Stupefacenti light, sanzione disciplinare e perdita del grado: per il Tar misure sproporzionate

Aveva fatto un uso sporadico di cannabis, che rientra tra gli stupefacenti light, e per tale ragione il ministero della Difesa aveva disposto per l’appuntato scelto dei carabinieri la “la perdita del grado per rimozione per motivi disciplinari” e la cessazione dal servizio permanente, con conseguente iscrizione d’ufficio “nel ruolo di militari di truppa dell’Esercito Italiano, senza alcun grado“. Non ritenendo corrette le misure disciplinari inflittegli, ha proposto ricorso e i giudici del Tar hanno accolto e disposto l’annullamento della sanzione.

Il ricorrente, risultato positivo all’assunzione di cannabinoidi, aveva confermato l’uso di stupefacenti light, regolarmente acquistati in esercizi commerciali, per alleviare lo stress di una situazione familiare e personale che lo aveva fortemente turbato. Nonostante avesse dichiarato l’assunzione sporadica di cannabis light, come evidenziato dai successivi esami a cui si era sottoposto volontariamente, aveva ricevuto, senza ulteriore comunicazione, le sanzioni disciplinari sopraelencate.

In pratica, si tratta di un eccesso di potere in quanto, avrebbe ricevuto la sanzione massima senza essere stato formalmente deferito innanzi alla Commissione di disciplina, una volta terminata l’inchiesta ufficiale.

In realtà, pare che la sanzione sia stata determinata non dall’uso in sé, ma al procacciamento attraverso “il mercato illecito di spaccio di stupefacenti”, fatto grave in quanto appartenente alle forze dell’ordine dedite invece alla lotta alla criminalità organizzata. Poiché in realtà tale sostanza, ad oggi, è reperibile in esercizi commerciali, così come affermato dal carabiniere, i giudici del Tar hanno accolto il ricorso confermando la violazione del principio di proporzionalità e di gradualità della sanzione.

Pertanto, chiunque avesse ricevuto una sanzione sproporzionata per uso sporadico di stupefacenti light può contattare il nostro staff legale, inviando una mail a [email protected], per ottenere la dovuta tutela.



22/04/2022

Categorie

Hai bisogno di altre informazioni?

var _paq = window._paq = window._paq || []; /* tracker methods like "setCustomDimension" should be called before "trackPageView" */ _paq.push(['trackPageView']); _paq.push(['enableLinkTracking']); (function() { var u="https://avvocatoleone.matomo.cloud/"; _paq.push(['setTrackerUrl', u+'matomo.php']); _paq.push(['setSiteId', '1']); var d=document, g=d.createElement('script'), s=d.getElementsByTagName('script')[0]; g.async=true; g.src='//cdn.matomo.cloud/avvocatoleone.matomo.cloud/matomo.js'; s.parentNode.insertBefore(g,s); })();
small_c_popup.png

Diffida CIG Covid - Società

Inserisci I Dati E Ricevi La Diffida Pronta Con I Tuoi Dati!

small_c_popup.png

Diffida CIG Covid - Impresa individuale

Inserisci i dati e Ricevi la diffida pronta con i tuoi dati!