Home Medici - trattenute IRAP intramoenia

Medici – trattenute IRAP intramoenia

105
0

RICORSO

Recupero trattenute Irap Intramoenia – Medici

Ricorso avverso le illegittime trattenute operate dalle Aziende Sanitarie nei confronti dei medici che svolgono attività intramuraria. Le Aziende Sanitarie sono solite operare trattenuta stipendiale, a titolo di IRAP, per l’attività Intramuraria svolta dai propri dipendenti. Ed invero, soggetto passivo dell’IRAP è unicamente l’Azienda Sanitaria. Ne discende che l’ASL non potrà operare trattenute stipendiali a carico dei medici, e che la stessa sia tenuta a traslare il tributo a carico dei pazienti. A sostegno di tale assunto sono intervenute numerose sentenze giurisprudenziali, tra le quali spicca la sentenza della Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, n. 20917 del 12 settembre 2013, con la quale la Corte ha stabilito che la traslazione convenzionale dell’onere economico dell’Irap, il cui soggetto passivo resta pur sempre l’azienda ospedaliera e non i singoli medici, deve essere esplicitamente prevista in via contrattuale.

TIPOLOGIA DI RICORRENTE

Può presentare questo ricorso il Medico che svolga attività intramuraria, presso le strutture dell’Azienda Sanitaria per la quale svolge attività di lavoro subordinato. Conditio sine qua non per la presentazione del ricorso è l’assenza di contrattualizzazione circa il versamento dell’Irap da parte del medico esercente.

Il ricorso può essere collettivo nel caso in cui più medici vogliano agire contro la stessa Azienda sanitaria.

NORMATIVA

  • 88, comma 2 TUIR;
  • Legge n.662/1996 (introduttiva dell’Irap);
  • 2, D.Lgs. n.446/1997, pone come presupposto dell’imposta “l’esercizio abituale di un’attività autonomamente organizzata diretta alla produzione o allo scambio di beni ovvero alla prestazione di servizi”.

OBIETTIVO DA RAGGIUNGERE

Il ricorso mira ad ottenere il rimborso delle somme illegittimamente trattenute dall’Azienda sanitaria a titolo di IRAP per l’attività intramuraria svolta di propri dipendenti

DOCUMENTAZIONE NECESSARIA

  • Buste paga relative all’ultimo quinquennio o altra documentazione utile al fine di quantificare analiticamente l’entità delle trattenute operate dall’ASL;
  • Regolamento Alpi dell’Azienda Sanitaria contro la quale si agisce.

AUTORITÀ ADITA

L’azione viene incardinata innanzi al Giudice del Lavoro. Con il ricorso si chiederà la declaratoria di illegittimità della trattenuta stipendiale operata dall’Azienda Sanitaria intimata, e il consequenziale rimborso delle somme illegittimamente trattenute.

TERMINE DI ADESIONE

Il credito nei confronti dell’Azienda Sanitaria si prescrive in 5 anni (trattasi di una fattispecie di illegittimo arricchimento) pertanto si potrà agire per il recupero delle trattenute operate nei 5 anni antecedenti la presentazione del ricorso.

TIPOLOGIA DI RICORSO E MODULISTICA

  • Individuale: il singolo Medico agisce per il recupero delle somme illegittimamente trattenute dall’Azienda Sanitaria;
  • Collettivo: possibile unicamente per medici in servizio presso la stessa Azienda Sanitaria

Per ricevere qualsiasi tipo di informazione invia una mail all’indirizzo info@avvocatoleone.com o compila il nostro form “Raccontaci il tuo caso”.

Per informazioni immediate chiama 0917794561

Cartelle pazze: cosa sono e come difendersi

cartelle pazze
Il fenomeno delle cartelle pazze stenta ad arrestarsi. Ogni anno migliaia di contribuenti vengono raggiunti dalla notifica di atti impositivi emessi tanto da Enti impositori...

Concorso infanzia e primaria, pubblicata bozza di decreto: diversi docenti illegittimamente...

concorso infanzia e primaria
Il concorso per la scuola primaria e dell’infanzia sarà bandito a breve, ma è già circolata la bozza del decreto che escluderebbe i diplomati magistrale...

Ricorso Medicina, al via il Tour dei diritti: ecco tutte le...

Torna anche quest’anno il Tour dei diritti, un’iniziativa dello Studio Legale Leone-Fell, tramite la quale gli avvocati Francesco Leone e Simona Fell percorreranno le principali città...

Pensioni Dirigenti di Polizia di Stato, illegittimo il mancato computo della...

promozione alla vigilia
Secondo una recente pronuncia del Tar Lazio (Cfr. Sent. 9440/2018 del 18.09.2018), la disposizione di cui all’art. 9, comma 21, Legge n.122/2010, con cui si disponeva il blocco per...

Medicina: il Senato accademico nega l’immatricolazione a secondo anno, ma i...

medicina
Accade molto spesso che l’istanza di immatricolazione ad anni successivi al primo, per i candidati che hanno superato il test di Medicina, venga rigettata...
Francesco Leone
L’avv. Francesco Leone si è laureato presso la Facoltà di Giurispudenza di Palermo con una tesi in diritto costituzionale dal titolo “Le Forme di Governo e i Sistemi Elettorali”. Grazie alla guida del dominus Francesco Stallone, ha maturato esperienze come consulente per numerosi Enti Pubblici e Società Private con specifico riferimento alla predisposizione di bandi di gara, schemi di provvedimenti amministrativi e di contratti, interpretazione e applicazione della normativa regionale, nazionale e comunitaria. Superati immediatamente gli esami d’abilitazione, si iscrive all’Albo dell’Ordine degli Avvocati di Palermo. Da quel momento in poi, predispone e patrocina ricorsi singoli, e collettivi, presso la giurisdizione Amministrativa e Civile con particolare riferimento alle tematiche inerenti i Concorsi Pubblici, Esami di Stato, Esami d’Abilitazione, Urbanistica ed Edilizia, Contratti Pubblici/Appalti. Dal 2011 inizia a specializzarsi in Ricorsi Collettivi e Class Action aventi ad oggetto concorsi pubblici, procedure selettive e test d’ammissione e abilitazione. Nel 2013 crea un team di giovani professionisti che, coniugando ricerca scientifica e nuove tecnologie, si occupa con successo di tutti i grandi casi giurisprudenziali degli ultimi anni. Test d’ammissione a Medicina e Professioni Sanitarie, Esami d’abilitazione professionale, Concorsi nelle Forze dell’Ordine, Concorso dell’Agenzia delle Entrate, Selezioni CIAPI, Concorso “Roma Capitale”, Concorso MEF 2015, Piano Giovani e Garanzia Giovani (Youth Guarantee), Concorso Vigile del Fuoco, Accesso alle Scuole di Specializzazione Medica, Trasferimento in Italia da ateneo estero, Stabilizzazione precari e tutte le problematiche inerenti la Scuola rappresentano solo una parte delle attività professionali sino ad oggi svolte.