Home diritto del lavoro I riders scrivono a Conte: “Rischiamo troppo, vogliamo maggiori tutele”

I riders scrivono a Conte: “Rischiamo troppo, vogliamo maggiori tutele”

riders“I rider sono privati anche di tutele reddituali: scontano la paradossale situazione di non avere accesso né alle tutele che spettano i lavoratori subordinati (anche se di fatto lo sono), né alle misure di sostegno recentemente approvate per gli autonomi”. A siglare l’appello un gruppo di riders torinesi che hanno scritto direttamente al presidente del consiglio Giuseppe Conte e al ministro del Lavoro Nunzia Catalfo.

“Le misure straordinarie prese dal Consiglio dei Ministri indirizzate al contenimento della diffusione del Covid-19 su tutto il territorio italiano includono la chiusura delle attività non essenziali. Nonostante ciò – si legge nell’appello – a quanto pare non si è ritenuto opportuno fermare l’attività dei fattorini di pasti a domicilio, i così detti “rider” Questi lavoratori sono particolarmente esposti al contagio e possono diventare vettori nella diffusione del virus”.

Secondo il nostro Studio legale, i “riders” sono lavoratori a tutti gli effetti e come tali ad essi va applicata la disciplina del rapporto di lavoro subordinato. Per tale ragione abbiamo attivato un’azione legale affinché i riders, categoria sino a oggi priva di effettive tutele, possano vedersi riconosciute le medesime prerogative dei Colleghi “impiegati” ai quali, la contrattazione collettiva di settore, garantisce standard lavorativi sicuramente maggiori.

Per maggiori informazioni e per aderire all’azione clicca qui

Per contattare il nostro studio invia una mail a info@leoenfell.com

Entra a far parte della nostra community!
Clicca qui e iscriviti al nostro gruppo Facebook
“Riders, diritti e tutele“

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here


6 + 9 =