Home Rimborso Tasse Universitarie illegittime (aa.a.2007-2013)

Rimborso Tasse Universitarie illegittime (aa.a.2007-2013)

260
0

RICORSO

Rimborso tasse universitarie illegittime

L’Italia è il terzo Paese europeo per tassazione universitaria più alta, oltretutto una tassazione spesso anche fuori legge.

Senza saperlo, infatti, numerosi studenti universitari hanno versato nel corso degli anni tasse per importi superiori a quelli previsti dalla legge.

Moltissimi Atenei italiani, infatti, hanno imposto agli studenti tasse troppo alte che dovranno essere rimborsate.

TIPOLOGIA DI RICORRENTE

Può ricorrere per il rimborso delle tasse universitarie illegittime chi abbia frequentato uno degli Atenei italiani “fuorilegge” negli anni accademici  dal 2007/2008 sino a giungere al 2012/2013.

Tasse universitarie illegittime: di seguito riportiamo l’elenco delle percentuali di rimborso distinte per Ateneo ed anno accademico.

Università di Bergamo

In media l’Università ha chiesto agli studenti il 45 % in più rispetto al dovuto e precisamente:

  • il 29,5 % in più nell’anno accademico 2007/2008;
  • il 35 % in più nell’anno accademico 2008/2009;
  • il 57 % in più nell’anno accademico 2009/2010;
  • il 41 % in più nell’anno accademico 2010/2011;
  • il 50 % in più nell’anno accademico 2011/2012;
  • il 58 % in più nell’anno accademico 2012/2013.

Università di Varese Insubria Como

In media l’Università ha chiesto agli studenti il 38,5 % in più rispetto al dovuto e precisamente:

  • il 19 % in più nell’anno accademico 2007/2008;
  • il 28 % in più nell’anno accademico 2008/2009;
  • il 48 % in più nell’anno accademico 2009/2010;
  • il 47 % in più nell’anno accademico 2010/2011;
  • il 45 % in più nell’anno accademico 2011/2012;
  • il 44,5 % in più nell’anno accademico 2012/2013.

Università di Venezia Ca’ Foscari

In media l’Università ha chiesto agli studenti il 37,2 % in più rispetto al dovuto e precisamente:

  • il 32 % in più nell’anno accademico 2007/2008;
  • il 35 % in più nell’anno accademico 2009/2010;
  • il 34 % in più nell’anno accademico 2010/2011;
  • il 40 % in più nell’anno accademico 2011/2012;
  • il 45 % in più nell’anno accademico 2012/2013.

*i dati forniti dal MIUR per l’a.a. 2008/2009 sono incompleti.

Università IUAV Venezia

In media l’Università ha chiesto agli studenti il 33 % in più rispetto al dovuto e precisamente:

  • il 27 % in più nell’anno accademico 2007/2008;
  • il 27 % in più nell’anno accademico 2008/2009;
  • il 35 % in più nell’anno accademico 2009/2010;
  • il 35 % in più nell’anno accademico 2010/2011;
  • il 39 % in più nell’anno accademico 2011/2012;
  • il 35 % in più nell’anno accademico 2012/2013.

Università Milano Bicocca

In media l’Università ha chiesto agli studenti il 30,2 % in più rispetto al dovuto e precisamente:

  • il 27 % in più nell’anno accademico 2007/2008;
  • il 22 % in più nell’anno accademico 2008/2009;
  • il 24 % in più nell’anno accademico 2009/2010;
  • il 32,5 % in più nell’anno accademico 2010/2011;
  • il 36 % in più nell’anno accademico 2011/2012;
  • il 40 % in più nell’anno accademico 2012/2013.

Università di Bologna

In media l’Università ha chiesto agli studenti il 29 % in più rispetto al dovuto e precisamente:

  • il 18 % in più nell’anno accademico 2007/2008;
  • il 36 % in più nell’anno accademico 2008/2009;
  • il 26 % in più nell’anno accademico 2009/2010;
  • il 30 % in più nell’anno accademico 2010/2011;
  • il 33 % in più nell’anno accademico 2011/2012;
  • il 31 % in più nell’anno accademico 2012/2013.

