Home Ricorso per il ricalcolo del TFR per mancata inclusione del lavoro straordinario

Ricorso per il ricalcolo del TFR per mancata inclusione del lavoro straordinario

403
0

RICORSO

Ricorso per il ricalcolo del TFR per mancata inclusione del lavoro straordinario nella base di calcolo

Molto spesso accade che alcuni datori di lavoro del settore privato omettano di includere nella base di calcolo del TFR di ciascun dipendente in forza presso la loro azienda, le ore di lavoro straordinario che molto spesso i dipendenti sono “costretti” a svolgere con frequenza non occasionale. In altre parole, ogni qual volta capita di svolgere del lavoro straordinario per il proprio datore di lavoro con frequenza costante e ripetuta nel tempo, si ha diritto per legge, art. 2120 c.c., all’inclusione del compenso maggiorato percepito a titolo di lavoro straordinario svolto, nella base di calcolo utile ai fini della quantificazione del TFR.

TIPOLOGIA DI RICORRENTE

Per ottenere il diritto al ricalcolo del TFR sono necessari i seguenti requisiti:

  • Svolgere in modo continuativo e non occasionale ore di lavoro straordinario;
  • L’incidenza del lavoro straordinario nella base di calcolo del TFR non deve essere esplicitamente esclusa dal CCNL di riferimento applicato dal datore di lavoro a quello specifico rapporto di lavoro;
  • Avere cessato il proprio rapporto di lavoro, oppure essere in procinto di cessare il proprio rapporto di lavoro.

OBIETTIVO DA RAGGIUNGERE

L’obiettivo di questa azione è:

ottenere, alla cessazione del rapporto di lavoro, cospicue maggiorazioni dell’importo complessivo del Trattamento di Fine Rapporto.

RIFERIMENTI NORMATIVI

Art. 2120 C.c. Legge 29.05.1982, n.297;
Cass. n.11002/1998;
Cass. n.12411/2002;
Cass. n.12851/2001;
Cass. n.11448/2004;
Cass. n.12778/2005.

AUTORITÀ ADITA

L’autorità competente a conoscere tali controversie è il Tribunale Ordinario – Sezione Lavoro, secondo la competenza territoriale di volta in volta applicabile.

TIPOLOGIA DI RICORSO E MODULISTICA

Il ricorso è di tipo individuale.

Il ricorso può anche essere di tipo cumulativo qualora i ricorrenti presentino identiche fattispecie.

DOCUMENTAZIONE NECESSARIA

  • Modello C.U. aggiornato all’anno in corso e Modelli C.U. e CUD anni precedenti;
  • Tutte le buste paga/cedolini paga relativi al rapporto di lavoro;
  • Copia CCNL applicato al rapporto di lavoro;
  • Contratto individuale di lavoro/lettera di assunzione;
  • Modello UNILAV assunzione (eventuale);
  • Modello UNILAV cessazione rapporto (eventuale);
  • Missiva di dimissioni/licenziamento;
  • Fogli presenza/Elenchi turni/dischi cronotachigrafi/badges/estratti software banca ore/qualsiasi altro tipo di documento utile a provare lo svolgimento delle ore di lavoro straordinario;
  • Eventuali comunicazioni scritte del datore di lavoro (lettere, email, etc) con la richiesta di svolgere ore di lavoro straordinario;
  • Fotocopia fronte/retro documento di identità e codice fiscale;

Per ricevere qualsiasi tipo di informazione invia una mail all’indirizzo info@leonefell.com o compila il nostro form “Raccontaci il tuo caso”.

Per informazioni immediate chiama 0917794561

Ricalcolo pensioni militari, la Corte dei conti condanna l’Inps

ricalcolo pensioni
Si era arruolato nella Guardia di Finanza nel 1986 e dopo 31 anni di servizio viene congedato per sopravvenuta inidoneità psico-fisica. Per tale ragione,...

Ricalcolo pensioni, anche gli agenti di Polizia possono richiederlo

ricalcolo pensione
Anche gli agenti di Polizia di Stato possono richiedere il ricalcolo pensione. Nei mesi scorsi vi abbiamo parlato della possibilità per il personale militare...

Ricalcolo pensione, anche i Vigili del Fuoco possono agire

Ricalcolo pensione per il Personale Militare: anche i Vigili del Fuoco possono agire e chiedere la rivalutazione Negli scorsi giorni abbiamo presentato la campagna legale...

Ricalcolo Pensioni Militari, come chiedere la rivalutazione

Vi abbiamo già parlato della possibilità per gli arruolati nel Corpo della Polizia di Stato e nel Corpo dei vigili del fuoco di ottenere...

Ricalcolo Pensioni, focus sulle Forze Armate

Ricalcolo Pensioni, focus sulle Forze Armate Qualche giorno fa vi abbiamo parlato, per sommi capi, della possibilità per gli arruolati nel disciolto corpo delle Guardie...
Francesco Leone
L’avv. Francesco Leone si è laureato presso la Facoltà di Giurispudenza di Palermo con una tesi in diritto costituzionale dal titolo “Le Forme di Governo e i Sistemi Elettorali”. Grazie alla guida del dominus Francesco Stallone, ha maturato esperienze come consulente per numerosi Enti Pubblici e Società Private con specifico riferimento alla predisposizione di bandi di gara, schemi di provvedimenti amministrativi e di contratti, interpretazione e applicazione della normativa regionale, nazionale e comunitaria. Superati immediatamente gli esami d’abilitazione, si iscrive all’Albo dell’Ordine degli Avvocati di Palermo. Da quel momento in poi, predispone e patrocina ricorsi singoli, e collettivi, presso la giurisdizione Amministrativa e Civile con particolare riferimento alle tematiche inerenti i Concorsi Pubblici, Esami di Stato, Esami d’Abilitazione, Urbanistica ed Edilizia, Contratti Pubblici/Appalti. Dal 2011 inizia a specializzarsi in Ricorsi Collettivi e Class Action aventi ad oggetto concorsi pubblici, procedure selettive e test d’ammissione e abilitazione. Nel 2013 crea un team di giovani professionisti che, coniugando ricerca scientifica e nuove tecnologie, si occupa con successo di tutti i grandi casi giurisprudenziali degli ultimi anni. Test d’ammissione a Medicina e Professioni Sanitarie, Esami d’abilitazione professionale, Concorsi nelle Forze dell’Ordine, Concorso dell’Agenzia delle Entrate, Selezioni CIAPI, Concorso “Roma Capitale”, Concorso MEF 2015, Piano Giovani e Garanzia Giovani (Youth Guarantee), Concorso Vigile del Fuoco, Accesso alle Scuole di Specializzazione Medica, Trasferimento in Italia da ateneo estero, Stabilizzazione precari e tutte le problematiche inerenti la Scuola rappresentano solo una parte delle attività professionali sino ad oggi svolte.