Home Stabilizzazione precari – Impiego privato

Stabilizzazione precari – Impiego privato

RICORSO

Stabilizzazione precari – Impiego privato

Sulla scorta dei principi introdotti con l’accordo quadro approvato con la direttiva comunitaria 1999/70/CE, sono previsti dei limiti di carattere temporale alla contrattazione a tempo determinato.

Qualora si eccedano le 36 mensilità di servizio, anche non continuative, presso lo stesso datore di lavoro, o il contratto a tempo determinato venga prorogato 6 volte, il lavoratore ha il diritto alla conversione automatica del rapporto di lavoro in rapporto a tempo indeterminato.

Per ottenere la conversione del rapporto sarà necessaria la presentazione di un ricorso.
Unitamente alla conversione del rapporto, potrà essere accordato anche il riconoscimento delle differenze retributive, degli scatti stipendiali, dei periodi di ferie non goduti etc… per il conteggio dei quali sarà predisposta una consulenza tecnica di parte da parte di un consulente del lavoro.

TIPOLOGIA DI RICORRENTE

Lavoratore subordinato con uno o più contratti a tempo determinato presso il medesimo datore di lavoro, il cui rapporto lavorativo abbia ecceduto i limiti sopra descritti.

Co.Co.Co. con rapporto non genuino e nel quale manchi l’autonomia gestionale per il lavoratore ed un progetto che giustifichi il rapporto di collaborazione coordinata continuativa (tale valutazione potrà essere effettuata dal nostro staff).

NB: sarà possibile agire anche per i lavoratori somministrati (o interinali) nei confronti dell’agenzia di somministrazione (interinale).

NORMATIVA

  • lgs. 368/2001 e ss.mm.ii.;
  • direttiva comunitaria 1999/70/CE

DOCUMENTAZIONE NECESSARIA

Il ricorso mira ad ottenere la conversione del rapporto, con la trasformazione dello stesso in rapporto a tempo indeterminato, e il riconoscimento, a titolo di risarcimento, di tutti gli emolumenti non percepiti a causa della flessibilità del contratto di lavoro.

OBIETTIVO DA RAGGIUNGERE

Il ricorso mira ad ottenere la conversione del rapporto, con la trasformazione dello stesso in rapporto a tempo indeterminato

AUTORITÀ ADITA

L’azione viene incardinata innanzi al Giudice del Lavoro. La competenza territoriale dipende dal luogo in cui è sorto il rapporto di lavoro.

TIPOLOGIA DI RICORSO E MODULISTICA

  • Collettivo
  • Individuale

NB: Per l’attivazione del ricorso collettivo è necessario che i lavoratori debbano agire contro lo stesso datore di lavoro.

Per ricevere qualsiasi tipo di informazione invia una mail all’indirizzo info@avvocatoleone.com o compila il nostro form “Raccontaci il tuo caso”.

Per informazioni immediate chiama 0917794561

Concorso DSGA, ricorso collettivo: quando è possibile?

A seguito della pubblicazione degli esiti delle prove scritte del concorso DSGA, molti candidati hanno contattato il nostro Studio per segnale irregolarità. Per proporre...

Test Medicina 2020, “1.500 posti in più” e le colpe del...

test medicina 2020
"Abbiamo aumentato il numero di posti disponibili, 1.500 in più rispetto allo scorso anno, sfruttando al massimo la capacità formativa, considerando sia Medicina che...

Concorso in Magistratura, insufficienza del voto numerico: ok anche dal CdS

magistratura
Avevano partecipato al concorso in Magistratura nel 2018 e avevano ottenuto un’idoneità e due giudizi positivi. I giudici del Tar avevano confermato l’illegittima l’apposizione...

Scuola, mobilità 2020/21: mancato trasferimento, come tutelarsi

mobilità 2020-21
Il Miur ha pubblicato le assegnazioni per la Mobilità 2020/21 e molti docenti hanno scoperto di non essere stati assegnati nelle sedi indicate al...