Università di Modena Reggio Emilia

In media l’Università ha chiesto agli studenti il 26 % in più rispetto al dovuto e precisamente:

  • il 14 % in più nell’anno accademico 2007/2008;
  • il 20 % in più nell’anno accademico 2008/2009;
  • il 17 % in più nell’anno accademico 2009/2010;
  • il 39 % in più nell’anno accademico 2010/2011;
  • il 32 % in più nell’anno accademico 2011/2012;
  • il 34 % in più nell’anno accademico 2012/2013.

Università di Verona

In media l’Università ha chiesto agli studenti il 22,5 % in più rispetto al dovuto e precisamente:

  • il 2 % in più nell’anno accademico 2007/2008;
  • il 10 % in più nell’anno accademico 2008/2009;
  • il 26 % in più nell’anno accademico 2009/2010;
  • il 26 % in più nell’anno accademico 2010/2011;
  • il 34 % in più nell’anno accademico 2011/2012;
  • il 37 % in più nell’anno accademico 2012/2013.

Università Statale di Torino

In media l’Università ha chiesto agli studenti il 22,5 % in più rispetto al dovuto e precisamente:

  • il 10,5 % in più nell’anno accademico 2007/2008;
  • il 6 % in più nell’anno accademico 2008/2009;
  • il 18 % in più nell’anno accademico 2009/2010;
  • il 32 % in più nell’anno accademico 2010/2011;
  • il 33 % in più nell’anno accademico 2011/2012;
  • il 35 % in più nell’anno accademico 2012/2013.

Università di Padova

In media l’Università ha chiesto agli studenti il 22% in più rispetto al dovuto e precisamente:

  • il 18 % in più nell’anno accademico 2007/2008;
  • il 16 % in più nell’anno accademico 2008/2009;
  • il 17 % in più nell’anno accademico 2009/2010;
  • il 21 % in più nell’anno accademico 2010/2011;
  • il 30,5 % in più nell’anno accademico 2011/2012;
  • il 32 % in più nell’anno accademico 2012/2013.

Politecnico di Milano

In media l’Università ha chiesto agli studenti il 22,7 % in più rispetto al dovuto e precisamente:

  • il 16,5 % in più nell’anno accademico 2007/2008;
  • il 10 % in più nell’anno accademico 2008/2009;
  • il 25 % in più nell’anno accademico 2009/2010;
  • il 26 % in più nell’anno accademico 2010/2011;
  • il 26 % in più nell’anno accademico 2011/2012;
  • il 32 % in più nell’anno accademico 2012/2013.

Per l’Università di Ferrara la percentuali di rimborso raggiungono il 21,49% (nell’a.a. 2010/11), a Pavia il 14,48% e a Pisa il 14,36%.

OBIETTIVO DEL RICORSO

Il ricorso mira ad ottenere il rimborso delle tasse universitarie pagate in eccesso da ogni singolo studente.

NORMATIVA E GIURISPRUDENZA

  • Art. 5 D.P.R. n. 306 del 25.07.1997;
  • Artt. 33 e 34 Cost.
  • TAR Lombardia sent. 1073 del 23.04.2013; Consiglio di Stato sent. n. 1832 del 06.05.2016

DOCUMENTAZIONE NECESSARIA

Ai fini del ricorso è necessario produrre copia dei bollettini di pagamento delle tasse universitarie (bollettini che – per molte Università – sono facilmente reperibili su internet – area studenti) e/o di qualsiasi altro documento (es. bonifico, estratto conto; MAV …) che provi l’intervenuto pagamento delle tasse universitarie.

Nel caso di impossibilità di reperire la predetta documentazione, sarà in ogni caso sufficiente che il ricorrente fornisca la prova di aver frequentato “quel determinato Ateneo in quel determinato periodo”, attraverso la produzione, ad esempio, del numero di matricola o tesserino (che attesti la data di iscrizione) e/o di un certificato di laurea (o anche un’autocertificazione) in modo da poter dimostrare durante quali e quanti anni accademici è stato frequentato l’Ateneo.

AUTORITÀ ADITA

L’azione viene incardinata innanzi al Giudice Ordinario. Foro competenze: luogo in cui ha sede l’Ateneo di riferimento.

