Home attualità e cronaca Autovelox, ecco quando la multa è nulla

Autovelox, ecco quando la multa è nulla

Autovelox 2Autovelox, ecco quando la multa è nulla

Guai a correre troppo, certo. Ma chi ci garantisce che il rilevatore elettronico dell’autovelox sia affidabile?

Autovelox, la Cassazione fa chiarezza

La domanda non è certo oziosa, se si considera che il superamento dei limiti consentiti può comportare multe salatissime e perfino il ritiro della patente. A far chiarezza ci ha pensato la seconda sezione civile della Corte di Cassazione che ha accolto il ricorso di un automobilista che voleva vederci più chiaro sulla qualità delle rilevazioni sulla velocità effettuate dalla Polizia stradale (Sent. n. 14543/2016) ed ha fissato un principio che certamente interesserà migliaia di cittadini: è nulla la multa che non dia evidenza dell’avvenuta taratura dell’apparecchiatura di rilevazione della velocità e, con essa, va considerato illegittimo anche il provvedimento del prefetto di ritiro della patente.

Autovelox, una pronuncia importante

AutoveloxQuest’importante pronuncia interviene dopo che la Consulta aveva già ritenuto incostituzionale l’art. 45 della Codice della Strada, nella parte in cui non prevede che tutte le apparecchiature impiegate nell’accertamento delle violazioni dei limiti di velocità siano sottoposte a verifiche periodiche di funzionalità e di taratura (sent. 113/2015).

E se la declaratoria di incostituzionalità sembrava essere  stata bellamente ignorata da parte degli organi di polizia, la recente presa di posizione della Suprema Corte fornirà al cittadino uno strumento di tutela in più, consentendo di fare ricorso per chiedere l’annullamento di tutte le multe per le quali l’amministrazione non sia in grado di documentare la corretta e periodica taratura della strumentazione adoperata per rilevare l’eccesso di velocità.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here


8 + 3 =