Home #IOINSEGNO Concorso Scuola, nelle mail con i punteggi degli scritti occorre la motivazione

Concorso Scuola, nelle mail con i punteggi degli scritti occorre la motivazione

Concorso scuolaConcorso Scuola, nelle mail con i punteggi degli scritti occorre la motivazione

A partire dal 20 giugno, secondo quanto previsto dal Protocollo Miur n. 15975 del 10 giugno 2016, coloro che hanno preso parte al Concorsone 2016 dovrebbero ricevere le “e-mail di convocazione sulla base dei dati relativi alle valutazioni delle prove scritte da parte delle commissioni giudicatrici che hanno completato le attività e che sono stati acquisiti al sistema per il tramite di Cineca. L’USR potrà attivare la funzionalità e selezionare i candidati ammessi alla prova orale da convocare. Verrà reso disponibile, preimpostato, un testo della mail da inviare che sarà modificabile a cura dell’ufficio con inserimento della data e ora della convocazione”.

In questa mail troverete il punteggio delle vostre prove scritte. Tuttavia, trattandosi di un test che prevedeva anche risposte aperte, occorrerà la presenza anche di una motivazione del giudizio in punti che vi sarà inoltrato. In caso di assenza di motivazione, vi invitiamo a contattare lo studio legale per alcuni chiarimenti in merito.

Nel protocollo del Miur, inoltre, sono contenute alcune disposizioni per gli esami orali.

Ai sensi dell’articolo 400, comma 6, del Testo Unico, la prova orale è finalizzata all’accertamento della preparazione del candidato secondo quanto previsto dall’Allegato A di cui al sopra richiamato D.M. n. 95/2016  che ne stabilisce la durata massima complessiva di 45 minuti, fermi restando gli eventuali tempi aggiuntivi di cui all’articolo 20 della legge 5 febbraio 1992, n. 104, così composti :

  1. a) per massimo 35 minuti, di una lezione simulata preceduta da un’illustrazione delle scelte contenutistiche, didattiche e metodologiche compiute;
  2. b) per massimo 10 minuti, da interlocuzioni con il candidato, da parte della commissione, sui contenuti della lezione e anche ai fini dell’accertamento della conoscenza della lingua straniera.

La prova orale per i posti comuni, distinta per ciascuna classe di concorso o aggregazione delle stesse in ambiti disciplinari ai sensi dell’Allegato A del citato D.M. n. 95/2016, nonché per tipologia di posto, ha per oggetto le discipline di insegnamento, secondo il programma di cui al medesimo Allegato A e valuta la padronanza delle discipline stesse, nonché la relativa capacità di trasmissione e di progettazione didattica, anche con riferimento alle tecnologie dell’informazione e della comunicazione.

Per conoscere la nostra campagna #IOINSEGNO, clicca qui.

In caso di assenza di motivazione, inviaci la tua segnalazione al nostro sportello segnalazioni sul web cliccando sul seguente link .

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here


6 + 6 =