Home Precari Speciale Stabilizzazioni precari: tutto quello che c’è da sapere sulla Riforma Madia

Speciale Stabilizzazioni precari: tutto quello che c’è da sapere sulla Riforma Madia

Speciale Stabilizzazioni precari, cosa prevede il piano straordinario? 

Come ormai noto, nel giugno del 2017, è stato approvato il cd. Decreto Madia, il quale, tra le altre novità, ha introdotto un piano straordinario per l’assorbimento degli oltre 150.000 dipendenti pubblici precari.

Nelle intenzioni del legislatore, la nuova riforma, dovrebbe permettere l’assunzione a tempo indeterminato di almeno 80.000 precari. Le stabilizzazioni verranno effettuate con due differenti modalità, entrambe disciplinate dall’art. 20 del decreto:  la stabilizzazione diretta e le procedure concorsuali con riserva in favore dei precari.

Per poter accedere alla stabilizzazione, al lavoratore precario è richiesto il possesso di alcuni requisiti.

Speciale Stabilizzazioni precari, i requisiti

Nello specifico, infatti, per l’accesso alla stabilizzazione diretta è richiesto il possesso di tre requisiti:

  • L’aver prestato, negli ultimi 8 anni ed entro il 31 dicembre 2017, almeno 36 mesi di servizio, anche non continuativo, presso una pubblica amministrazione;
  • La titolarità di un contratto di lavoro a tempo determinato dopo il 28 agosto 2015;
  • L’aver superato, come vincitore o come idoneo, una procedura concorsuale ed essere stati assunti dalla relativa graduatoria.

Per l’accesso alle procedure concorsuali con riserva di posti in favore dei precari, invece, sono richiesti solo due requisiti:

  • L’aver prestato, negli ultimi 8 anni ed entro il 31 dicembre 2017, almeno 36 mesi di servizio, anche non continuativo, presso una pubblica amministrazione;
  • La titolarità di un contratto di lavoro a tempo determinato dopo il 28 agosto 2015.

La riforma introdotta con il Decreto, inoltre, da la possibilità alle amministrazioni di prorogare, oltre il tetto massimo dei 36 mesi, i contratti a tempo determinato per quei lavoratori che potranno accedere alle procedure di stabilizzazione.

La riforma, inoltre, tiene conto di quelle che possono essere definitive posizioni lavorative “atipiche”, come per esempio quella degli L.S.U. e quella dipendenti del comparto sanità, per le quali vengono dettate delle disposizioni specifiche.

Speciale Stabilizzazioni precari, consulenza gratuita e supporto in tutte le fasi dell’iter

stabilizzazione precariIl nostro staff legale sta seguendo da vicino l’iter che porterà all’apertura delle procedure di stabilizzazione straordinaria introdotte con il Decreto Madia, con l’intento di fornire consulenza, come sempre gratuita, a tutti quei lavoratori precari che vogliono ricevere informazioni in merito ai propri diritti.

Per questo motivo, abbiamo creato una “sezione speciale” sul nostro sito, all’interno della quale pubblicheremo tutte le informazioni relative al decreto e realizzeremo degli approfondimenti specifici per le singole categorie di lavoratori “stabilizzabili”. Ti seguiremo lungo tutto l’iter e potrai contattarci tramite live chat su Facebook, collegandoti alla nostra pagina Avv. Francesco Leone. 

Vuoi sapere se hai requisiti per partecipare alla stabilizzazione? 

Scoprilo immediatamente rispondendo a poche semplici domande. Clicca qui per iniziare il questionario.
Al termine del quiz riceverai la risposta direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Per restare aggiornato e non perderti nessuna informazione, iscriviti al nostro gruppo Facebook dedicato Stabilizzazione Precari.

Per qualsiasi altra informazione potrai inviarci una mail al nostro indirizzo info@avvocatoleone.com e riceverai una nostra consulenza gratuita.

2 COMMENTI

  1. Buongiorno, vorrei sapere sè si possono cumulare i mesi fatti tra diversi enti locali, perchè io sono una precaria dal 2005 e fino al 2017 ho maturato 62 mesi ma in diverse amministrazioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here


2 + 4 =