Home #IOMERITO #IOMERITO, oggi importante convegno a Roma presso la Camera dei Deputati

#IOMERITO, oggi importante convegno a Roma presso la Camera dei Deputati

24 Febbraio 2016, Roma: l’avvocato Leone interverrà al convegno alla Camera dei Deputati sullo scorrimento delle graduatorie concorsuali.

Nel corso dei mesi scorsi vi abbiamo documentato sulla nostra campagna legale#IOMERITO, volta a tutelare i soggetti che hanno sostenuto un concorso pubblico e che, pur risultando vincitori o idonei, non sono stati ancora assunti (clicca qui per leggere il manifesto della campagna).

Recentemente, grazie alla forza del Coordinamento Spontaneo Idonei Italiani (Csi) che cerca quotidianamente di far sentire la propria voce su tutto il territorio nazionale (clicca qui per accedere al portale del CSI), abbiamo fatto importanti passi in avanti nella sensibilizzazione dell’opinione pubblica. Con l’obiettivo di approfondire l’argomento e cercare una possibile soluzione politica che tuteli le migliaia di idonei si terrà a Roma, giorno 24 febbraio 2016, presso la Camera dei Deputati (Nuova Aula del Palazzo dei Gruppi Parlamentari) un convegno ( e presentazione di un disegno di legge) sul tema “ IL DIRITTO DEGLI IDONEI FRA GRADUATORIE ANCORA VIGENTI E NUOVE NORME IN MATERIA DI CONCORSI NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ”. Il promotore dell’incontro ha invitato l’Avv. Francesco Leone quale ideatore della campagna #IOMERITO.

Lo scopo dell’iniziativa è quello di tutelare gli idonei e di approfondire gli aspetti giuridici per consentire il pieno utilizzo di tutte le graduatorie dei concorsi indetti dalle pubbliche amministrazioni per la copertura di posti di pubblico impiego, senza discriminare fra i concorsi interni e quelli esterni.

Interverranno: l’On. Marianna Madia, Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione;  l’On. Giampiero D’Alia, già Ministro della Funzione Pubblica ed autore del decreto legge n. 101- 2013, Presidente della Commissione questioni regionali presso la Camera dei Deputati, deputato del gruppo Area Popolare; l’On. Cesare Damiano, già Ministro del Lavoro, Presidente della Commissione lavoro pubblico e privato presso la Camera dei Deputati, deputato del gruppo Partito Democratico, co-firmatario della mozione in materia;l’On. Piero Fassino, Sindaco di Torino e Presidente dell’ANCI; l’On. Arturo Scotto, Presidente del Gruppo Sinistra Ecologia e Libertà presso la Camera dei Deputati, co-firmatario della mozione in materia (mattina); l’On. Mariastella Gelmini, già Ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca, Vicepresidente vicario del gruppo Forza Italia presso la Camera dei Deputati; l’On. Fabio Rampelli, Presidente del Gruppo Fratelli d’Italia – An presso la Camera dei Deputati, co-firmatario della mozione in materia (pomeriggio); l’On. Tiziana Ciprini, deputata del gruppo Movimento 5 Stelle, prima firmataria della mozione in materia (pomeriggio); l’On. Federica Dieni, deputata del gruppo Movimento 5 Stelle; co-firmataria della mozione in materia; l’On. Milena Santerini, deputata del gruppo Democrazia Solidale presso la Camera dei Deputati; il Sen. Lucio Barani, Presidente del gruppo Alleanza Liberalpopolare-Autonomie presso il Senato della Repubblica; la Sen. Loredana De Petris, Presidente del gruppo Misto presso il Senato della Repubblica; la Sen. Anna Bonfrisco, Presidente del gruppo Conservatori e Riformisti presso il Senato della Repubblica; la Sen. Nunzia Catalfo, Presidente del gruppo Movimento 5 Stelle presso il Senato della Repubblica; altri deputati e senatori di tutti i gruppi parlamentari; il Dott. Bruno Vespa, giornalista e conduttore della trasmissione “Porta a Porta”; la Dott.ssa Lucia Tria, Consigliera della Suprema Corte di Cassazione, sezione lavoro; la Dott.ssa Amelia Torrice, Consigliera della Suprema Corte di Cassazione, sezione lavoro; la Dott.ssa Tiziana Assunta Orrù, Consigliera della Corte d’Appello di Roma, sezione lavoro; il Prof. Giacinto della Cananea, Ordinario di diritto amministrativo nell’Università degli studi di Roma “Tor Vergata”; il Prof. Luigi Fiorillo, Ordinario di Diritto del Lavoro presso l’Università degli studi di Napoli “Federico II” ; il Prof. Vincenzo De Michele, Docente in materia di diritto del pubblico impiego (mattina); il Dott. Alessio Mercanti, Presidente del Comitato Nazionale XXVII Ottobre (vincitori ed idonei dei concorsi pubblici) (mattina) la Dott.ssa Marilena Ciarcia, Assessore al Bilancio e alle Risorse Umane della città di Velletri (mattina); il Dott. Francesco Croce, Segretario della UIL FPL di Roma e Lazio (pomeriggio); l’Avv. Sergio Galleano, esperto in materia di diritto del lavoro e del pubblico impiego (mattina); l’Avv. Francesco Leone, esperto in materia di diritto del lavoro e del pubblico impiego; altri rappresentati di comitati dei vincitori e degli idonei. Introduce e modera il convegno: l’Avv. Giuseppe Pio Torcicollo, ideatore e consulente tecnico del disegno di legge che verrà presentato nel corso del convegno: Co-modera l’Avv. Sergio Galleano;

