Home Concorsi Anni successivi al primo, illegittimo il bando dell’Università di Firenze

Anni successivi al primo, illegittimo il bando dell’Università di Firenze

Pubblicato lo scorso 29 gennaio, il bando per anni successivi al primo dell’Università di Firenze è illegittimo in quanto non consente la partecipazione anche a coloro che provengono da altri corsi di studio.

I posti a disposizione sono tanti: sono complessivamente 86 per Medicina e Chirurgia, 5 per Odontoiatria e 11 per Fisioterapia, solo per citarne alcuni.

Si legge nel bando che alla selezione possono partecipare “gli studenti iscritti, per l’anno accademico 2018/19, in altri Atenei italiani o esteri che chiedono il trasferimento ai medesimi  corsi di studio e al  medesimo  anno  di corso presso i quali sono già iscritti nell’Ateneo di provenienza, che abbiano sostenuto entro il 30 novembre 2018 (e risultanti in carriera) gli esami richiesti per l’ammissione al corso e all’anno di interesse”.

Pertanto, sono illegittimamente esclusi coloro che provengono da corsi di laurea diversi. La giurisprudenza conferma invece che possono richiedere l’immatricolazione ad anni successivi al primo tutti coloro che provengono da corsi di laurea affini. E, secondo una recentissima sentenza del Tar, non sarebbe più richiesto come requisito l’aver già conseguito 25 cfu in materie convalidabili. Per poter richiedere il passaggio bastano dunque solo pochi esami.

Chiunque voglia richiedere l’immatricolazione ad anni successivi al primo, senza passare dai test d’accesso, in uno dei corsi di laurea a numero programmato dell’ateneo fiorentino, con posti disponibili (ad esempio: MedicinaOdontoiatria e Fisioterapia) può aderire al nostro ricorso, compilando il modulo (clicca qui per scaricare i moduli di adesione) e inviandolo al nostro studio secondo le modalità descritte.

Il termine ultime per aderire al ricorso è il 13 marzo.

Per ulteriori informazioni invia una mail a [email protected]

newsletter

Vuoi ricevere le notizie direttamente nella tua mail? Clicca qui e iscriviti alla newsletter

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here