alternativa per accedere agli anni successivi al primo di una facoltà con riconoscimento crediti: devolve infatti alle università il dovere di analizzare la posizione degli studenti, non tenendo conto dei posti disponibili!

Cosa posso fare per immatricolarmi ad anni successivi al primo con il riconoscimento dei crediti pregressi?

Il nostro studio legale ha già proposto ricorso avverso queste illegittimità e i giudici hanno accolto le nostre tesi ordinando all’Università d’immatricolare i nostri assistiti.

E a fronte di questa ulteriore novità, ancora più opportunità nascono a favore degli studenti che vogliono intraprendere questa procedura o l’hanno intrapresa e hanno ricevuto un rigetto!

Se anche tu hai già sostenuto esami in altri corsi di laurea e, una volta superato il test d’ammissione, nonostante la convalida degli esami sostenuti sei stato immatricolato al primo anno, manda una mail a [email protected] per scoprire come tutelare i tuoi diritti!