Home fisco e tributi Soddisfa i creditori mettendo in liquidazione un bene immobile o mobile

Soddisfa i creditori mettendo in liquidazione un bene immobile o mobile

Nell’ambito della procedura di gestione della crisi da sovraindebitamento accanto al piano del consumatore ed all’accordo di ristrutturazione dei debiti è disciplinata la liquidazione del patrimonio e la esdebitazione.

Attraverso tale istituto è consentito al debitore la possibilità di liquidare un proprio bene immobile o mobile dal cui ricavato, e per la somma ricavabile, verranno soddisfatti coloro che vantano un credito.

A seguito della liquidazione, laddove residuino creditori insoddisfatti, sarà inoltre possibile chiedere, ed ottenere, la esdebitazione ovvero la liberazione definitiva del debitore dai suoi debiti residui, i quali saranno dichiarati dal giudice inesigibili.

Citiamo un caso deciso recentemente dal Tribunale di Milano per meglio chiarire la portata concreta di tale istituto.

Il caso riguarda un soggetto titolare di una piccola attività di vendita al dettaglio di abbigliamento che, a causa della crisi economica, ha subito prima un decremento delle vendite e poi è stato costretto a chiudere trovandosi con una esposizione debitoria pari a circa 194.000,00 euro tra Banche, finanziarie ed Erario.

Il soggetto, non riuscendo più a far fronte alle obbligazioni assunte e non percependo alcun reddito, ha fatto ricorso alla procedura da sovraindebitamento e più in particolare alla liquidazione del suo patrimonio offrendo ai suoi creditori la somma di euro 60.750,00 ricavabile tramite la vendita di beni mobili ( arredi e corredi del suo vecchio negozio) per un importo di euro 22.000,00, residue rimanenze di magazzino per 500,00 euro e la quota del 50% di un bene immobile di sua proprietà che è stato venduto e dalla cui vendita è stata realizzata la somma, pro quota, di euro 38.250,00.

Questo soggetto ha così soddisfatto i sui creditori per la somma ricavabile di euro 60.750,00 e per il residuo ha chiesto, ed ottenuto, dal giudice la esdebitazione ovvero la liberazione dei suoi debiti residui che sono stati dichiarati inesigibili.

Questo è soltanto uno dei tanti casi che vengono affrontati e decisi dai nostri tribunali, se anche tu ti trovi in questa o analoghe situazioni, puoi accedere alla procedura da sovrandebitamento e risanare la tua esposizione debitoria.

Domani alle ore 18.00 saremo in diretta sulla pagina Avv. Francesco Leone per parlare di assegni non trasferibili e sovraindebitamento, e saremo pronti a rispondere alle tue domande.

Per qualsiasi dubbio o chiarimento non esitare a contattarci. Per comunicare direttamente con il nostro staff legale invia una mail info@leonefell.com


newsletter

Vuoi ricevere le notizie direttamente nella tua mail? Clicca qui e iscriviti alla newsletter

Francesco Leone
L’avv. Francesco Leone si è laureato presso la Facoltà di Giurispudenza di Palermo con una tesi in diritto costituzionale dal titolo “Le Forme di Governo e i Sistemi Elettorali”. Grazie alla guida del dominus Francesco Stallone, ha maturato esperienze come consulente per numerosi Enti Pubblici e Società Private con specifico riferimento alla predisposizione di bandi di gara, schemi di provvedimenti amministrativi e di contratti, interpretazione e applicazione della normativa regionale, nazionale e comunitaria. Superati immediatamente gli esami d’abilitazione, si iscrive all’Albo dell’Ordine degli Avvocati di Palermo. Da quel momento in poi, predispone e patrocina ricorsi singoli, e collettivi, presso la giurisdizione Amministrativa e Civile con particolare riferimento alle tematiche inerenti i Concorsi Pubblici, Esami di Stato, Esami d’Abilitazione, Urbanistica ed Edilizia, Contratti Pubblici/Appalti. Dal 2011 inizia a specializzarsi in Ricorsi Collettivi e Class Action aventi ad oggetto concorsi pubblici, procedure selettive e test d’ammissione e abilitazione. Nel 2013 crea un team di giovani professionisti che, coniugando ricerca scientifica e nuove tecnologie, si occupa con successo di tutti i grandi casi giurisprudenziali degli ultimi anni. Test d’ammissione a Medicina e Professioni Sanitarie, Esami d’abilitazione professionale, Concorsi nelle Forze dell’Ordine, Concorso dell’Agenzia delle Entrate, Selezioni CIAPI, Concorso “Roma Capitale”, Concorso MEF 2015, Piano Giovani e Garanzia Giovani (Youth Guarantee), Concorso Vigile del Fuoco, Accesso alle Scuole di Specializzazione Medica, Trasferimento in Italia da ateneo estero, Stabilizzazione precari e tutte le problematiche inerenti la Scuola rappresentano solo una parte delle attività professionali sino ad oggi svolte.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here


4 + 1 =