Home Test d'Ammissione Illegittimo il numero chiuso a Scienze motorie: ecco come immatricolarsi

Illegittimo il numero chiuso a Scienze motorie: ecco come immatricolarsi

6336
0
Nei giorni scorsi si sono svolti in tutti gli Atenei italiani i test d’accesso per Scienze motorie che illegittimamente prevede il numero chiuso. In questo modo, molti studenti, pur avendo fatto il test, ma non essendosi classificati all’interno del numero dei posti bandito dalle università, sono rimasti fuori.
Molti corsi di laurea tra cui Biologia, Farmacia, Biotecnologia, Scienze motorie, Scienze umanistiche, Psicologia, e altri ancora, prevedono il numero chiuso in maniera del tutto illegittima, precludendo l’accesso a migliaia di studenti.
La stessa storia si era già verificata l’anno scorso e gli Atenei avevano dovuto, in molti casi, rivedere la decisione di chiudere l’accesso ai corsi di laurea in Scienze motorie, Psicologia triennale e magistrale, Biologia e Biotecnologie, Scienze umanistiche, perché i TAR avevano concesso l’immatricolazione di coloro che non avevano superato il test, rendendo giustizia agli studenti.
In particolare, con riferimento allo accademico 2017/2018, il TAR del Lazio, con due importantissime pronunce, ha deciso di sospendere il decreto di introduzione del numero chiuso nella facoltà umanistica della Statale di Milano e quello che aveva introdotto il numero programmato alla facoltà di psicologia dell’Ateneo de L’Aquila.
Secondo una consolidata giurisprudenza amministrativa, infatti, è illegittima la scelta dell’Ateneo di individuare un “numero chiuso” di studenti che possono ambire ad un corso di laurea se il decreto che bandisce i test non contiene alcuna giustificazione in ordine:
  • all’esistenza di un tirocinio obbligatorio da svolgere al di fuori dell’Ateneo;
  • l’obbligo per gli studenti di frequentare dei corsi con laboratori ad alta specializzazione.
I decreti ministeriali che in questi anni hanno introdotto alcuni requisiti per l’accreditamento dei corsi di laurea (rapporto professori/studenti, capienza strutturale delle aule ecc., ndrnon sono sufficienti a giustificare l’introduzione del numero programmato al di fuori di Medicina, Odontoiatria, Veterinaria e Ingegneria Edile-Architettura e Professioni sanitarie” ossia i corsi espressamente previsti dalla legge 264 nel 1999, che afferma che il numero chiuso va istituito solamente se il regolamento didattico prevede laboratori ad alta specializzazione e tirocini connessi al corso di laurea.
Pertanto, gli Atenei che hanno previsto il numero chiuso nei corsi di laurea in Scienze motorie, Psicologia triennale e magistrale, Biologia e Biotecnologie e Scienze umanistiche, riceveranno nelle prossime settimane migliaia di ricorsi contro i rispettivi test di ingresso.
Il TAR, nelle decisioni qua richiamate, afferma con chiarezza che il diritto allo studio non può essere mai limitato dagli Atenei che non hanno il potere di ridurre il numero di accessi alle proprie facoltà, prescindendo da una previsione di legge.
La decisione quest’anno di molti Atenei di confermare il numero chiuso in quelle facoltà che non hanno una programmazione nazionale ma solo locale rappresenta un ostacolo grave all’esercizio del diritto allo studio, tutelato dagli artt. 33 e 34 della Costituzione. Dunque tutti coloro che hanno sostenuto un test per accedere a Scienze motorie o ad un corso a numero programmato (Psicologia, Scienze motorie, Scienze umanistiche, Biologia, Biotecnologia, Chimica e Farmacia) e non si sono classificati utilmente possono fare ricorso ed accedere al corso di laurea ambito. Le condizioni per partecipare a questa campagna sono unicamente l’aver sostenuto il test nelle seguenti facoltà:
  • Scienze motorie, Psicologia triennale e magistrale, Biologia e Biotecnologie e Scienze umanistiche;
  • ricorrere entro 60 gg dalla pubblicazione della graduatoria del proprio Ateneo.
Non possiamo più ignorare che l’applicazione del “numero chiuso” alle facoltà di Psicologia, Scienze motorie, Scienze umanistiche, Biologia, Biotecnologia, Chimica e Farmacia, risulta in contrasto con la normativa nazionale nonché con la Costituzione Italiana che prevede testualmente: “Le istituzioni di alta cultura, università ed accademie, hanno il diritto di darsi ordinamenti autonomi nei limiti stabiliti dalle leggi dello Stato” (art. 33, comma 6, Cost.).

Per maggiori informazioni e per aderire al ricorso clicca qui

Per informazioni e chiarimenti, inviate una mail a info@leonefell.com o chiamate  al numero 0917794561

newsletterPer non perderti le notizie più importanti, clicca qui e iscriviti alla nostra newsletterRiceverai, direttamente nella tua casella di posta elettronica, notizie sulle nostre campagne legali, informazioni utili su tasse e rimborsibanche e mutuidiritti dei consumatoriscuolasanità, oltre a informazioni dettagliate su bandi e concorsi pubblici, e molto altro ancora.

Francesco Leone
L’avv. Francesco Leone si è laureato presso la Facoltà di Giurispudenza di Palermo con una tesi in diritto costituzionale dal titolo “Le Forme di Governo e i Sistemi Elettorali”. Grazie alla guida del dominus Francesco Stallone, ha maturato esperienze come consulente per numerosi Enti Pubblici e Società Private con specifico riferimento alla predisposizione di bandi di gara, schemi di provvedimenti amministrativi e di contratti, interpretazione e applicazione della normativa regionale, nazionale e comunitaria. Superati immediatamente gli esami d’abilitazione, si iscrive all’Albo dell’Ordine degli Avvocati di Palermo. Da quel momento in poi, predispone e patrocina ricorsi singoli, e collettivi, presso la giurisdizione Amministrativa e Civile con particolare riferimento alle tematiche inerenti i Concorsi Pubblici, Esami di Stato, Esami d’Abilitazione, Urbanistica ed Edilizia, Contratti Pubblici/Appalti. Dal 2011 inizia a specializzarsi in Ricorsi Collettivi e Class Action aventi ad oggetto concorsi pubblici, procedure selettive e test d’ammissione e abilitazione. Nel 2013 crea un team di giovani professionisti che, coniugando ricerca scientifica e nuove tecnologie, si occupa con successo di tutti i grandi casi giurisprudenziali degli ultimi anni. Test d’ammissione a Medicina e Professioni Sanitarie, Esami d’abilitazione professionale, Concorsi nelle Forze dell’Ordine, Concorso dell’Agenzia delle Entrate, Selezioni CIAPI, Concorso “Roma Capitale”, Concorso MEF 2015, Piano Giovani e Garanzia Giovani (Youth Guarantee), Concorso Vigile del Fuoco, Accesso alle Scuole di Specializzazione Medica, Trasferimento in Italia da ateneo estero, Stabilizzazione precari e tutte le problematiche inerenti la Scuola rappresentano solo una parte delle attività professionali sino ad oggi svolte.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here


1 + 4 =