Home Concorsi Concorsi Pubblici, tutti i cambiamenti proposti dal Ministro Brunetta

Concorsi Pubblici, tutti i cambiamenti proposti dal Ministro Brunetta

concorsi pubbliciDa tempo si parlava di riforma dei concorsi pubblici, e l’emergenza Covid ha portato a una netta accelerazione al processo di cambiamento, oltre alla recentissima presentazione del nuovo Piano per la Pubblica Amministrazione fatta dal ministro della Funzione Pubblica Renato Brunetta.

L’obiettivo è quello di dotare la Pubblica Amministrazione delle migliori competenze e favorire un rapido ricambio generazionale che la porti in linea con le esperienze più avanzate realizzate nei paesi nostri concorrenti.

I punti fondamentali della Riforma Brunetta prevedono:

  • stop ai concorsi lenti (in media dalla ricerca di nuovo personale all’assunzione dei vincitori di concorso passano in media quattro anni);
  • ripresa dei concorsi in presenza (tramite comunque l’utilizzo di supporti informatici);
  • abolizione di concorsi unici (per velocizzare l’assunzione di personale della PA);
  • maggiore importanza ai Concorsi Formez (per gestire al meglio la selezione per profili).

Prima del Ministro Brunetta, anche Fabiana Dadone, ex ministro per la Pubblica amministrazione, aveva suggerito una riforma dei concorsi pubblici e aveva previsto:

  • SPID e PEC obbligatori;
  • Scadenza dei bandi ridotta;
  • Bandi-tipo;
  • Prove decentrate ed effettuate al computer;
  • Inserimento di CV e motivazioni personali;
  • Test situazionali e soft skills;
  • prove scritte standardizzate.

Per comunicare con il nostro staff legale invia una mail a [email protected]

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here