TERMINE DI ADESIONE

L’azione di restituzione delle somme illegittimamente versate si prescrive entro 10 anni dal pagamento delle tasse universitarie. (Es: le tasse pagate nel 2007 possono essere rimborsate proponendo l’azione legale entro il 2017).

GRUPPO FACEBOOK PER RICEVERE AGGIORNAMENTI

TIPOLOGIA DI RICORSO E MODULISTICA

Lo Studio Legale propone ricorsi collettivi, che potranno essere proposti unicamente al raggiungimento di 30 adesioni ad Ateneo

Per ricevere qualsiasi tipo di informazione invia una mail all’indirizzo info@avvocatoleone.com o compila il nostro form “Raccontaci il tuo caso”.

Per informazioni immediate chiama 0917794561

Rimborso tasse universitarie: facciamo davvero chiarezza

Rimborso tasse
Con riferimento alla nota pubblicata dall’Udu lo scorso 31 ottobre, dal titolo «Rimborso delle tasse universitarie: facciamo chiarezza»,  unitamente alle colleghe Chiara Samperisi e...

Tasse universitarie illegittime: le cifre del rimborso per chi ha frequentato...

Tasse universitarie illegittime: quali le cifre del rimborso per chi ha frequentato l’Università a Reggio Emilia? Per anni, molti Atenei italiani hanno imposto ai propri...

Tasse universitarie illegittime: le cifre del rimborso per chi ha frequentato...

Tasse universitarie illegittime: quali le cifre del rimborso per chi ha frequentato l’Università a Venezia Ca’ Foscari ? Per anni, molti Atenei italiani hanno imposto ai propri...

Tasse universitarie illegittime: le cifre del rimborso per chi ha frequentato...

Tasse universitarie illegittime: quali le cifre del rimborso per chi ha frequentato l’Università a Bergamo? Per anni, molti Atenei italiani hanno imposto ai propri studenti...

Tasse universitarie illegittime: le cifre del rimborso per chi ha frequentato...

Tasse universitarie illegittime: quali le cifre del rimborso per chi ha frequentato l’Università a Bologna? Per anni, molti Atenei italiani hanno imposto ai propri studenti...
Francesco Leone
L’avv. Francesco Leone si è laureato presso la Facoltà di Giurispudenza di Palermo con una tesi in diritto costituzionale dal titolo “Le Forme di Governo e i Sistemi Elettorali”. Grazie alla guida del dominus Francesco Stallone, ha maturato esperienze come consulente per numerosi Enti Pubblici e Società Private con specifico riferimento alla predisposizione di bandi di gara, schemi di provvedimenti amministrativi e di contratti, interpretazione e applicazione della normativa regionale, nazionale e comunitaria. Superati immediatamente gli esami d’abilitazione, si iscrive all’Albo dell’Ordine degli Avvocati di Palermo. Da quel momento in poi, predispone e patrocina ricorsi singoli, e collettivi, presso la giurisdizione Amministrativa e Civile con particolare riferimento alle tematiche inerenti i Concorsi Pubblici, Esami di Stato, Esami d’Abilitazione, Urbanistica ed Edilizia, Contratti Pubblici/Appalti. Dal 2011 inizia a specializzarsi in Ricorsi Collettivi e Class Action aventi ad oggetto concorsi pubblici, procedure selettive e test d’ammissione e abilitazione. Nel 2013 crea un team di giovani professionisti che, coniugando ricerca scientifica e nuove tecnologie, si occupa con successo di tutti i grandi casi giurisprudenziali degli ultimi anni. Test d’ammissione a Medicina e Professioni Sanitarie, Esami d’abilitazione professionale, Concorsi nelle Forze dell’Ordine, Concorso dell’Agenzia delle Entrate, Selezioni CIAPI, Concorso “Roma Capitale”, Concorso MEF 2015, Piano Giovani e Garanzia Giovani (Youth Guarantee), Concorso Vigile del Fuoco, Accesso alle Scuole di Specializzazione Medica, Trasferimento in Italia da ateneo estero, Stabilizzazione precari e tutte le problematiche inerenti la Scuola rappresentano solo una parte delle attività professionali sino ad oggi svolte.