Home Ricorsi Medicina Immatricolazioni a Medicina senza test d’ingresso: arriva il sì del Tar per...

Immatricolazioni a Medicina senza test d’ingresso: arriva il sì del Tar per gli iscritti in altri corsi di laurea

medicina e odontoiatriaÈ possibile immatricolarsi in Medicina e Odontoiatria senza aver superato il test d’ingresso, se si proviene da altri corsi di laurea dell’area sanitaria. A sostenere la tesi il nostro staff legale che oggi ha ottenuto un’ulteriore conferma anche dai giudici del Tar del Lazio (leggi l’ordinanza).

Immatricolazioni a Medicina e Odontoiatria ad anni successivi al primo senza test d’ingresso: rivedi la diretta streaming con gli avvocati Francesco Leone e Simona Fell

 

Immatricolazioni a Medicina senza Test, il precedente del Tar del Lazio

A fare da apripista una studentessa iscritta al III anno del corso di laurea magistrale in Chimica e Tecnologia farmaceutiche – Facoltà di Farmacia che aveva aderito all’azione legale per richiedere il passaggio a Medicina. Il nostro studio legale, lo scorso ottobre, a ridosso delle immatricolazioni, avevano fatto una scoperta straordinaria, ovvero che in tutte le università italiane erano rimasti vacanti, perché non assegnati, ben 7mila posti che erano dunque disponibili per anni successivi al primo.

“Analizzando alcuni documenti ministeriali che avevamo richiesto per altre azioni legali riguardanti il numero chiuso e l’effettiva disponibilità degli atenei – raccontano gli avvocati Francesco Leone e Simona Fell – abbiamo scoperto che restavano vacanti, perché non assegnati, un numero elevatissimo di posti. Vista la carenza di personale medico e l’allarme lanciato da ordine e sindacato sul numero insufficiente di medici e sulla carenza di posti nelle varie scuole, ci è sembrato davvero assurdo che tutti questi posti andassero perduti. E così, per offrire un’opportunità in più agli studenti, il cui sogno è quello di diventare medico, abbiamo studiato il modo di rendere di nuovo disponibili quei posti”.

A seguito di tale scoperta, infatti, il nostro studio legale aveva deciso di contattare gli atenei per capire l’effettiva disponibilità di posti. E dopo la conferma delle varie università, oggi anche la conferma dei giudici del Tar che hanno dato il loro “nulla osta” per l’immatricolazione a Medicina e Odontoiatria per chi proviene da altri corsi di laurea di area sanitaria, senza però passare dai test d’ingresso.

Già in azioni precedenti, il Tar aveva affermato che “non è obbligatorio sostenere la prova di ammissione la quale è, invece, prevista per coloro che intendono immatricolarsi al primo anno, dato che tale prova è necessaria al fine di verificare l’attitudine degli aspiranti al relativo ciclo di studi”.

“Tale principio – precisano gli avvocati – non può che essere valido soprattutto per coloro che sono iscritti in facoltà affini e desiderano immatricolarsi ad anni successivi al primo, la cui attitudine è già dimostrabile con il superamento delle materie previste dal piano di studi. Siamo lieti che i giudici amministrativi abbiano sostenuto le nostre tesi e ci abbiano consentito di tutelare quello che per noi è uno dei diritti fondamentali, ovvero il diritto allo studio”.

Una vittoria che di fatto crea il precedente e riapre le porte di tutte le scuole di Medicina e Odontoiatria per i laureati, laureandi, o iscritti almeno al terzo anno dei corsi di laurea in Farmacia, Chimica, IMAT, Biologia, Veterinaria e CTF che in realtà desiderano diventare medici o odontoiatri.

