Home Concorsi Tatuaggio, se di piccole dimensioni, non costituisce motivo di esclusione

Tatuaggio, se di piccole dimensioni, non costituisce motivo di esclusione

Era stato dichiarato inidoneo agli accertamenti psico-fisici e quindi escluso dal concorso per 1148 allievi agenti di Polizia per la presenza di un tatuaggio in zona non coperta dall’uniforme. Poiché il tatuaggio in questione era in via di rimozione, e comunque piccolo e non deturpante, l’aspirante allievo agente ha proposto ricorso. I Giudici del Tar lo hanno accolto e disposto la riammissione. Tra le ragioni dell’accoglimento anche la mancanza di una motivazione dettagliata sulle ragioni dell’esclusione.

“La mera presenza di un tatuaggio sulla cute di un aspirante all’ammissione ad ordinamenti militari – si legge nella sentenza – sarebbe circostanza irrilevante, che acquisterebbe specifica valenza ai fini dell’esclusione dal concorso solo in caso di tatuaggio, per estensione, gravità e sede determinante una rilevante alterazione fisiognomica. Nella specie si tratterebbe di un tatuaggio di piccole dimensioni, dal contenuto neutrale e aspecifico e non deturpante dell’immagine del Corpo di Polizia di Stato, né tanto meno indicativo di una personalità abnorme, e comunque in corso di rimozione, come specificato nello stesso verbale, alla data degli accertamenti di idoneità psico-fisica”.

La motivazione del giudizio medico negativo sarebbe carente proprio perché non descriverebbe il tatuaggio, sia con riferimento alle dimensioni che per la posizione, ma soprattutto non viene fatto cenno alla rimozione laser in corso e alla presenza di cicatrici residue.

I giudici ritengono infatti che il giudizio di inidoneità “sia illegittimo quanto meno sotto il profilo della valutazione dei presupposti di fatto e di diritto e per la carenza di motivazione. (…) Va quindi rilevato che la Commissione medico-legale non ha valutato l’eventualità che il “tatuaggio”, in fase di trattamento di rimozione come accertato dalla stessa, risultasse praticamente non visibile indossando l’uniforme e, in ogni caso, non ha considerato che tale “tatuaggio” fosse destinato a scomparire al termine del trattamento sanitario di rimozione. Pertanto il giudizio della Commissione preposta all’accertamento dei requisiti di idoneità deve ritenersi viziato per difetto dei presupposti, essendo stato equiparato il residuo di un tatuaggio in fase di rimozione ad un tatuaggio vero e proprio”.

Lo Studio legale Leone-Fell monitorerà il corretto svolgimento delle varie fasi del concorso e assisterà tutti coloro che riterranno di aver subito un pregiudizio.

Per ulteriori informazioni invia una mail a info@leonefell.com

newsletter

Vuoi ricevere le notizie direttamente nella tua mail? Clicca qui e iscriviti alla newsletter

Francesco Leone
L’avv. Francesco Leone si è laureato presso la Facoltà di Giurispudenza di Palermo con una tesi in diritto costituzionale dal titolo “Le Forme di Governo e i Sistemi Elettorali”. Grazie alla guida del dominus Francesco Stallone, ha maturato esperienze come consulente per numerosi Enti Pubblici e Società Private con specifico riferimento alla predisposizione di bandi di gara, schemi di provvedimenti amministrativi e di contratti, interpretazione e applicazione della normativa regionale, nazionale e comunitaria. Superati immediatamente gli esami d’abilitazione, si iscrive all’Albo dell’Ordine degli Avvocati di Palermo. Da quel momento in poi, predispone e patrocina ricorsi singoli, e collettivi, presso la giurisdizione Amministrativa e Civile con particolare riferimento alle tematiche inerenti i Concorsi Pubblici, Esami di Stato, Esami d’Abilitazione, Urbanistica ed Edilizia, Contratti Pubblici/Appalti. Dal 2011 inizia a specializzarsi in Ricorsi Collettivi e Class Action aventi ad oggetto concorsi pubblici, procedure selettive e test d’ammissione e abilitazione. Nel 2013 crea un team di giovani professionisti che, coniugando ricerca scientifica e nuove tecnologie, si occupa con successo di tutti i grandi casi giurisprudenziali degli ultimi anni. Test d’ammissione a Medicina e Professioni Sanitarie, Esami d’abilitazione professionale, Concorsi nelle Forze dell’Ordine, Concorso dell’Agenzia delle Entrate, Selezioni CIAPI, Concorso “Roma Capitale”, Concorso MEF 2015, Piano Giovani e Garanzia Giovani (Youth Guarantee), Concorso Vigile del Fuoco, Accesso alle Scuole di Specializzazione Medica, Trasferimento in Italia da ateneo estero, Stabilizzazione precari e tutte le problematiche inerenti la Scuola rappresentano solo una parte delle attività professionali sino ad oggi svolte.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here


8 + 9 =