Home Scuola Scuola, Fase C: La trepida attesa

Scuola, Fase C: La trepida attesa

Il nostro Studio continua a seguire le fasi di assunzione a tempo indeterminato dei precari della scuola, di cui al piano straordinario della riforma “Buona Scuola” (L. 107/2015).

20101004_scuola-matematicaTrepida attesa per circa 55.000 aspiranti docenti che domani, giorno 10 novembre, ore 16:00, saranno destinatari della proposta di assunzione dal MIUR, per essere collocati nel c.d. “organico di potenziamento”. La proposta di assunzione dovrà essere accettata entro dieci giorni, ovvero entro il 20 novembre 2015 alle ore 15.59, pena la cancellazione dalle graduatorie GAE e GM.

La riforma in tal caso prevede una soluzione sproporzionata e del tutto irragionevole, in quanto dal rifiuto fa discendere la cancellazione da tutte le graduatorie in cui l’aspirante docente è inserito (indipendentemente da quella per cui è stata presentata la domanda).

Si è discusso molto nella fase B, così come si continua a discutere nella fase C, circa l’algoritmo che verrà utilizzato per il reclutamento dell’organico di potenziamento.

Il piano straordinario di assunzione, infatti, è stato sin da sempre caratterizzato dalla poca trasparenza della procedura di reclutamento; trasparenza a cui è, invece, tenuta la Pubblica Amministrazione ai sensi della Legge 241/90.

E’ necessario ricordare che la Legge 107/2015 al comma 100 statuisce che “all’assunzione si provvede scorrendo l’elenco di tutte le iscrizioni nelle graduatorie dando priorità ai soggetti di cui al comma 96, lettera a) – aspiranti docenti delle GM – rispetto agli iscritti nelle graduatorie ad esaurimento e, in subordine, in base al punteggio posseduto per ciascuna classe di concorso”. Ed al successivo comma 101 che “Per ciascuna iscrizione in graduatoria, e secondo l’ordine di cui al comma 100, la provincia e la tipologia di posto su cui ciascun soggetto è assunto sono determinate scorrendo, nell’ordine, le province secondo le preferenze indicate e, per ciascuna provincia, la tipologia di posto secondo la preferenza indicata”.

Pertanto, qualunque altra modalità di reclutamento, quale ad esempio quella tanto paventata dai rumorS, ovvero di collocare i docenti “a pettine” nella prima provincia indicata, ed in “coda” nelle restanti 99 province, si dimostra del tutto illegittima, in quanto contraria alla Legge 107/2015, e tenuto conto, altresì, che nessun “Provvedimento correttivo”, in tal senso è stato mai adottato dal nostro Legislatore.

insegnante-docente-lavagna-scuola-lezione-marka-672-351Chi non dovesse ricevere la proposta di assunzione nella fase C rimarrà nella rispettiva graduatoria di appartenenza. Più precisamente, gli aspiranti docenti delle GAE, concorreranno all’assunzione a tempo indeterminato non prima dell’anno 2017/2018, con il limite dello scorrimento del solo 50% dei posti vacanti e disponibili nella provincia di riferimento (GAE), in quanto il restante 50% è riservato al prossimo concorso che verrà indetto entro il 1 dicembre 2015 (GM). Agli aspiranti docenti delle GM del concorso 2012 (sia vincitori che idonei), invece, gli verrà precluso definitivamente la possibilità di essere assunti a tempo indeterminato, stante l’espunzione della stessa GM 2012 in seguito alla formazione delle nuove GM 2015/2016 dal prossimo concorso.

Dunque, per i docenti delle GM 2012, non reclutati nella fase C, rimane loro soltanto la possibilità di partecipare al nuovo concorso, per l’assunzione a tempo indeterminato.

Per qualsiasi segnalazione, scrivete a “Raccontaci il tuo caso”.

Approfondimento a cura dell’Avv. Maria Saia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here


1 + 6 =