Home fisco e tributi Rottamazione ter, la domanda blocca subito il recupero coattivo

Rottamazione ter, la domanda blocca subito il recupero coattivo

L’anticipazione della trasmissione della domanda di rottamazione ter, rispetto alla nuova scadenza del 31 luglio, comporta una serie di vantaggi, ovvero il blocco delle azioni esecutive e il rilascio dei certificati di regolarità fiscale e contributiva. La pendenza del termine per la definizione agevolata degli affidamenti non blocca però automaticamente le procedure di recupero coattivo dell’agente della riscossione. Ne consegue che quest’ultimo potrà comunque iscrivere fermi amministrativi e ipoteche nonché notificare atti di pignoramento. Con la presentazione del modello di legge, invece, non potranno essere promosse nuove azioni esecutive né adottate nuove misure cautelari.

Un’altra conseguenza positiva della domanda di rottamazione consiste nel fatto che il debitore non viene considerato moroso né nei riguardi dell’agenzia delle Entrate né nei riguardi dell’Inps, con riferimento ai carichi inclusi nell’istanza.

La presentazione del modulo DA – 2018 – R, inoltre, determina la sospensione delle rate delle dilazioni pregresse ancora in essere, in scadenza fino al 30 novembre 2019. In pratica, la riattivazione del piano di rientro precedente è possibile solo se la domanda viene rigettata o in caso di rinuncia da parte del debitore, prima del 31 luglio.

Le medesime considerazioni valgono per le istanze di saldo e stralcio. A quest’ultimo proposito, si ricorda che se il debitore, persona fisica, indica nella domanda partite che non possono rientrare nello stralcio o possiede un Isee maggiore di 20mila euro (oppure non indica alcun valore), la domanda viene convertita d’ufficio dall’Ader in istanza di rottamazione ter.

Il nostro Studio legale ha sviluppato al proprio interno un nuovo dipartimento dedicato esclusivamente agli utenti che cercano assistenza nell’ambito fiscale-tributario, mettendo a disposizione l’assistenza di professionisti capaci di apprestare un’attività di consulenza e difesa a fronte degli atti impositivi notificata dall’Amministrazione finanziaria.

Per maggiori informazioni sull’azione legale clicca qui

Per non perderti tutti gli aggiornamenti iscriviti al nostro gruppo Rottamazione chiedi all’esperto

newsletter

Vuoi ricevere le notizie direttamente nella tua mail? Clicca qui e iscriviti alla newsletter

Francesco Leone
L’avv. Francesco Leone si è laureato presso la Facoltà di Giurispudenza di Palermo con una tesi in diritto costituzionale dal titolo “Le Forme di Governo e i Sistemi Elettorali”. Grazie alla guida del dominus Francesco Stallone, ha maturato esperienze come consulente per numerosi Enti Pubblici e Società Private con specifico riferimento alla predisposizione di bandi di gara, schemi di provvedimenti amministrativi e di contratti, interpretazione e applicazione della normativa regionale, nazionale e comunitaria. Superati immediatamente gli esami d’abilitazione, si iscrive all’Albo dell’Ordine degli Avvocati di Palermo. Da quel momento in poi, predispone e patrocina ricorsi singoli, e collettivi, presso la giurisdizione Amministrativa e Civile con particolare riferimento alle tematiche inerenti i Concorsi Pubblici, Esami di Stato, Esami d’Abilitazione, Urbanistica ed Edilizia, Contratti Pubblici/Appalti. Dal 2011 inizia a specializzarsi in Ricorsi Collettivi e Class Action aventi ad oggetto concorsi pubblici, procedure selettive e test d’ammissione e abilitazione. Nel 2013 crea un team di giovani professionisti che, coniugando ricerca scientifica e nuove tecnologie, si occupa con successo di tutti i grandi casi giurisprudenziali degli ultimi anni. Test d’ammissione a Medicina e Professioni Sanitarie, Esami d’abilitazione professionale, Concorsi nelle Forze dell’Ordine, Concorso dell’Agenzia delle Entrate, Selezioni CIAPI, Concorso “Roma Capitale”, Concorso MEF 2015, Piano Giovani e Garanzia Giovani (Youth Guarantee), Concorso Vigile del Fuoco, Accesso alle Scuole di Specializzazione Medica, Trasferimento in Italia da ateneo estero, Stabilizzazione precari e tutte le problematiche inerenti la Scuola rappresentano solo una parte delle attività professionali sino ad oggi svolte.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here


2 + 8 =