Home Abilitazione Forense Esame avvocato nel caos, al via il ricorso straordinario

Esame avvocato nel caos, al via il ricorso straordinario

esame avvocatoGli esiti delle prove scritte dell’esame per avvocato hanno confermato l’inadeguatezza dell’abilitazione forense. La percentuale di aspiranti avvocati che avranno accesso alla fase finale dell’esame, gli orali, è infatti inferiore al 35% dei partecipanti.

Un risultato nettamente al di sotto delle aspettative e che testimonia il fallimento di un sistema di verifica anacronistico e che presta da sempre il fianco a numerose illegittimità.

Per tale ragione, insieme all’Aipavv l’Associazione italiana praticanti avvocati, il nostro Studio legale ha attivato un ricorso collettivo per contestare le illegittime procedure abilitative e concorsuali.

Insieme al presidente Aipavv, Artan Xhepa, saremo in diretta oggi alle 15 sulla nostra pagina Facebook Avv. Francesco Leone per spiegare le motivazioni alla base del ricorso e rispondere a tutte le vostre domande! Clicca qui per iscriverti all’evento!

Quest’anno in particolare, a causa dell’emergenza Covid, ad essere compromessa è stata anche l’uniformità della procedura di correzione degli elaborati scritti. E infatti, diverse commissioni d’esame hanno proceduto alla correzione da remoto mentre in altri casi, e con una tempistica eccessivamente ridotta, la procedura è avvenuta dal vivo.

Tale modus operandi ha finito con il danneggiare pesantemente decine di migliaia di giovani italiani che, dopo ben 8 mesi di attesa (le prove scritte si erano svolte infatti a dicembre 2019), hanno ricevuto una valutazione negativa dei loro elaborati priva di una pur minima motivazione.

Infatti, nonostante i principi di trasparenza che dovrebbero uniformare tutte le procedure selettive, l’esame d’abilitazione forense non prevede un obbligo di motivazione. 

In particolare, verrà rilevata l’illegittimità costituzionale dell’impianto normativo che disciplina l’accesso alla professione forense per violazione dei vincoli comunitari che garantiscono il rispetto della cosiddetta libertà di stabilimento e di concorrenza e che vietano l’introduzione di ostacoli ingiustificati all’accesso al lavoro.

Verrà inoltre rilevata la violazione e/o la falsa applicazione della direttiva comunitaria 958/2018 che regolamenta gli esami di accesso alle professioni con titolo abilitante e che sarebbe rispettata ove entrasse integralmente in vigore la disciplina di cui alla legge 247/2012. Tale ultima normativa di riforma, difatti, non è ancora entrata in vigore per le sue parti “innovative”.

Per maggiori informazioni e per aderire clicca qui

Con tale ricorso chiederemo al Collegio di essere ammessi alla successiva fase orale del concorso o, in subordine alla ricorrezione degli elaborati a seguito della disapplicazione delle norme contestate.

Contestualmente chiederemo che venga sollevata, ove ritenuto necessario, questione di legittimità costituzionale o questione pregiudiziale alla Corte di Giustizia.

Nel caso in cui l’esito del ricorso non fosse immediatamente quello sperato valuteremo l’opportunità di avanzare ricorso alla Cedu.

Il nostro obiettivo, dunque, non è soltanto tutelare il candidato non ammesso alla prova orale della sessione 2019, bensì è quello di rompere gli schemi antiquari che reggono questa modalità di esame così strutturato.

Per maggiori informazioni e per aderire clicca qui

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here


8 + 9 =