Per maggiori informazioni nonché per aderire al ricorso clicca qui.

medicina 2017 trasferimentiPossono immatricolarsi a Medicina, usufruendo di uno dei 7.000 posti vacanti per anni successivi al primo tutti i laureandi, laureati o iscritti almeno al terzo anno di uno dei seguenti corsi di laurea: Farmacia, Chimica, IMAT, Biologia, Veterinaria, CTF a patto che abbiano maturato almeno 25 Cfu in materie convalidabili nel corso di laurea in Medicina e Odontoiatria

Per sapere se si sono conseguiti già i 25 Cfu necessari occorre inviare una mail alla Segreteria studenti di Medicina della Facoltà in cui ci si vuole immatricolare, allegando il proprio piano di studi e chiedendo una valutazione e un riconoscimento preventiva della propria carriera universitaria ai fini della immatricolazione ad anni successivi al primo. Infatti, la convalida dei Cfu varia da Ateneo ad Ateneo ed è lasciata alla discrezionalità dell’Università stessa.

Per informazioni invia una mail a [email protected] o compila il form “Raccontaci il tuo caso“.

Per non perderti le notizie più importanti, clicca qui e iscriviti alla nostra newsletterRiceverai, direttamente nella tua casella newsletterdi posta elettronica, notizie sulle nostre campagne legali, informazioni utili su tasse e rimborsibanche e mutuidiritti dei consumatoriscuolasanità, oltre a informazioni dettagliate su bandi e concorsi pubblici, e molto altro ancora.

12 COMMENTI

  1. Mi scusi ma perchè Biotecnologie non è compreso nell’elenco delle Facoltà ammesse? al primo anno sono 6 gli esami convalidati dalla facoltà di medicina , per un totale di 40 CFU solo al primo anno, mi sembra altamente discriminante escludere questi ragazzi che hanno maturato le stesse competenze degli altri.

  2. E’ possibile ipotizzare qualcosa di simile anche per l’accesso a veterinaria, ad esempio da scienze della produzione animale? Anche lì posti vacanti ne restano tutti gli anni.

  3. Salve solo Il Dott. Cinardi Andrea, sono stato un vostro assistito in diversi ricorsi tra cui l’ultimo due anni fa nella facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania. Leggendo le vostre news ho letto quest’ultima notizia delle novità per il test in medicina. Volevo l’avere ulteriori informazioni in merito, visto che ho conseguito una due lauree sanitarie una in Fisioterapia ed una in Osteopatia finita nel 2017. Volevo gentilmente essere ricontatto dal vostro studio per ulteriori delucidazioni grazie.

  4. Buongiorno,
    io sono un farmacista che nonostante l’eta ( 45 anni), avrebbe piacere prendere la seconda laurea in Medicina. Essendo della provincia di Monza ho provato a contattare via email i direttori delle varie scuole mediche, di cui quello dell’Insubria (Varese), mi ha risposto che nonostante i vari ricorsi, non esistono “scorciatoie” neanche per chi è laureato in una professione sanitaria.

    Escludendo la voglia di rimettermi a studiare letteratura o storia o nozionistica…spero che alla fine vinca il buon senso.

    • Chi è già laureato non è tenuto a sostenere il test d’ingresso in quanto l’unico obiettivo è quello di valutare la predisposizione allo studio delle materie del corso. La sua laurea dimostra già tale predisposizione! Abbiamo ottenuto tantissime sentenze da Tar e Consiglio di Stato che confermano le nostre tesi. Pertanto ci contatti inviando una mail a [email protected] e saremo lieti di aiutarla!

  5. Salve, sono Alessio Patamia, ho letto l’articolo “Immatricolazioni a Medicina senza test d’ingresso: arriva il sì del Tar per gli iscritti in altri corsi di laurea” e vorrei avere maggiori delucidazioni.
    Io sono in possesso di una laurea magistrale in biologia molecolare conseguita presso l’università di Parma, e mi chiedevo se potessi anch’io usufruire del passaggio diretto al secondo anno di medicina.
    Che procedura dovrei eventualmente effettuare per poter raggiungere questo scopo?
    Cordiali saluti.

    • Buongiorno Alessio, certo essendo già laureato avrà acquisito crediti da materie convalidabili a Medicina. Pertanto può chiedere l’immatricolazione a Medicina senza test. Poiché vi sono alcuni requisiti, tra cui la presenza di posti vacanti presso l’ateneo di sua scelta, le consiglio intanto di inviare una mail a [email protected] allegando il suo piano di studi e le sedi di preferenza. Una volta analizzata la sua situazione un nostro legale la affiancherà per presentare l’istanza.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here