FIT 2018, pronto il decreto: confermate le categorie escluse

FIT 2018, pronto il decreto: confermate le categorie escluse

41523
0
CONDIVIDI

fit 2018Non è ancora stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale, ma il decreto del Ministero dell’Istruzione che riguarda il percorso FIT 2018 che i docenti vincitori di concorso dovranno affrontare per entrare in ruolo è già online da qualche ora e conferma le nostre previsioni sulle categorie escluse dal corso-concorso.

FIT 2018, pronto il decreto: ecco cosa prevede

Dal documento si evince che si tratterà di un solo anno di formazione che punterà a verificare le competenze professionali del docente vincitore di concorso. Durante tale periodo di formazione verranno inseriti a copertura dei posti vacanti e disponibili e saranno retribuiti a pieno stipendio.

Un tutor verificherà il percorso di ricerca-azione che gli insegnanti saranno tenuti a presentare, e dovrà essere coerente con il PTOF dell’istituto. La valutazione del tutor rientrerà tra la documentazione relativa al percorso formativo, una sorta di portfolio professionale che comprenderà:

  1. il curriculum formativo e professionale;
  2. il bilancio delle competenze, da redigersi all’inizio e al termine del percorso;
  3. la progettazione didattica, le attività didattiche svolte, le azioni di verifica intraprese;
  4. il progetto di ricerca-azione;
  5. il piano di sviluppo professionale.

Infine, per essere ammessi alla valutazione finale, gli aspiranti docenti dovranno svolgere:

  1. 180 giorni di servizio, dei quali almeno 120 di attività didattica;
  2. il progetto di ricerca-azione.

L’esame di valutazione finale consisterà in un colloquio, relativo alle attività svolte nel terzo anno di FIT o al percorso annuale di formazione. All’esito del colloquio, la Commissione si riunisce per l’espressione del parere. Il tutor scolastico presenterà le risultanze emergenti dell’istruttoria compiuta in merito alle attività formative.

FIT 2018, pronto il decreto: le categorie escluse

Dalla decreto, risultano ingiustamente esclusi da tale procedura le seguenti categorie di docenti:

– i docenti che abbiano maturato un servizio pari ad almeno 36 mesi, oppure ad almeno 180 giorni all’anno in tre anni. (Anche coloro che abbiano maturato tale servizio in Istituti Scolastici Paritari);
– gli insegnanti tecnico pratici (c.d. I.T.P.);
– gli insegnanti tecnico pratici inseriti nella II fascia delle GI solo nel luglio 2017;
– i diplomati delle accademie di belle arti e dei conservatori;
–  i dottori di ricerca;
– i docenti di ruolo in possesso di altra abilitazione all’insegnamento;
– Tutti i soggetti ammessi con riserva, che hanno ottenuto l’abilitazione con riserva o che partecipano a percorsi abilitanti con riserva.

Per tutelare i docenti ingiustamente esclusi, il nostro studio legale sta predisponendo un’azione legale.

Per maggiori informazioni e per scaricare i moduli di adesione clicca qui

Il nostro studio legale ti offre assistenza gratuita durante tutto l’iter, centralino dedicato, area riservata con aggiornamenti in tempo reale, dirette online con possibilità di colloquiare con gli avvocati e livechat su Facebook.

Per rimanere aggiornato iscriviti al nostro gruppo Facebook Concorso docenti 2018

Per ricevere qualsiasi tipo di informazione invia una mail all’indirizzo info@avvocatoleone.com o compila il nostro form “Raccontaci il tuo caso”.

 

ATTENZIONE! PROCEDURA PER NON PERDERE AGGIORNAMENTI IMPORTANTI DELLA PAGINA FACEBOOK

Facebook ha cambiato il sistema che mostra i contenuti. Serve da parte vostra un piccolo accorgimento, altrimenti vedrete meno contenuti dalla pagina facebook.

Se volete continuare a ricevere i nostri aggiornamenti e sapere sempre per primi cosa sta succedendo, dovrete andare nella pagina Avv. Francesco Leone e dopo aver cliccato su “Pagina seguita” scegliete l’opzione “Mostra per primi”, come vedete nell’immagine qui sotto.

facebookPROCEDURA PER CHI CI SEGUE DA MOBILE. Dopo aver cliccato su “Segui Già” scegliete l’opzione “Mostra per primi”, come vedete nell’immagine qui sotto.

facebook

CONDIVIDI
L’avv. Francesco Leone si è laureato presso la Facoltà di Giurispudenza di Palermo con una tesi in diritto costituzionale dal titolo “Le Forme di Governo e i Sistemi Elettorali”. Grazie alla guida del dominus Francesco Stallone, ha maturato esperienze come consulente per numerosi Enti Pubblici e Società Private con specifico riferimento alla predisposizione di bandi di gara, schemi di provvedimenti amministrativi e di contratti, interpretazione e applicazione della normativa regionale, nazionale e comunitaria. Superati immediatamente gli esami d’abilitazione, si iscrive all’Albo dell’Ordine degli Avvocati di Palermo. Da quel momento in poi, predispone e patrocina ricorsi singoli, e collettivi, presso la giurisdizione Amministrativa e Civile con particolare riferimento alle tematiche inerenti i Concorsi Pubblici, Esami di Stato, Esami d’Abilitazione, Urbanistica ed Edilizia, Contratti Pubblici/Appalti. Dal 2011 inizia a specializzarsi in Ricorsi Collettivi e Class Action aventi ad oggetto concorsi pubblici, procedure selettive e test d’ammissione e abilitazione. Nel 2013 crea un team di giovani professionisti che, coniugando ricerca scientifica e nuove tecnologie, si occupa con successo di tutti i grandi casi giurisprudenziali degli ultimi anni. Test d’ammissione a Medicina e Professioni Sanitarie, Esami d’abilitazione professionale, Concorsi nelle Forze dell’Ordine, Concorso dell’Agenzia delle Entrate, Selezioni CIAPI, Concorso “Roma Capitale”, Concorso MEF 2015, Piano Giovani e Garanzia Giovani (Youth Guarantee), Concorso Vigile del Fuoco, Accesso alle Scuole di Specializzazione Medica, Trasferimento in Italia da ateneo estero, Stabilizzazione precari e tutte le problematiche inerenti la Scuola rappresentano solo una parte delle attività professionali sino ad oggi svolte.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO


3 + 1 =