Home Specializzazioni Mediche SSM 2020, vittoria borse perse: proroga adesioni al 4 marzo

SSM 2020, vittoria borse perse: proroga adesioni al 4 marzo

borse perseAveva partecipato al concorso per le Specializzazioni mediche 2020, ma non si era collocata in posizione utile. Il suo punteggio le dà comunque diritto all’attribuzione di una borsa “non intonsa”. Il Consiglio di Stato accoglie e dispone l’immatricolazione in sovrannumero.

Alla luce di questa ennesima conferma, il nostro Studio legale ha deciso di prorogare i termini di adesione al ricorso straordinario fino al prossimo 4 marzo, per consentire a tutti coloro che non hanno ottenuto un punteggio utile ai fini dell’immatricolazione di poter accedere a una borsa non assegnata.

Chi infatti non si è ancora immatricolato può richiedere l’attribuzione di una delle borse rimaste vacanti, nel rispetto della disponibilità e dell’ordine di graduatoria, considerata innanzitutto l’esistenza di borse “non intonse”, parzialmente utilizzate da quegli specializzandi poi trasferitisi ad altra sede o ad altro settore, grazie al continuo scorrimento della graduatoria unica nazionale.

Le borse non intonse, infatti, non possono restare a priori inutilizzate. Il Consiglio di Stato ha già stabilito il fondamentale principio della necessaria assegnazione di tutte le borse, anche quelle “non intonse”, vale a dire quelle parzialmente fruite e poi abbandonate anche successivamente alla iscrizione.

Pertanto, chi non si è ancora immatricolato può aderire al ricorso e richiedere l’assegnazione di una borsa vacante.

Per maggiori informazioni e per aderire al ricorso clicca qui

Tutti coloro che invece si sono immatricolati, ma non nelle proprie scelte, e hanno notato che a seguito degli scorrimenti tali borse ora risultano disponibili, possono aderire al ricorso e ottenere la partecipazione ai successivi scorrimenti.  

Per comunicazioni con il nostro staff legale invia una mail a [email protected]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here