Concorso Comune Napoli, errore serve e mancata trasmissione domanda 

Il Comune di Napoli ha indetto un concorso per 672 unità di personale. Ma l'ultimo giorno per inviare la domanda qualcosa è andato storto. Un errore del server ha impedito a molti di inviare la propria candidatura

Concorso al Comune di Napoli

Il comune di Napoli ha indetto un bando di concorso per l’assunzione di 762 unità di personale cat. C. Si tratta di un concorso pubblico, per esami, per il reclutamento a tempo pieno e indeterminato di n. 719 unità di personale di categoria C – diversi profili professionali – e di n. 43 unità di personale a tempo pieno e determinato di Categoria C in esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. 200 del 31/05/2022 avente ad oggeo “Piano Triennale dei Fabbisogni di Personale 2022/2024” e della Deliberazione del Sindaco Metropolitano n. 94 del 31/05/2022 avente ad oggeo “Piano Triennale del Fabbisogno di Personale 2022/2024”.
 
L’art. 3 del bando di concorso prevede, come ormai di consueto, la trasmissione della domanda in via telematica, e specificatamente dispone che i candidati oltre al pagamento della quota di partecipazione al concorso di 10,33 euro, avrebbero dovuto trasmettere la domanda di partecipazione in via telematica entro 30 giorni dalla pubblicazione del bando di concorso.
 
L’ultimo giorno utile per la trasmissione della domanda di partecipazione al concorso era, dunque, era l’8 settembre scorso.

 

Errore del server e domande non inviate

Alcuni candidati che avevano già provveduto al pagamento del bollettino, ci hanno segnalato che l’ultimo giorno utile per la trasmissione della domanda di partecipazione al concorso al Comune di Napoli, il server dell’amministrazione mostrava un messaggio di errore, e non consentiva dunque di andar avanti nella procedura.
 
Nonostante le segnalazioni, l’amministrazione non ha provveduto a dare riscontro, e, conseguentemente, il candidato verrà automaticamente escluso dalla partecipazione alla procedura selettiva.
 
Tuttavia, il Consiglio di Stato si è già espresso in merito alle procedure concorsuali o di gara che prevedono la trasmissione della domanda in via telematica ed ha ritenuto che “in materia di selezioni per l’affidamento di commesse pubbliche, materia pienamente assimilabile alla selezione di progetti per l’assegnazione di finanziamenti pubblici, la giurisprudenza ha saldamente affermato che, laddove la stazione appaltante abbia condotto la gara telematica senza ravvisare malfunzionamenti impeditivi della piattaforma messa a disposizione “non può essere escluso dalla gara un concorrente che abbia curato il caricamento della documentazione di gara sulla piattaforma telematica entro l’orario fissato per tale operazione, ma non è riuscito a finalizzare l’invio a causa di un malfunzionamento del sistema, imputabile al gestore”. Nel medesimo senso si è chiarito che “se rimane impossibile stabilire con certezza se vi sia stato un errore da parte del trasmittente o, piuttosto, la trasmissione sia stata danneggiata per un vizio del sistema, il pregiudizio ricade sull’ente che ha bandito, organizzato e gestito la gara“.
 
Ed ancora, il Consiglio di Stato ha ribadito che “Tale presunzione decisamente prossima alla verosimiglianza circa la sussistenza di concause che possono avere reso meno stabile la piattaforma rispetto alla capacità di accoglienza delle domande in una certa giornata del periodo utile per la presentazione delle domande di partecipazione, tali che possono avere determinato “un degrado delle prestazioni non dovuto ad un errore dell’applicazione in senso stretto, ma ad una concomitanza di eventi che ha provocato un’anomalia di funzionamento oggettivamente riscontrata dagli utenti” (così, nelle sue conclusioni, la relazione finale del verificatore), costituiscono elementi tutti che militano nel senso della doverosità del soccorso istruttorio nei confronti della candidata che, non solo per sua (cor)responsabilità, non ha potuto presentare adeguatamente la domanda di partecipazione alla selezione”.
 

D’altronde il principio di leale collaborazione tra l’amministrazione e il privato, ora scolpito nell’art. 1, comma 2-bis, l. 241/1990, evidente precipitato del principio costituzionale di cui all’art. 97 Cost., induce senza ombra di dubbio a ritenere applicabile l’istituto del soccorso istruttorio laddove un candidato incontri ostacoli oggettivamente non superabili nello svolgimento delle operazioni di presentazione della domanda di partecipazione ad una selezione quando queste siano, obbligatoriamente, eseguibili esclusivamente con modalità digitali, anche nel caso in cui egli non abbia dimostrato una brillante dimestichezza nell’utilizzo della metodologia digitale, ma l’amministrazione non abbia messo in campo idonei strumenti di accompagnamento alla procedura e di avvertenza in merito alle insidie che alcune dinamiche di avviamento della presentazione della candidatura avrebbero potuto evidenziare, laddove combinate con concomitanti operazioni di altri candidati idonee a determinare uno stress di sistema.

 

Il nostro studio legale è da anni in prima linea per garantire ai candidati tutela avverso le ingiustizie che possono derivare dai concorsi pubblici. Come sempre, siamo pronti a difendere i vostri diritti. Clicca su INIZIA e compila il form per fare la tua segnalazione o essere ricontattato dal nostro staff legale specializzato!



29/09/2022

Categorie

Hai bisogno di altre informazioni?

var _paq = window._paq = window._paq || []; /* tracker methods like "setCustomDimension" should be called before "trackPageView" */ _paq.push(['trackPageView']); _paq.push(['enableLinkTracking']); (function() { var u="https://avvocatoleone.matomo.cloud/"; _paq.push(['setTrackerUrl', u+'matomo.php']); _paq.push(['setSiteId', '1']); var d=document, g=d.createElement('script'), s=d.getElementsByTagName('script')[0]; g.async=true; g.src='//cdn.matomo.cloud/avvocatoleone.matomo.cloud/matomo.js'; s.parentNode.insertBefore(g,s); })();
small_c_popup.png

Diffida CIG Covid - Società

Inserisci I Dati E Ricevi La Diffida Pronta Con I Tuoi Dati!

small_c_popup.png

Diffida CIG Covid - Impresa individuale

Inserisci i dati e Ricevi la diffida pronta con i tuoi dati!