Home Concorsi Scorrimento concorso 800 assistenti giudiziari: illegittima la scelta sedi

Scorrimento concorso 800 assistenti giudiziari: illegittima la scelta sedi

800 assistenti giudiziariDisposta l’assunzione a tempo indeterminato mediante ultimo scorrimento con definitivo esaurimento della graduatoria dei residui 837 candidati risultati idonei nel Concorso per 800 assistenti giudiziari.

Il provvedimento di scorrimento, a firma del direttore generale del Personale e della Formazione del 16 luglio 2020, tuttavia, prevede:
– di assumere i primi 500 candidati in una prima fase che si svolgerà entro il 7 agosto 2020;
– di assumere i restanti 337 in una seconda fase dello scorrimento, precisamente dopo la sospensione feriale.

Fino a qui, il provvedimento può essere considerato legittimo.

Tuttavia, con l’avviso del 23 luglio l’amministrazione ha pubblicato le sedi disponibili per la scelta dei primi 500 candidati. In altre parole ha messo a disposizione dei primi candidati un numero di sedi pari a 500, nonostante sia stato accertato, lo scorso 9 luglio, che in organico vi siano 619 posti vacanti da ricoprire (clicca quii per informazioni sulla dotazione organica).

Ciò significa che nel successivo scorrimento di 337 unità, i candidati avranno la possibilità di scegliere quelle sedi (preferibilmente nel sud Italia) che, invece, non sono state offerte ai primi 500 candidati. Il Ministero, nei fatti, sottrarrà ai primi 500 candidati meglio posizionati, molte sedi del sud che, invece, saranno nelle opzioni di scelta dei successivi 337 candidati.

In sostanza chi ha ottenuto un punteggio inferiore potrà scegliere tra più città rispetto ai colleghi piazzati meglio in graduatoria.

Riteniamo che tale comportamento sia illegittimo e pertanto il nostro studio legale ha attivato un ricorso collettivo per chiedere al Ministero di sottoporre ai primi 500 candidati la totalità delle sedi disponibili alla data di pubblicazione dello scorrimento.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here


5 + 1 =