Home Concorsi Prova attitudinale, difetto di motivazione: nostro ricorrente riammesso al concorso!

Prova attitudinale, difetto di motivazione: nostro ricorrente riammesso al concorso!

prova attitudinaleAveva partecipato al concorso per 3.700 allievi carabinieri in ferma quadriennale, ma era stato giudicato inidoneo alla prova attitudinale. Non ritenendo corretto il giudizio ottenuto, poiché non adeguatamente motivato, si è rivolto al nostro Studio legale per ottenere la dovuta tutela.

Il Tar, in sede cautelare, aveva già disposto il riesame della prova, ma la commissione si è limitata a riesaminare la documentazione, confermando l’esclusione del candidato, con motivazioni generiche. Il nostro staff ha così impugnato anche il nuovo provvedimento di esclusione e i giudici del Tar hanno accolto le nostre tesi e disposto la ripetizione della prova!

L’esclusione, a detta della commissione, era dovuta al fatto che le sue caratteristiche non erano “adeguatamente aderenti ai requisiti previsti nello specifico profilo attitudinale”.

Il provvedimento, trattandosi di “aspetti suscettibili di singolare apprezzamento” però non era stato adeguatamente motivato. “La valutazione soggettiva, imprescindibile e doverosa del candidato – scrivono i giudici – in specie per la sua assunzione nelle delicatissime aree della difesa, anche armata, delle istituzioni, necessita di un giudizio che, già dalla sua oggettiva motivazione, evidenzi in modo chiaro, univoco e senza margini di dubbio, le carenze attitudinali riscontrate attraverso la predisposizione di valutazioni che non utilizzino, come nel caso di specie, moduli stereotipati validamente intercambiabili per ogni candidato, né espressioni di tipo probabilistico od ipotetico, perché in tal modo i diritti dei cittadini verrebbero arbitrariamente compressi in violazione dell’art.3 della legge 241/1990”.

Trattandosi di valutazione attitudinale, ovvero di specifici aspetti della personalità dei candidati, il giudizio deve essere attentamente motivato anche tenendo in debito conto la pregressa esperienza militare proprio del candidato, i cui giudizi sono più che lusinghieri.

Per tale ragione, i giudici hanno accolto il nostro ricorso e disposto la ripetizione della prova con una commissione in composizione differente e, in caso di esito positivo, il nostro ricorrente sarà ammesso al corso, in quanto vincitore!

Pertanto, chiunque si dovesse trovare in situazioni analoghe, può contattare il nostro studio inviando una mail a info@leonefell.com per ottenere la dovuta tutela.


Ogni selezione nasconde insidie e mille difficoltà ed è necessario conoscerle per poterle affrontare e non pregiudicare la prova. Per questo, noi dello Studio legale Leone-Fell abbiamo deciso di realizzare un nuovo manuale di preparazione per i concorsi. Obiettivo del manuale è quello di spiegare e analizzare le varie fasi che caratterizzano un concorso al fine di consentire a tutti i partecipanti di arrivare preparati alla selezione e, inoltre, di conoscere e prevenire tutte le problematiche che possono verificarsi durante il concorso e dare luogo a una ingiusta esclusione.

Clicca qui e scarica gratis il manuale

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here


4 + 8 =