Home Ricorso per l’ottenimento dell’indennità di accompagnamento

Ricorso per l’ottenimento dell’indennità di accompagnamento

RICORSO

Ricorso per l’ottenimento dell’indennità di accompagnamento

L’indennità di accompagnamento è una prestazione economica, erogata a domanda, in favore dei soggetti mutilati o invalidi totali per i quali è stata accertata l’impossibilità di deambulare senza l’aiuto permanente di un accompagnatore oppure l’incapacità di compiere gli atti quotidiani della vita. Essa spetta al solo titolo della minorazione, cioè è indipendente dall’età e dalle condizioni reddituali.

TIPOLOGIA DI RICORRENTE

Per ottenere l’indennità di accompagnamento sono necessari i seguenti requisiti:

  • riconoscimento di totale inabilità (100%) per affezioni fisiche o psichiche (già ottenuto con autonoma domanda, oppure domandato contestualmente all’indennità di accompagnamento);
  • (requisito c.d. sanitario) impossibilità di deambulare senza l’aiuto permanente di un accompagnatore, ovvero impossibilità di compiere gli atti quotidiani della vita e la conseguente necessità di un’assistenza continua;
  • cittadinanza italiana;
  • per i cittadini stranieri comunitari: iscrizione all’anagrafe del Comune di residenza;
  • per i cittadini stranieri extracomunitari: permesso di soggiorno di almeno un anno di cui all’art. 41 TU immigrazione;
  • residenza stabile ed abituale sul territorio nazionale.

Per gli ultrasessantacinquenni (non più valutabili sul piano dell’attività lavorativa) il diritto all’indennità è subordinato alla condizione che essi abbiano difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni dell’età.

OBIETTIVO DA RAGGIUNGERE

Gli obiettivi di questa azione sono:

– consentire agli invalidi civili totali, che versano in condizioni di mancanza di autonomia nello svolgimento degli atti quotidiani della vita e/o che siano impossibilitati a deambulare senza l’aiuto permanente di un accompagnatore, il diritto alla percezione dell’indennità di accompagnamento che, per l’anno 2018, ammonta ad €.516,35 (per 13 mensilità).

– consentire a coloro che ottengono il riconoscimento dell’indennità di accompagnamento inizialmente negato, il diritto alla percezione degli eventuali importi arretrati non corrisposti dall’INPS dal giorno della domanda per la concessione del beneficio.

RIFERIMENTI NORMATIVI

Legge 11/02/1980, n. 18 – Artt. 1-3
Legge 21/11/1988, n. 508 – Artt. 1-2
Legge 23/12/1996, n. 662 – Art. 1, comma 254

AUTORITÀ ADITA

L’autorità competente a conoscere tali controversie è il Tribunale Ordinario – Sezione Lavoro della città di residenza del richiedente il beneficio.

TIPOLOGIA DI RICORSO E MODULISTICA

Il ricorso è di tipo individuale.

DOCUMENTAZIONE NECESSARIA

  • Modello ISEE aggiornato per la certificazione reddituale del soggetto richiedente;
  • Verbale della Commissione Medica INPS che ha riconosciuto l’invalidità civile al 100%;
  • Fotocopia fronte/retro documento di identità e codice fiscale;
  • Documentazione medica comprovante l’impossibilità di deambulare autonomamente o di assolvere autonomamente ai compiti della vita quotidiana;

Per ricevere qualsiasi tipo di informazione invia una mail all’indirizzo info@leonefell.com o compila il nostro form “Raccontaci il tuo caso”.

Per informazioni immediate chiama 0917794561

Ricalcolo pensione (art. 54) Forze armate e dell’ordine, ok anche a...

Il ricalcolo della propria pensione spetta anche ai militari in pensione con più di 20 anni di servizio utile. A stabilirlo diverse sentenze della...

Ex Carbiniere, Inps condannato al ricalcolo pensione

536 Allievi Marescialli
Era andato in pensione nel 2018 come Brigadiere dei Carabinieri, l’Inps gli aveva riconosciuto la pensione ordinaria diretta di vecchiaia liquidata con il sistema...

“Incontro ai diritti”, focus sul ricalcolo pensioni militari il 25 marzo...

ricalcolo pensione
Il Ricalcolo pensioni sarà al centro dell'incontro di lunedì 25 marzo, a partire dalle ore 15, a Napoli. La partecipazione all’evento, organizzato dallo Studio...

Polizia penitenziaria, ok della Corte dei Conti per il ricalcolo della...

In pensione dal 2015, aveva chiesto all’Inps il ricalcolo della propria pensione in quanto calcolata in maniera errata. Al rigetto, l’ex agente di polizia...

Marina Militare: l’ok della Corte dei Conti per il ricalcolo della...

marina militare
Mentre l’Inps continua a calcolare e a liquidare erroneamente l’importo della pensione per gli ex militari, attribuendo un’aliquota prevista per il personale civile al...