Schermata 2015-11-25 a 12.10.22Nel corso del convegno sarà presentata una proposta di legge, avente ad oggetto:

1) “Norma di interpretazione autentica dell’articolo 4, comma 4, del decreto legge n. 101-2013 convertito in legge n. 125-2013”: consiste nel chiarire che per “concorsi pubblici”, agli effetti della norma recante la proroga della vigenza delle graduatorie dei concorsi pubblici, si intendono tutti i concorsi pubblici già banditi e le cui graduatorie sono vigenti alla data di approvazione della norma, compresi i concorsi interni e le progressioni verticali banditi prima dell’entrata in vigore della riforma Brunetta (concorsi che secondo la giurisprudenza della suprema corte di cassazione sono anch’essi “pubblici concorsi”, nel significato più “sostanziale” del termine, e rispetto a cui le nuove disposizioni della legge Brunetta che impongono il requisito della “concorsualità aperta all’esterno” non hanno “effetto abrogativo”, non potendo la legge avere effetto retroattivo).

2) “Norme per la trasformazione delle graduatorie dei concorsi pubblici vigenti in graduatorie ad esaurimento, per la graduale immissione in servizio di tutti gli idonei collocati nelle predette graduatorie”: tale proposta tiene conto delle novità della legge delega per la riforma della pubblica amministrazione (legge n. 124 del 7 agosto 2015), in particolare dell’articolo 17, lettera c), nonché delle disposizioni già apportate dalla legge di stabilità per l’anno 2015, che hanno di fatto impedito l’utilizzo delle graduatorie in vigore, per gli anni 2015 e 2016, e del mancato utilizzo delle graduatorie vigenti per altre ragioni, in particolare del mancato scorrimento delle graduatorie dei concorsi interni e delle progressioni verticali, della necessità di “coordinare” l’implementazione delle nuove norme in materia di procedure concorsuali (art. 17, lettera c) succitato) con il principio che anche gli idonei hanno un diritto, quale consacrato nel decreto legge n. 101-2013 convertito in legge n. 125 del 2013 (e ribadito nel decreto legge n. 90 del 2014, convertito in legge n. 114 del 2014), e la necessità di dettare “norme transitorie” per tutelare oltre ai vincitori, anche gli idonei, collocati nelle graduatorie già vigenti alla data di entrata in vigore della legge (titolari di un diritto soggettivo in base ai succitati decreti legge). Tale tutela transitoria consiste, appunto, nel trasformare le graduatorie vigenti in graduatorie “ad esaurimento”, con obbligo per l’amministrazione che ha bandito il concorso cui si riferisce la graduatoria di utilizzare detta graduatoria per una quota parte dei posti vacanti e disponibili, ferma restando la possibilità di bandire nuovi concorsi per coprire la restante parte di assunzioni programmate. Inoltre, tale proposta andrebbe incontro alla possibilità per Enti diversi, che non hanno proprie graduatorie vigenti, di potere ancora utilizzare, dopo il 2016, nel numero predefinito già sopra indicato (con possibilità, quindi, di bandire nuovi concorsi, per le restanti assunzioni), le graduatorie degli enti banditori del concorso.

Per informazioni e accreditamento all’evento si prega di inviare una email a info@avvocatoleone.com

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here


7 + 6 =